Vivo in Italia da 15 anni, queste sono le mie sei regioni vinicole preferite

Vivo in Italia da 15 anni, queste sono le mie sei regioni vinicole preferite

Uno dei brividi della vita in Italia è indulgere in una passione nazionale per il vino. Questo è un paese, con oltre 400 varietà di uva e una serie di vini acclamati in tutto il mondo che emergono costantemente, che inevitabilmente si trova in cima alla lista di un amante del vino.

Il vino è immerso nel tessuto stesso dell’Italia. La viticoltura era già ben radicata in Italia quando i Fenici arrivarono in Sicilia circa 2000 anni fa. E mentre la vinificazione tradizionale continua nella maggior parte delle regioni italiane, stanno accadendo anche alcune innovazioni incredibilmente entusiasmanti.

Sono 20 le regioni vinicole italiane in tutto, con gran parte della campagna dedicata alla produzione di vino, e da più di 15 anni mi occupo Cammina con i gruppi Attraversa i paesaggi tappezzati di vigneti d’Italia, incontra i produttori di vino e scopri alcuni dei loro migliori vini. Una cosa che ho imparato nel corso degli anni è che semplicemente non puoi vedere l’enoturismo italiano isolatamente. Per me, gustare il vino italiano è completamente avvolto dalle tradizioni del paese di cibo straordinario e paesaggi meravigliosi.

Ecco le mie regioni vinicole italiane preferite.

Vino Sassica “Super Tuscan” a Bulgheri

Credito immagine: www.hedonistichiking.com

1. Toscana

La regione vinicola più importante d’Italia non ha bisogno di presentazioni. Il paesaggio toscano di dolci colline punteggiate di case coloniche e castelli, vasti vigneti e uliveti e filari ordinati di cipressi occuperà sempre un posto speciale nel mio cuore. La verità è che i vigneti toscani fanno semplicemente parte della vita quotidiana nella regione.

Il vino è noto per questo

La produzione vinicola della Toscana spazia dai bianchi secchi ai rossi corposi, includendo alcuni dei vini più famosi al mondo. Questa è la patria del Chianti Classico, la DOCG più votata (Denominazione di Origine Controllata e Garantita) Rossi, Brunello di Montalcino e Nobile di Montepulciano.

Sulla costa toscana, invece, diversi produttori hanno mostrato cosa può portare un tocco di creatività, innovazione e rottura con la tradizione. nella regione vinicola Bulgariuna combinazione di un clima locale unico e una piccola rivoluzione enologica, unita a un cambiamento nelle leggi sul vino del paese nel 1992, ha portato alla creazione di vini “super toscani”, come il sassicaia e il tignanello.

Suggerimento professionale: Una conclusione perfetta per una cena in Toscana? Un bicchierino di Vin Santo dolce con qualche cantucci.

Degustazione di vini in Piemonte

Credito immagine: www.hedonistichiking.com

2. Piemonte

Un forte concorrente della Toscana, e uno dei miei preferiti per i suoi paesaggi, Piemonte È una regione di alta quota ai piedi delle Alpi vicino al confine con la Francia. Questa è una zona di cime aspre e verdi colline punteggiate da cantine a conduzione familiare. Sede del movimento “slow food”, i suoi straordinari vini famosi in tutto il mondo sono abbinati a piatti al tartufo, risotti cremosi e formaggi piccanti e aromatici.

Il vino è noto per questo

La regione produce vini rossi con sapori ricchi e complessi e più vini DOCG che altrove, tra cui il Barolo e il Barbaresco, entrambi ottenuti dall’uva nebbiolo. Ma questa elegante regione vinicola è nota anche per i suoi vini bianchi, in particolare l’Arnaise e il Gavi, nonché per il Moscato d’Asti bianco frizzante, spesso apprezzato come vino da dessert.

Suggerimento professionale: Scopri di più sui vini di tutta la penisola italiana in un ottimo ristorante Banca del Vino (“La Banca del Vino”) nel piccolo borgo di Pollenzo.

Splendida vista sui laghi italiani

Credito immagine: www.hedonistichiking.com

3. Lombardia

Sede dell’affascinante capitale italiana, Milano, con i suoi centri commerciali chic e l’abbagliante teatro dell’opera, non assoceresti automaticamente la Lombardia alla viticoltura. Ma ci sono due distinte regioni viticole: a sud di Milano, la regione poco visitata dell’Oltrepò Pavese, ea nord e ad est ci sono i vigneti della Valtellina e intorno al Lago di Garda.

Il vino è noto per questo

La Lombardia è conosciuta per il suo spumante Franciacorta DOCG, prodotto con il metodo tradizionale dello champagne, ma anche per il suo rosso intenso Valtellina Superiore DOCG, ottenuto da uve nebbiolo. I vigneti intorno all’emozionante Lake District d’Italia producono alcuni fantastici vini bianchi e il tradizionale rosato aromatico o il Chiaretto rosso brillante.

Suggerimento professionale: Sorseggia un calice di frizzante Franciacorta in un ristorante sul lago affacciato sulle scintillanti acque del Lago di Como.

Pranzo con vista sul paesaggio montuoso dell’Alto Adige

Credito immagine: www.hedonistichiking.com

4. Trentino-Alto Adige

Questa splendida regione di confine un tempo faceva parte della provincia austro-ungarica dell’Alto Adige. Il capoluogo della regione, Bolzano, è un crogiolo di cultura italiana e tedesca, con pane e pasticcini in stile tedesco popolari come la pizza e le birrerie piene di cantine lungo le strade acciottolate. Tutto sommato, è un ottimo mix di influenze ed è anche sede di alcuni dei paesaggi montani più belli del paese.

Il vino è noto per questo

Come regione, è nota per i suoi vini pregiati, in particolare il Pinot Bianco e il Pinot Grigio di produzione locale, ottimi con piatti di pesce e tradizionali Canederli (gnocchi tirolesi). Tra i vini rossi ci sono varietà internazionali come il pinot nero e il cabernet sauvignon accanto ai vini rossi caldi locali schiava (vernaccia) e lagrein – l’accompagnamento perfetto per salumi e formaggi freddi e scuri.

Suggerimento professionale: Esplora il meglio della produzione vinicola della regione a Strada del Vino.

Gustate i piatti a base di prosciutto e formaggio locali accompagnati dai vini delle colline di Coleo

Credito immagine: www.hedonistichiking.com

5. Friuli-Venezia Giulia

Incastonato ai piedi delle Alpi nell’Italia nord-orientale, al confine con Austria e Slovenia, il Friuli Venezia Giulia è un’altra regione interessante con le sue influenze multiculturali e un paradiso per gli escursionisti. Amo la varietà di paesaggi che virano da verdi vallate e dolci colline a maestose cime montuose e siti Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Il vino è noto per questo

IOÈ anche uno dei preferiti dagli amanti del vino. Il mite clima mediterraneo e le fresche correnti d’aria provenienti dalle Alpi sono le condizioni ideali per i vini bianchi. I vini del Collio, infatti, sono tra i migliori d’Italia. Due favoriti della regione includono Friulano e Ribolla Giala, ma nelle numerose piccole cantine a conduzione familiare sulle colline del Collio, troverai ampie opportunità per assaggiare una vasta gamma di vini bianchi leggeri e rinfrescanti accompagnati da piatti di prosciutto locale e formaggio.

Suggerimento professionale: Prova vini diversi in una delle tante simpatiche cantine di Cormòns (capoluogo del Collio) accompagnati da un invitante piatto di il mio ragazzo (Salumi, formaggi, trote affumicate e bolliti).

Vigneti siciliani accanto all’Etna

Credito fotografico: Mazur Travel/Shutterstock.com

6. Sicilia e Sardegna

Isole d’Italia

La Sicilia, l’isola più grande d’Italia, produce un’impressionante gamma di vini grazie a una riuscita combinazione di clima caldo e suolo vulcanico. I vigneti alle pendici dell’Etna ospitano uve rosse come il nerello mascalese e il nerello cappuccio, oltre al più famoso, scuro e fruttato Nero d’Avola. Numerosi sono però anche i vitigni a bacca bianca, con i migliori vini tra cui quelli da uva Catarato. Ottimi anche i vini da dessert, tra cui il Marsala e lo Zippo di Pantelleria, perfetti con la pasticceria!

Tuttavia, tra tutte le isole italiane, la Sardegna è probabilmente la mia preferita, anche per il suo interno frastagliato, che contrasta perfettamente con la sua splendida costa di spiagge di sabbia bianca orlate da acque turchesi. Questa drammatica differenza è evidente anche in alcuni dei suoi vini. L’ottimo Cannonau di Sardegna rosso deciso si abbina alla cucina rustica sarda. Il bianco più fresco del Vermentino di Sardegna è l’accompagnamento ideale per antipasti di mare, pesce e crostacei.

Suggerimento professionale: Entra per provare una deliziosa delizia gastronomica sarda, porcedo (“maialino”), cotto intero sul fuoco e cosparso di un potente cannone rosso.

Se stai cercando vini specifici da aggiungere alla tua cantina, dai un’occhiata a questi articoli:

READ  Cultured City Guide: ora è il momento di scoprire le gemme nascoste del sud Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *