WorldSBK Phillip Island: “Tre gare saranno dure” – Petrucci

WorldSBK Phillip Island: “Tre gare saranno dure” – Petrucci

|
|
MondialeSBK

immagine: foto di Gebee


Danilo Petrucci della Ducati è pronto per l’attesissimo arrivo al WorldSBK questo fine settimana mentre il pilota di Barney Spark si schiera a Phillip Island.

Petrucci non è estraneo al circuito WorldSBK dopo tre stagioni nella Superstock 600 e due stagioni nella Stock1000, che ha coronato con un Vice Campionato prima del suo passaggio in MotoGP nel 2012.

“Sono emozionato e curioso perché è un nuovo torneo”, ha ammesso Petrucci tornando sulla scena mondiale nella categoria produzione. “Ho sempre desiderato correre un giorno nel Mondiale Superbike. L’anno scorso, quando si è presentata l’opportunità, ho detto ‘beh, forse è il momento di tornare nel Campionato del Mondo’. Penso che il Mondiale Superbike stia diventando più grande, la lotta per il titolo lo scorso anno è stato enorme e quindi mi dico: “Perché non riesco a vedere le gare più da vicino”. Così ho deciso di unirmi a questo campionato e sono davvero felice.

“Ho lasciato questo circuito nel 2011 e stavo correndo con Barney alla Superstock, e sono tornato su questo circuito con la stessa squadra”, ha continuato il suo viaggio verso casa. “È stato davvero bello perché ricordo molto bene la stagione 2011 in Superstock, abbiamo lottato fino alla fine per il campionato, abbiamo vinto il campionato italiano in Superstock, quindi ho molta fiducia in questa squadra e al momento tutto funziona .”

Il passaggio ininterrotto dalla MotoGP alla MotoAmerica attraverso il Rally Dakar dello scorso inverno ha lasciato il posto a una stagione più che perfetta questa volta, con l’italiano che si è unito ai test pre-stagionali di gennaio che non gareggiava da una Suzuki jolly al Gran Premio di Thailandia lo scorso settembre.

READ  Quando giocherà di nuovo Christian Eriksen per l'Inter? La cronologia del ritorno della star danese

Nonostante ciò, Jerez si è dimostrato favorevole, almeno inizialmente prima di passare a una Panigale V4R 2023 per Portimao e Phillip Island. Dopo aver concluso l’ultima giornata di test in Australia undicesimo in assoluto, si è piazzato secondo dietro al compagno di squadra del Bologna, Álvaro Bautista.

“È stato assolutamente pazzesco”, ha confermato il 32enne italiano. “Perché a Jerez, e soprattutto il primo giorno, ero come guidare sempre questa moto con quella gomma, era come andare a casa mia. Ma dal secondo giorno abbiamo avuto qualche difficoltà, soprattutto con le gomme nuove, e poi a Portimão è stato esattamente lo stesso perché non ho guidato una bicicletta nella mia vita.

“Ero costantemente lento e la cosa più folle era che niente funzionava davvero, non proprio peggio, non proprio meglio.

“Così ci siamo seduti a Phillip Island e ho detto ‘Ok, devo salire in moto e capire perché stiamo avendo tante difficoltà’. Abbiamo capito che la posizione di guida non è ancora buona. Mi sento sempre a disagio, soprattutto quando freno e Stavo dicendo al mio capotecnico che non è esattamente quello che sta succedendo sulla moto. Quindi le mie informazioni non erano sicure ed ero nei guai perché in una curva ero veloce e in un’altra ero molto lento.

“L’ultimo giorno abbiamo fatto una buona simulazione di gara ed ero contento della velocità. Sono ancora preoccupato per il tempo sul giro singolo con la gomma nuova – non posso andare forte al momento – ma la simulazione di gara è andata bene . Sto guidando la gomma. È stata un po’ una sfida ma mi sentivo bene. Purtroppo sono caduto con un altro pilota e mi sento un po’ dolorante in tutto il corpo ma penso che starò bene per il fine settimana .”

READ  Gut Bahrami vince in discesa dopo l'incidente del campione olimpico Jogja

Mentre Petrucci sta attualmente affrontando il suo nuovo campionato, nuove gomme, una Panigale aggiornata e il ritorno in una squadra con cui non ha gareggiato per 12 anni, il WorldSBK ha un altro elemento in più per il massimo delle corse, un weekend di tre gare.

“Un anno, davo il massimo per una gara e poi dicevo: ‘Okay, stasera mi diverto con la mia squadra e i miei amici e possiamo bere due o tre birre'”, ha detto con un sorriso. “Ma l’anno scorso al MotoAmerica, ho detto: ‘Oh no, domani ho un’altra gara, quindi devo concentrarmi su domani”. E ora in Superbike ne abbiamo tre!

“Anche dal punto di vista fisico credo sarà difficile, ho molta paura per la prossima settimana in Indonesia, ma anche qui sarà difficile con questo caldo.

“Sinceramente non mi aspetto molto da me da queste due gare, anche perché c’è ancora molta pressione su me stesso, quindi devo stare calmo e cercare di divertirmi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *