A Ed Viesturs non interessa il record di velocità con il cambio dell’8000

A Ed Viesturs non interessa il record di velocità con il cambio dell’8000

“], “filter”: { “nextExceptions”: “img, blockquote, div”, “nextContainsExceptions”: “img, blockquote, a.btn, ao-button”} }”>

Fuori dalla porta? Leggi questo articolo sulla nuova app Outside+, ora disponibile sui dispositivi iOS degli abbonati!
>,”name”:”in-content-cta”,”type”:link”}}”>Scarica l’app.

La turbolenta stagione di arrampicata himalayana del 2023 è stata segnata sia dal trionfo che dalla tragedia. Di più Scalatori di sempre Partirono per la vetta del Monte Everest e sulla montagna morirono 17 persone, il numero più alto mai registrato in una sola stagione. Scalatori a caccia di record Distruggi i monumenti storici su 14 vette che raggiungono gli 8.000 metri. Ma anche la corsa per conquistare i vertici Ha contribuito A Disastri mortali. Anche i libri di storia che documentano le imprese raggiunte su queste montagne sono stati capovolti. Nuovi metodi per esaminare le salite storiche hanno portato a un Guinness World Record Per spogliare alcuni dei più grandi atleti di questo sport– in particolare l’alpinista italiano Reinhold Messner – sui loro risultati precedenti.

L’intera serie di eventi non è andata bene Ed Vistors, il leggendario alpinista che nel 2005 divenne il primo americano a scalare vette di 8.000 metri senza l’uso di ossigeno supplementare. Ho parlato con Viesturs, 64 anni, in ottobre dello stato dell’arrampicata in Himalaya e se pensa o meno che il record di Messner debba reggere.

Vesters, qui nel 2014, non è un fan dei record di velocità sulle vette himalayane. (Foto: Charlie Gallay/Getty Images)

I visitatori mi hanno detto che non prende sul serio la decisione di Guinness. “La lista, per come la vedo sempre, mi nomina la quinta persona a scalare tutti gli 8.000 senza ossigeno”, ha detto Viesturs. “Non mi importava se ero al primo, quinto o decimo posto, ma in qualche modo, recentemente, le quattro persone davanti a me sono state rimosse dalla lista attraverso analisi o controlli e io sono stato spinto al primo posto. Ha cambiato la mia vita ? No, ma qualcuno lo sta seguendo.»

READ  Roberto De Zerbi: Pep Guardiola ha salutato l'allenatore del Brighton come uno degli allenatori più "influenti".

Le folle sull’Everest e l’aumento della corsa ai record sono collegati allo stesso grande cambiamento avvenuto nell’alpinismo himalayano. Il rapido aumento delle compagnie di guida himalayane significa che le scalate del Monte Everest e di altre vette sono più facili ed economiche che mai. Alcune aziende guideranno gli scalatori alle prime armi su percorsi che decenni fa erano il parco giochi degli scalatori più esperti. Altre società di guida si rivolgono specificamente agli alpinisti che inseguono i record e sperano di conquistare tutti gli 8.000 alpinisti.

A Viesturs non piacevano questi dischi. “I media e il grande pubblico adorano questo tipo di evento veloce. È veloce e apparentemente innovativo. Attira molta attenzione. Ma questo stile di arrampicata ha bisogno di logistica, manodopera per riparare le corde e molti soldi. “Non è un’abilità.”

Inoltre, correre su queste vette provoca situazioni pericolose. Il 7 ottobre la scalatrice americana Anna Goto e la sua guida Mingma Sherpa Morì sotto una valanga a 26.335 piedi a Shisha Pangma. Meno di un’ora dopo, la guida nepalese Tenjin Lama Sherpa e la sua cliente, un’altra alpinista americana, Gina Marie Rzesedlo, sono morti quando una valanga separata li ha sepolti più in alto sulla vetta. Entrambe le donne morirono mentre cercavano di diventare la prima donna americana a scalare tutti gli 8.000 metri ed erano in lizza per il titolo.

Viesturs ritiene che la richiesta di stabilire record di velocità sia uno dei maggiori problemi che l’alpinismo himalayano deve affrontare in questo momento. “Le vette più alte del mondo attireranno sempre le persone”, afferma Viesturs. “Con l’aumento della domanda, gli allestitori stanno aumentando le risorse. Alcuni allestitori sono ben organizzati e formati, altri forse non così tanto.

READ  Kane ha segnato due gol nel primo avvio di stagione del Tottenham

I visitatori non incolpano le guide, ma piuttosto il fatto che gli incentivi che spingono i clienti alla vetta possano convincerli a correre rischi inutili. Alcune guide sentono una forte pressione per portare in cima i loro clienti più pagati. “La pressione di questo investimento e di queste aspettative fa sì che le guide continuino a spingere verso la vetta i clienti che forse sarebbero dovuti tornare prima, a causa della mancanza di resistenza o abilità”, ha detto Viestors. Questo, unito a quella che ha descritto come una mentalità di pensiero di gruppo, probabilmente ha contribuito all’alto numero di vittime sul Monte Everest.

Una volta acclimatati, i numerosi gruppi guidati disparati al campo base del Monte Everest attendono con impazienza una notizia del bel tempo. Quando alle guide viene dato il via libera a una finestra meteorologica, nessuno vuole essere lasciato indietro: una dinamica che porta a colli di bottiglia e ingorghi sulla strada. “Molti team decidono di puntare per quel giorno apparentemente perfetto, piuttosto che aspettare o presumere che potrebbero esserci molti altri giorni buoni in futuro”, afferma Viesturs. Sostiene che il problema dell’affollamento nel giorno del vertice può essere risolto dai team leader che si uniscono e sviluppano un piano per distribuire gli sforzi del vertice, piuttosto che svolgerli tutti nello stesso giorno.

Anche se Viesturs ha poco interesse per gli alpinisti che inseguono record di velocità sulle vette degli 8.000 metri, c’è molto dell’arrampicata in Himalaya che ancora lo interessa.

“Ci sono molti alpinisti che realizzano salite straordinarie con poca fanfara o pubblicità. La recente salita di La parete nord dello Janu “(25.300 piedi), progettato in stile alpino, è un ottimo esempio del futuro dell’arrampicata”, afferma Viesturs. “Le scalate difficili vengono effettuate da piccoli team, spesso su vette relativamente sconosciute.”

READ  Controversie che circondano Dimba Ba. Post provocatori su Twitter e il messaggio di Warrior sull'Occidente scritto ad aprile

Queste salite spesso passano inosservate perché è difficile descrivere quanto siano avveniristiche. Ad esempio, l’arrampicata su Janu ha comportato lo spostamento su una parete tre volte più grande di El Capitan in Yosemite, arrampicandosi strato dopo strato di roccia verticale e ghiaccio per sette giorni. I tiri più difficili sarebbero troppo difficili per gli scalatori di ghiaccio più esperti sulle rocce, per non parlare di 25.000 piedi.

“Al grande pubblico non interessa, ma le persone che sanno cosa comportano queste salite prestano attenzione”, dice Viesturs.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *