I satelliti “cybersicuri” utilizzano l’intelligenza artificiale per alimentare il nuovo progetto di Leonardo in Italia

I satelliti “cybersicuri” utilizzano l’intelligenza artificiale per alimentare il nuovo progetto di Leonardo in Italia

Notizia

20 febbraio 2024

Lisa Daigle

Assistente caporedattore

Sistemi militari integrati

I satelliti “cybersicuri” utilizzano l’intelligenza artificiale per alimentare il nuovo progetto di Leonardo in Italia
Disegno per gentile concessione di Leonardo

Roma. L’azienda aerospaziale e di difesa Leonardo ha accettato un progetto del Ministero della Difesa italiano (tramite l’agenzia appaltante Teledife) che intende utilizzare supercomputer, intelligenza artificiale/apprendimento automatico (AI/ML) e cloud computing a bordo di una costellazione di ciò che definisce “cybersecurity “satelliti in orbita attorno… alla terra.

Nell’ambito del progetto di studio Military Space Cloud Architecture (MILSCA) – sotto la supervisione del Ministero della Difesa italiano nell’ambito del Piano Nazionale delle Ricerche Militari (PNRM) – il team si propone di definire un’architettura spaziale in grado di fornire al governo italiano e militare con capacità di calcolo e archiviazione ad alte prestazioni direttamente nello spazio. .

Una volta operativa, la nuvola spaziale sarà in grado di archiviare più di 100 terabyte di dati generati sulla Terra e nello spazio a bordo di ciascuna costellazione di satelliti, elaborando dati a velocità/potenza di oltre 250 TFLOPS (250 trilioni di operazioni al secondo) con precisione singola. Utilizzo di algoritmi avanzati che utilizzano intelligenza artificiale/apprendimento automatico e analisi completa dei dati. Sarà inoltre in grado di comunicare e scambiare dati in modo autonomo con altri satelliti.

Leonardo utilizzerà il suo supercomputer davinci-1, guidando il progetto nei suoi ruoli nelle joint venture Telespazio (67% Leonardo, 33% Thales) e Thales Alenia Space (67% Thales, 33% Leonardo); Si prevede che dureranno 24 mesi. La fase iniziale consisterà nella definizione dell'architettura, mentre la seconda fase si concluderà con lo sviluppo di un gemello digitale del satellite dotato di un computer ad alte prestazioni e di un terminale satellitare con display multi-pianeta.

READ  Martin respinge l'italiano infortunato e si assicura una doppietta nel GP di San Marino

Il progetto porterà ad un'altra fase sperimentale che, se confermata, includerà il dispiegamento in orbita di una costellazione dimostrativa di satelliti.

Aziende in primo piano

Leonardo

Piazza Montegrappa n. 4
Roma, 00195

Talete

Tour Carpe Diem, 31 Place de Corolle
Sidex, Sr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *