Victor Osimhen: la stella del Napoli è l’ultimo gol africano in Italia

Victor Osimhen: la stella del Napoli è l’ultimo gol africano in Italia

In una stagione storica, l’ultimo gol in Serie A di Victor Osimhen ha stabilito un altro record.

Il gol dei nigeriani è stato contro la Fiorentina il 7 maggio Il suo numero 47 in Serie A, L’attaccante del Napoli George Weah ha superato la Liberia e lo ha reso il capocannoniere africano nella storia del campionato – un’impresa notevole visto che l’ex stella del Milan Weah è l’unico africano a vincere il Pallone d’Oro assegnato al miglior calciatore del mondo . .

Ma gli attaccanti affamati di gol non sono gli unici africani a lasciare il segno in Italia. BBC Sport Africa dà uno sguardo ad alcuni dei fatti e delle cifre dei giocatori che hanno trovato il successo dopo aver attraversato il Mediterraneo.

Pioniere e recordman

In generale, i calciatori africani che arrivano in Italia si possono dividere in due categorie: giovani promesse e star affermate.

Osimhen Weah rientra esattamente nella seconda categoria, così come l’idolo ghanese Abedi Pele, che ha vinto la Champions League a Marsiglia prima di approdare al Torino nel 1994, Samuel Eto’o, uno dei protagonisti del triplete dell’Inter nel 2010, e Mohamed. Salah, ceduto in prestito alla Fiorentina dal Chelsea nel gennaio 2015 e poi ceduto alla Roma sei mesi dopo.

Il duo africano Sulley Muntari (a sinistra) e Samuel Eto’o (a destra) ha vissuto la migliore stagione dell’Inter (2009-10) vincendo Serie A, Coppa Italia e UEFA Champions League prima di vincere anche il Mondiale per club.

Poi ci sono il ghanese Sulley Muntari, scoperto a 16 anni dall’Udinese e passato all’Inter e al Milan, e il senegalese Khoma Babacar, anch’egli arrivato alla Fiorentina da adolescente e poi in maglia molto più a lungo. Cinque club italiani con più di un decennio nel paese.

Ma forse non hai sentito parlare del primo africano mai apparso in Serie A.

François Zhoué, 19enne attaccante della Costa d’Avorio, esordisce in Serie A con la maglia dell’Ascoli contro la Fiorentina il 28 ottobre 1981.

Ha giocato 11 volte nel corso di una stagione, spesso ricevendo l’insolito compito del suo allenatore, Carlo Mattsson, di entrare in campo come sostituto in ritardo ed essere intenzionalmente in fuorigioco per perdere tempo.

Si dice che l’adolescente si sia presentato al suo primo allenamento a piedi nudi, proprio come era abituato a casa, ma ha continuato a lasciare il segno nel calcio ivoriano come allenatore della nazionale maschile tra il 2010 e il 2012, oltre a dove era a capo del Niger e della Repubblica Centrafricana.

I ghanesi guidano la classifica dei calciatori africani che hanno giocato più partite del campionato italiano

Le 11 presenze in Serie A di Al Zahwi impallidiscono al confronto Kwadwo Asamoah, detentore del record per un africano.

READ  Air Canada 737 Max 8 gira da solo

Il ghanese, che ha giocato con Udinese, Juventus, Inter e Cagliari, ha giocato 279 partite nel campionato italiano, precedendo di sole nove i suoi connazionali Muntari e Alfred Duncan. Capitano del Senegal Segue Kalidou Koulibaly con 236 presenze con il Napoli.

In questa stagione, 15 paesi africani sono stati rappresentati in prima divisione con un totale di 45 giocatori che hanno partecipato almeno una volta.

La Nigeria è in cima alla lista con otto giocatori, seguita da Marocco e Costa d’Avorio con sei giocatori ciascuna. Quattro giocatori rappresentavano Ghana e Camerun, tre da Algeria, Gambia e Senegal, due dalla Guinea Equatoriale e uno da Angola, Mali, Guinea, Zambia, Sierra Leone e Tunisia.

45 calciatori africani provenienti da 15 paesi hanno giocato almeno una partita in Serie A in questa stagione. Nigeria, Costa d’Avorio, Marocco, Ghana e Camerun sono i paesi con la più alta rappresentanza

capocannonieri

Mentre Zahwi è stato il primo africano a giocare in prima divisione, il difensore senegalese Roger Mendy è stato il primo a segnare.

Passato al Pescara neopromosso, ha segnato per aiutare la sua squadra a vincere 2-0 in casa contro il Brescia nel febbraio 1993. Un gol importante per l’Africa ma non per il Pescara, retrocesso a fine stagione.

Da allora i gol africani sono stati una costante nel panorama calcistico italiano.

Dietro Osimhen Weah, l’ivoriano Frank Kessie ha collezionato 41 presenze in 204 presenze con Atalanta e Milan prima del suo passaggio al Barcellona.

L’attaccante senegalese Keita Balde ha segnato 41 gol con Lazio, Inter, Sampdoria e Cagliari.

E in fondo alla lista arrivano la leggenda camerunese Samuel Eto’o e Salah, ognuno dei quali ha segnato 35 gol.

Il nigeriano Victor Osimhen è ora il capocannoniere africano di tutti i tempi in Serie A, dopo aver superato George Weah.

Ciò che spicca della stagione in corso è il fatto che, a quattro partite dalla fine, quattro dei primi cinque marcatori del campionato sono africani.

Lautaro Martinez è l’uomo alle spalle di Osimhen, ma dopo l’argentino arriva l’attaccante del Senegal, della Salernitana Bolay Dia, della Nigeria, dell’Atalanta Adamola Lookman e di Mbala dell’Angola e dello Spezia.

In totale, il Quattro africani hanno 64 gol fra loro.

Se ciò non bastasse, la star del Malawi e dell’Inter Tabitha Shawenga è la capocannoniere del campionato femminile.

Vale anche la pena notare che i due recenti vincitori del premio di Giocatore dell’anno della Serie A sono di origine africana: Romelu Lukaku dal Belgio e dalla Repubblica Democratica del Congo, e Rafael Leao che gioca per il Portogallo ma è di origine angolana.

READ  QOTD: Dopo Integra, quale altra targa ti piacerebbe vedere rivivere?

Osimhen è un record

Osimhen ha superato il record di tutti i tempi di Weah ma non è passato inosservato in Africa.

In verità, il grande uomo stesso, Ora il presidente della LiberiaOffri “congratulazioni sincere”.

“Sono davvero orgoglioso delle tue imprese”, ha detto il 56enne. In un comunicato sui social

.

George Weah è l’unico africano a vincere il Pallone d’Oro, essendo stato nominato FIFA World Player of the Year nel 1995 mentre era al Milan.

“Quando ho vinto il mio primo scudetto con il Milan, mi sono detto, perché uno, perché non due? Sono andato a vincere il Pallone d’oro. Quindi perché non prenderne due o più per te, Victor? Il cielo è il limite. “

“Ci sono molti grandi giocatori africani nei tornei europei. Devono davvero affrontare gli ostacoli di giocare contro molte probabilità… Quindi superare le probabilità e raggiungere la vetta è qualcosa che merita il nostro elogio”.

I due sono gli unici africani a segnare almeno 10 gol in tre stagioni consecutive, con Weah che ha realizzato l’impresa nelle campagne terminate tra il 1996 e il 1998.

Crescono intanto i numeri di Osimhen nelle ultime tre stagioni in concomitanza con le finali di campionato del Napoli: 10 gol e quinto posto nel 2020/21; 14 gol e terzo posto nel 2021/22. 23 gol e lo scudetto tanto atteso in questa stagione.

momenti speciali

Che si tratti di gol incredibili, festeggiamenti stravaganti o acconciature folli, gli africani sono stati anche responsabili di alcuni dei momenti salienti del calcio italiano negli ultimi decenni. Qui ci sono solo alcune.

George Weah zoppica in aula – Milan-Verona, 8 settembre 1996

Tuttavia, non capita spesso di vedere un giocatore portare la palla per quasi tutta la lunghezza del campo Questo è esattamente quello che ha fatto George Weah a San Siro

Dopo un corner per la squadra ospite.

L’attaccante rossonero ha raccolto un pallone vagante all’interno della propria area di rigore ed è corso incontrastato fino a metà campo, a quel punto ha iniziato a colpire a terra i difensori del Verona come nove birilli, emergendo in qualche modo con la palla da un groviglio di magliette gialle corpi sparsi sul prato. .

Ha quindi proceduto a infilare la palla su un lato della porta finale degli avversari prima di correre dall’altra parte e tirare basso attraverso il portiere da appena dentro l’area di rigore.

Maestoso, potente e aggraziato, la sua corsa individuale è considerata uno dei più grandi gol in Serie A di tutti i tempi.

Obafemi Martins era noto per le sue celebrazioni da gol

Acrobazie di Obafemi Martins – Inter-Milan, 13 maggio 2003

Dopo aver giocato per la prima volta con la Reggiana, l’attaccante nigeriano Obafemi Martins si è fatto conoscere all’Inter, amato dai suoi tifosi non solo per i suoi gol ma anche per le sue esultanze. Nessuno in Italia ha mai visto niente di così straordinario!

READ  Tesla mette alla prova i conducenti per fidarsi di loro per supervisionare il pilota automatico sperimentale

Il suo gol più importante è arrivato nella semifinale di UEFA Champions League del 2003, il derby contro l’AC Milan. Dopo che l’andata si è conclusa 0-0, il pareggio nel finale di Martins nella seconda partita ha dato all’Inter una breve speranza di raggiungere la finale.

Purtroppo per Oba Oba, come l’hanno soprannominato i tifosi nerazzurri, la partita è finita 1-1, permettendo al Milan di passare in vantaggio per i gol in trasferta.

ma questo Sei tumble e gli occhi si aprono, urla di festa

Rimani creativo.

Lo stile da far rizzare i capelli di Taribo West – Schalke 04-Inter, 17 marzo 1998

Insieme a Ronaldo e Diego Simeone, Taribo West è stato una delle pietre su cui l’Inter ha costruito la squadra vincitrice della Coppa UEFA nel 1998.

Difensore nigeriano Ha segnato il gol decisivo ai supplementari nei quarti di finale contro lo Schalke 04.

Ma è ricordato soprattutto per i suoi capelli tinti di bianco e blu durante i suoi giorni all’Inter.

Le trecce sono diventate rosse e bianche quando ha attraversato la città per unirsi ai rivali del Milan, anche se ha giocato solo quattro volte per i rossoneri, quindi forse il nuovo stile non gli si addiceva molto.

Una figura colorata per molti versi, West, che ha vinto una medaglia d’oro olimpica nel 1996, lo è Ora un pastore in Nigeria.

François Omam-Beyek ha segnato l’iconico gol che ha visto il Camerun battere i campioni del mondo dell’Argentina nella partita inaugurale di Italia ’90.

Quando il Camerun sconvolse il mondo: Camerun vs Argentina, 8 giugno 1990

François Omam-Bieck ha firmato per la Sampdoria nell’estate del 1997, ma i tifosi di tutta Italia conoscevano già l’attaccante camerunese.

Sette anni fa, alla partita inaugurale dei Mondiali del 1990 a Milano, Il suo colpo di testa contro l’argentino Maradona ha scioccato l’intero pianeta

Dove gli Indomitable Lions hanno sconfitto i campioni del mondo 1-0.

Omam-Biyik ha giocato solo sei volte con la Samp, senza mai partire da titolare, ma ha già fatto abbastanza per renderlo una leggenda in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *