Il veterano italiano chiama NextGen “non vale la pena guardarlo”

Fabio Fognini teme per il futuro del tennis e afferma che la prossima generazione di giocatori non produrrà partite degne di essere guardate.

Il 34enne dice che non ha intenzione di guardare lo sport una volta che ha spento la sua racchetta.

Fognini ha detto che pagherebbe volentieri per poter rivedere Roger Federer all’apice della sua fama, ma afferma che i giovani giocatori del tour stanno giocando un tennis noioso e prevedibile.

L’italiano non crede che questo periodo d’oro del tennis maschile sarà mai imitato.

“Senti, sarò onesto. Probabilmente perché vengo da una generazione più anziana, ma non mi piace il futuro che si presenta a questo sport”, ha detto durante una conferenza stampa a Buenos Aires.

“Tutto è uguale, l’unica cosa che vedi è colpire i ragazzi con un dritto e le bombe, non mi piace”.

“Quando mi ritirerò dal tennis professionistico, non vedrò nulla di questo sport in TV e non pagherò il biglietto per vederlo, non credo ne valga la pena”.

“Chi pagherò il biglietto è per Federer. Vorrei che potessimo vederlo come ai vecchi tempi. Lo amo, sembra tutto semplice quando lo fa, ma non lo è. Non so se possiamo vedere il suo meglio di nuovo la versione.”

Fognini è stato eliminato dall’Open d’Argentina nei quarti di finale da Federico Delbonis.

All’inizio della settimana, Delbonis ha battuto il connazionale Juan Martin del Potro in quella che potrebbe essere l’ultima partita professionale dell’ex campione degli US Open.

Galleria Juan Martin del Potro: dalla vittoria degli US Open al nuoto con i delfini

Fognini ha elogiato Del Potro, definendolo un Big Four match della sua giornata.

READ  Il defunto Eriksen manda l'Inter in semifinale di Coppa Italia dove Ibrahimovi ش vede il rosso | Guardian Nigeria News

“È un grande amico, un tipo”, ha detto il numero 40 del mondo in omaggio, “e mi rende così triste per quello che gli è successo e vederlo com’era quel giorno”.

“Conosco il vero Juan Martin. (Lui) è uno dei pochi che può combattere contro i Big Four quando erano al loro meglio. Non ho potuto parlargli in questi giorni, ma gli auguro ogni bene con tutti il mio cuore perché lo considero un amico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.