Besix rappresenta le pietre miliari del progetto di raddoppio stradale italiano

Gli appaltatori hanno installato la campata in acciaio del ponte del Calvario, una struttura in acciaio di 246 tonnellate che è stata prima assemblata a terra (per gentile concessione di Besix)

Besix e il suo partner italiano Donati stanno raddoppiando la Strada Statale 318 di 3,1 km per conto dell’Autorità autostradale italiana ANAS. Il contratto prevede la realizzazione di due gallerie, due gallerie, un ponte e un ponte.

Lavoriamo 6 giorni alla settimana, 24 ore al giorno

Hervé Jourquin, vicedirettore del progetto

Besix Egli ha detto Due eventi significativi a un anno dall’inizio dell’attività. Il primo è stato lo scavo della Galleria Casacastalda e l’installazione della campata in acciaio del Ponte del Calvario.

La Statale 318 è un hub per le comunicazioni est-ovest in Italia. Partendo da Perugia in direzione di Ancona, attraversa la montagnosa campagna umbra.

Il contratto prevede la realizzazione delle gallerie Casacastalda e Picchiarella, lunghe rispettivamente 1.545 metri e 874 metri, del Ponte Tre Viscovi di 130 metri e del Ponte del Calvario di 60 metri. Ciò aggiungerà due corsie di traffico al percorso esistente.

Il 31 gennaio gli appaltatori hanno installato la campata in acciaio del Ponte Calvario, una struttura in acciaio da 246 tonnellate prima assemblata a terra prima di essere issata da due gru, una da 500 tonnellate e una da 800 tonnellate.

Hervé Jourquin, vice project manager di Besix presso il sito, ha dichiarato: “A causa della presenza dei pali dell’elettricità, che richiedevano il movimento di una delle gru durante il funzionamento, l’installazione doveva essere eseguita in due fasi, un’ulteriore sfida magistralmente dai team del sito.

L’asfalto non sarà posato fino alla fine dei lavori tra due anni.

Entro la fine dell’anno verrà inoltre realizzata l’estensione del ponte Tre Vescovi. L’approccio qui sarà diverso, poiché l’estensione verrà spinta anziché sollevata dopo che è stata assemblata a un’estremità.

Il 4 febbraio le macchine hanno iniziato a scavare da entrambe le estremità del più lungo Tunnel di Casacastalda.

“Utilizziamo un metodo tradizionale, che consiste nella perforazione metro per metro e nell’installazione graduale di travi in ​​acciaio”, ha affermato Hervé. “Questi formano un anello metallico a contatto con la roccia su cui viene spruzzato il cemento”.

L’ultima galleria, che gli automobilisti vedranno, sarà realizzata nella prima galleria di sicurezza.

“Per la struttura del tunnel, utilizziamo una tecnica chiamata ‘arco rovescio’. Realizziamo un arco nella parte superiore, supportato da un arco inferiore. Ciò richiede un getto rapido della parte inferiore per installare gli archi nel cemento”, ha detto Hervey.

Per il segmento superiore, le operazioni utilizzeranno la tecnologia ferroviaria per la realizzazione di casseforme, impermeabilizzazioni e iniezione di coperture.

“Lavoriamo 6 giorni alla settimana, 24 ore al giorno”, ha detto Hervé. “Complessivamente, con le trasformazioni che questo comporta, avremo 80 persone che lavoreranno su questo tunnel, e tra le 120 e le 150 con il Tunnel Picchiarella, che sarà costruito allo stesso modo”.

Lo scavo del secondo tunnel dovrebbe iniziare a metà del 2022. In totale, i due tunnel richiederanno 8.240 tonnellate di acciaio solo per la perforazione del rinforzo e altre 4.060 tonnellate per i rinforzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.