Zara risponde dopo la reazione negativa alla recente campagna

Zara risponde dopo la reazione negativa alla recente campagna

Il rivenditore di fast fashion Zara si è trovato al centro di una tempesta sui social media dopo che una recente campagna pubblicitaria ha suscitato rabbia e critiche. Ora la società ha rilasciato delle scuse.

L’8 dicembre l’azienda ha condiviso immagini che promuovevano una giacca che fa parte della sua ultima collezione. Una delle istantanee mostrava la modella americana Christine McMenamy che trasportava un manichino coperto da un panno bianco, mentre un’altra foto mostrava la modella in piedi all’interno di una scatola di legno.

Le persone online hanno confrontato la pubblicità con le immagini della guerra tra Israele e Hamas, con i cadaveri coperti da sudari bianchi.

@HereZme stesso/X

“Boicottate Zara!” “La nostra sofferenza non è estetica per te”, ha scritto un utente su X.

Il 12 dicembre l’azienda si è scusata su Instagram, spiegando che la campagna era stata “progettata a luglio”.

“Non hai controllato le notizie negli ultimi tre mesi?” ha scherzato un commentatore.

Secondo Zara, il concetto dello studio degli scultori doveva mostrare “abiti fatti a mano in un contesto artistico”.

“Sfortunatamente, alcuni clienti si sono offesi da queste immagini, che ora sono state rimosse, e hanno visto in esse qualcosa di molto lontano da ciò che era previsto al momento della loro creazione”, ha affermato il marchio. “Zara si rammarica di questo malinteso e riaffermiamo il nostro profondo rispetto per tutti”.

Leggi la dichiarazione completa di seguito:

L’incubo delle pubbliche relazioni di Zara non è ancora finito, perché le scuse non sono state buone.

“Ragazza, chi ha accettato queste scuse????” ha chiesto un commentatore. “Questo è tanto insensibile quanto il fatto che abbia deciso di pubblicare foto sapendo benissimo cosa sta succedendo a Gaza e come lo vedrà chiunque sappia leggere quella fastidiosa stanza. Sii migliore!”

READ  È l'asso Gigi Becali. Quando tutti pensavano che non avesse più carte, ha ritirato il proprietario della FCSB vincente.

“‘Ho visto qualcosa’ – vuoi dire di cosa si trattava?’ ‘Che bugia fasulla’, disse un altro.

“Il tempismo e l’intento non giustificano l’orrore dell’impatto. Le tue scuse mancavano di compassione e umanità. Quando sappiamo meglio, facciamo meglio… e ora so che è meglio non farlo.” [ever] “Sostieni nuovamente il tuo negozio”, ha affermato un altro commentatore.

Ma non tutti si sono affrettati a cancellare il marchio.

“Non riesco a credere quanto le persone siano così lontane dalla realtà da trasformare qualcosa di carino in qualcosa di così offensivo”, ha detto un utente. “Le persone hanno bisogno di riprendere il controllo. Era molto chiaro quale fosse la storia dietro le immagini. Sono sconvolto che le persone abbiano inventato tutto questo in quel modo. Se hanno bisogno di sentirsi offesi da qualcosa, che si tratti delle pratiche commerciali di Zara e non questa innocua campagna”, ha detto.

Daily Hive ha contattato Zara e aggiornerà questa storia quando risponde.

READ  Il punto di riferimento solleva preoccupazioni per la mancanza di trasparenza di Ottawa sul programma eolico e sull’idrogeno di Port-au-Port

Qual è la tua posizione su questo tema? Fateci sapere nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *