WhatsApp evidenzia come proteggere i messaggi privati ​​in quanto molti migrano su Signal

WhatsApp di recente Aggiorna i suoi termini e l’informativa sulla privacy Autorizzare la condivisione dei dati con tutte le aziende della famiglia Facebook. Ciò ha suscitato molto scalpore tra gli utenti di WhatsApp in tutto il mondo, con molti di loro che sono passati ad alternative come Signal e Telegram. Il cambiamento di politica ha anche sollevato alcune preoccupazioni sull’agenda di Facebook e ha generato alcune voci fuorvianti che hanno accelerato il flusso degli utenti. Nel tentativo di chiarire le cose, WhatsApp ha ora pubblicato in risposta ad alcune delle domande più frequenti sulle misure sulla privacy e sulla politica di condivisione dei dati.

Messenger proprietario di Facebook È stato recentemente aggiornato Una sezione FAQ con nuove risposte che evidenzia come continua a proteggere i messaggi privati, nonostante alcune voci che indichino il contrario. Si afferma che l’aggiornamento della politica “Non influisce in alcun modo sulla privacy dei tuoi messaggi con amici o familiari. Invece, questo aggiornamento include modifiche alla messaggistica di un’azienda su WhatsApp, che è opzionale e fornisce maggiore trasparenza su come i dati vengono raccolti e utilizzati”.

Un nuovo grafico condiviso dall’azienda mostra che WhatsApp non può vedere i messaggi privati ​​o ascoltare le chiamate, e quindi nemmeno Facebook. Rivela inoltre che WhatsApp non conserva i registri degli utenti che stanno inviando messaggi o chiamate, non può vedere la posizione condivisa, non condivide le informazioni di contatto con Facebook e che i gruppi WhatsApp rimangono privati.

Sul fronte delle conversazioni con le aziende, WhatsApp ha chiarito che alcune aziende presenti sulla piattaforma sfrutteranno i servizi di hosting di Facebook per gestire le conversazioni WhatsApp. Queste società potranno utilizzare le informazioni per i propri scopi di marketing, come la pubblicazione di annunci mirati su Facebook. Per garantire che gli utenti sappiano quando comunicare con un’azienda del genere, WhatsApp classificherà chiaramente la conversazione nell’app. La società aggiunge inoltre che utilizzerà l’attività di acquisto degli utenti per personalizzare la loro esperienza in negozio e, se gli utenti interagiscono con un annuncio pubblicitario sulla piattaforma, potrebbe “Usa il modo in cui interagisci con questi annunci per personalizzare gli annunci che vedi su Facebook.”

Sebbene queste risposte affrontino alcune voci che circolano su varie piattaforme di social media (incluso WhatsApp), potrebbero non essere sufficienti per influenzare l’opinione pubblica. Cosa ne pensi di questo argomento? Continuerai a utilizzare WhatsApp o sceglierai altri programmi di messaggistica come Signal o Telegram dopo che le nuove modifiche alle norme avranno effetto il mese prossimo? Condividi i tuoi pensieri nella sezione commenti qui sotto.

READ  Microsoft chiude l'app Cortana su Android e iOS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *