WorldSBK Indonesia: il tanto atteso Caricasulo vince il WorldSSP

WorldSBK Indonesia: il tanto atteso Caricasulo vince il WorldSSP

|
|
MondialeSBK

immagine: foto di Gebee


Federico Caricasolo di Althea ha festeggiato la sua prima vittoria nel WorldSSP in quattro anni dopo la lunga battaglia di domenica in Indonesia.

Tre italiani hanno completato il podio a Mandalica dopo che Stefano Manzi di Ten Kate Yamaha e Niccolo Pollegga di Aruba Ducati hanno goduto di una carica a fine gara. Il numero 62 è stato perso all’ultimo giro da un ravennate.

Un leggero ritardo nella gara Supersport di domenica ha lasciato il posto a 18 giri intorno ai 4,3 chilometri della classifica di Lombok, quando Bulega ha conquistato la pole position. Caricasulo dietro al compagno di squadra Ducati con Can Öncü di Puccetti Kawasaki subito dietro prima di sfidare l’Althea per il secondo posto.

Raffaella De Rosa di Orelac Ducati era quarta all’inizio dell’evento. Manzi è risalito dalla decima quinta posizione in griglia quando Valentin Depez cade in GMT94. L’italiano passa Di Rosa al termine del secondo giro.

Glen van Straalen è il prossimo a cadere sulla EAB R6 quando Öncü ha preso il comando con un nuovo giro più veloce. Nicky Tooley ha piazzato la Dynavolt Triumph al sesto posto davanti a Marcel Schroeter sulla MV Agusta, mentre Nicholas Spinelli della VFT Yamaha, Jorge Navarro della Ten Kate e Oli Bayliss della D34G hanno completato la top ten.

Il vantaggio di Onko è stato portato a otto decimi di secondo al quinto giro. Caricasulo ha sfidato Bulegga per il secondo posto prima che i due italiani si scambiassero di posizione la prossima volta che Manzi si è unito alla lotta, poiché aveva anche mandato il detentore del podio a lottare per il podio.

READ  I club della Premier League si rifiutano di consentire ai giocatori in servizio internazionale nei paesi della lista rossa

La battaglia Tuuli/de Rosa è continuata alle spalle quando il finlandese è arrivato quinto alla prima curva. Schroeter è entrato nella mischia e Navarro ha seguito l’esempio mentre ha iniziato la lotta a quattro e ha superato il tedesco per il sesto giro all’ottavo giro.

John McPhee ha fatto circolare l’undicesimo posto sulla Vince64 Kawasaki a metà gara. Lo scozzese ha mandato Bayliss in posizione mentre l’australiano ha iniziato a svanire, MV Bahattin Sofuoglu successivo in linea sul bordo della top ten.

Caricassolo ha ceduto a Manzi in vantaggio di otto giri. La battaglia tutta italiana è continuata mentre l’uomo Althea cercava di riguadagnare terreno, e Bulegga ha fatto del suo meglio quando ha anche provato a risalire sul podio, anche se a un secondo dal quarto posto.

Solo mezzo secondo ha coperto i primi tre a sei giri dalla fine. Manzi ha iniziato a guidare nel secondo settore mentre Öncü ha iniziato a lottare. Caricasulo approda al rettilineo successivo con Bulega di nuovo in lizza al termine della gara.

I primi cinque incontri hanno visto Schroeter al comando con quattro rimanenti. Taran McKenzie di Petronas MY Honda aveva in palio l’ultimo punto per il campionato dopo che una battaglia tra le due squadre con Adam Norodyn ha visto Harry Truelove di Triumph scendere dietro la coppia al 17° posto.

Bulegga è tornato sul podio, in una vicenda tutta italiana, a tre dalla fine. Caricasulo ha lottato per il comando prima che la Yamaha chiudesse la porta con una mossa vincente nelle fasi finali.

Caricasulo ha ottenuto la sua prima vittoria in Supersport dal 2019 da un frustrato Manzi mentre Bulega ha completato il podio. Onko ha guidato Schroeter, Tully, De Rosa e Navarro nei primi otto, mentre Spinelli, Sofuoglu, McPhee e Bayliss sono stati in testa. Una collisione in ritardo tra i due piloti Yamaha of Thailand ha visto Abiwath e Longthanon schiantarsi a terra alla curva 16, mentre Norudin, Mackenzie e Anubab Sarmon hanno raccolto i punti finali.

READ  Frenkie de Jong deve convincere il Manchester City a "favorire" Ferran Torres con il Barcellona - Alex Brotherton

Clicca qui per gli orari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *