Home / Politica / Se la politica non raccoglie le angosce di padri e madri di famiglia

Se la politica non raccoglie le angosce di padri e madri di famiglia

di Giuseppe Saluppo

Si pensa già alle prossime elezioni nazionali o regionali che siano. Cominciano i curriculum a circolare sulle scrivanie della politica. Senza rendersi conto che nessuno può fare nulla per il deserto economico e sociale che ci circonda. Ma dietro a quei curriculum c’è un mondo reale di persone e di famiglie con le loro storie di disagio e sofferenza; un mondo poco esplorato, volutamente misconosciuto e sottaciuto. Persone e famiglie che, abbandonate a loro stesse dalle Istituzioni e, spesso, prive del supporto di parenti e amici, vivono una drammatica precarietà esistenziale dalla quale può non esserci ritorno. Mentre la crisi continua a ‘mordere’ con forza il sistema produttivo regionale, la classe politica avrebbe dovuto  pensare a un vero e proprio Piano regionale di sviluppo economico. Ovvero ad uno strumento con il quale la Regione avesse pianificato l’attuazione delle politiche economiche per i prossimi anni in materia di industria, artigianato, commercio, cooperazione, turismo e settore secondario e terziario. Un documento agile, fondato su quattro punti strategici capace di dare delle direttive e fornire linee d’azione tanto per quanti già operano sul territorio, tanto per quanti potrebbero mettere un pensierino sul Molise. Un passo necessario per l’elaborazione di un Piano con al suo interno concetti chiave per lo sviluppo dei settori produttivi da fare emergere dagli ambiti di intervento e relativi obiettivi operativi fissati dallo stesso strumento di programmazione. Tanto per fare qualche esempio: innovazione e trasferimento tecnologico, promozione ed internazionalizzazione, competitività, integrazione/aggregazione e certificazioni ambientali e sociali delle imprese. Il tutto, però, senza faraonici e irrealizzabili propositi ma guardando, piuttosto, alla realtà, alla situazione in essere e da qui ripartire per garantire sviluppo. Un Piano capace di assicurare, anche, quell’articolata rete di azioni e progetti per rilanciare la produzione e assicurare alle imprese che operano sul territorio i necessari punti d’appoggio. La navigazione a vista, però, non ha garantito la definizione di un Piano. Ma non determina amarezza raccogliere quei silenzi, quei turbamenti, quelle angosce di padri e madri di famiglia che si trovano, quando va bene, a dovere ricominciare con un co.co.co?

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

I Cinque stelle presentano la mozione di sfiducia a Frattura

I consiglieri regionali del Movimento Cinque Stelle, Antonio Federico e Patrizia Manzo, in merito alla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*