Mick Schumacher sarà un pilota di riserva per la Ferrari la prossima stagione insieme al suo solito posto con Haas

Mick Schumacher sarà il pilota di riserva della Ferrari la prossima stagione insieme al suo solito posto con Haas mentre il tedesco continua le orme del suo famoso padre Michael.

  • Mick Schumacher sarà il pilota di riserva della Ferrari in Formula 1 il prossimo anno
  • Il tedesco continuerà a emulare suo padre, la leggenda della F1 e della Ferrari Michael
  • Schumacher ha fatto il suo debutto in Formula 1 con Haas nel 2021 e mantiene ancora il suo posto regolare
  • Mick sarebbe in grado di correre con la Ferrari in 11 gare su 23 se ci fosse un ritiro.
  • Charles Leclerc e Carlos Sainz rimarranno piloti chiave per la Ferrari nel 2022


Mick Schumacher raddoppierà come pilota di riserva per la Ferrari la prossima stagione, pur avendo anche un regolare posto di gara ad Haas.

Il capo del team Ferrari Mattia Binotto ha detto ai giornalisti che il tedesco, figlio della leggenda della Formula 1 Michael Schumacher, sarebbe disponibile a stare in 11 delle 23 gare da record in assenza di Charles Leclerc o Carlos Sainz.

L’italiano Antonio Giovinazzi, che quest’anno ha perso il posto all’Alfa Romeo con sede in Svizzera ma ha ottenuto una vettura in Formula E, sarà una riserva per le 12 gare che non sono in conflitto con la serie elettrica.

Mick Schumacher sarà un pilota di riserva per la Ferrari la prossima stagione insieme al suo solito posto alla Haas

“Quando lui (Giovinazzi) sarà in pista sarà il nostro pilota di riserva”, ha detto Binotto. Inoltre sarà a disposizione dei nostri team clienti, quindi sarà sia Haas che Alfa Romeo.

Per le restanti 11 gare, Mick Schumacher sarà il pilota di riserva della Ferrari.

Haas ha la sua riserva ufficiale nel brasiliano Pietro Fittipaldi, intervenuto due volte nel 2020 dopo il focoso incidente di Romain Grosjean. L’Alfa Romeo ha interpretato anche il polacco Robert Kubica in questo ruolo.

Schumacher, sostenuto dalla Ferrari, ha fatto il suo debutto in Formula 1 in questa stagione, superando il collega debuttante Nikita Mazepin ma non ottenendo un punto per una squadra leader che ha dedicato tutte le proprie risorse alla vettura del 2022.

Mick (sopra) ha corso per la Ferrari in Formula 2 e potrebbe intervenire per la squadra italiana nel 2022

Mick (sopra) ha corso per la Ferrari in Formula 2 e potrebbe intervenire per la squadra italiana nel 2022

Binotto ha detto che Mick è migliorato durante la stagione, in termini di consistenza e velocità, e continuerà a supportare la Ferrari con i simulatori disponibili a Maranello e gli ingegneri Ferrari che lavorano con lui.

“Se guardi alle ultime gare, era molto più vicino alle macchine davanti a lui, mentre Haas non ha sviluppato affatto la macchina”, ha detto il capo della Ferrari.

Binotto ha affermato che Giovinazzi avrà un programma completo di lavoro di simulazione e ha suggerito che l’italiano ha la possibilità di tornare sulla griglia di partenza a tempo pieno nel 2023.

“Penso che ci siano 11 posti che saranno liberi nel 2023… 11 hanno contratti che scadono alla fine del 2022. Quindi è importante per lui come pilota rimanere parte del nostro programma di F1”, ha detto.

Binotto ha affermato che i colloqui sarebbero iniziati presto per un’estensione del contratto con lo spagnolo Sainz, che ha avuto una stagione solida con la Ferrari dopo essersi trasferito dalla McLaren, e si aspettava che la discussione non fosse complicata. Leclerc ha un contratto a lungo termine.

La Ferrari 2022, ancora da nominare, era in fase di pianificazione e il lancio era previsto tra il 16 e il 18 febbraio.

La Ferrari è arrivata terza nel 2021, un grande salto dal sesto posto della stagione precedente, e Binotto ha affermato che la squadra era più forte di prima. Attualmente non esiste uno sponsor principale, ma Binotto ha affermato che i colloqui continuano con il suo partner di lunga data Philip Morris International (PMI).

Penso che ci siano molte opportunità con cui possiamo collaborare e che manteniamo come partner. Abbiamo diverse opzioni sul tavolo al momento e stiamo ancora parlando con loro.

Binotto sperava di vedere la Ferrari vincere di nuovo le gare l’anno prossimo dopo il vuoto nel 2021 e avvicinarsi a Mercedes e Red Bull.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *