Simeon Nwankwo: un nigeriano esposto ad abusi razzisti sui social media

Simi Nwankwo ha segnato sabato per il Crotone contro il Bologna.

Il nazionale nigeriano Crotone Simeon ‘Simi Nwankwo è l’ultimo calciatore africano di serie A ad essere stato sottoposto ad abusi razzisti sui social media.

Il 28enne, che ha giocato per il suo paese ai Mondiali 2018, ha condiviso gli screenshot dei messaggi offensivi che gli sono stati inviati su InstagramLink esterno Dopo aver segnato sabato 3-2 in casa contro il Bologna.

“Sfortunatamente sta accadendo regolarmente sui social media, ma queste parole odiose non hanno posto da nessuna parte nella società”, ha detto Nwankwo a BBC Sport Africa.

L’incidente arriva appena due settimane dopo che il suo collega algerino Adam Unas – in prestito dal Napoli – è stato sottoposto ad abusi razzisti sui social dopo la vittoria per 4-2 del Crotone sul Torino.

Nwankwo è l’africano più gol in Serie A, con 13 gol in 28 partite per il suo club, il Crotone.

Ha detto che l’uso improprio dei social media diretto ai giocatori è in aumento e che le autorità e le società di social media devono fare di più per identificare gli autori.

“Puoi vedere che proviene dall’ignoranza [people]. “Non possiamo permettere che le violazioni razziste e odiose diventino una parte normale del gioco”, ha aggiunto.

“Non riesco a credere a quanti di questi messaggi indescrivibili, da utenti diversi, inviano insulti razzisti ai calciatori.

“Possiamo solo sperare che si farà di più per garantire che il pubblico in generale e non solo i calciatori si sentano al sicuro sulle piattaforme dei social media”.

Gli organizzatori della lega erano Condividi un videomessaggio contro il razzismo,Link esterno Unas e Calido Coulibaly del Senegal vi prendono parte, su tutte le piattaforme italiane, in vista delle partite di questo fine settimana.

READ  La Federazione Italiana Taekwondo organizza un corso per studenti della Città del Vaticano

Facebook, che possiede Instagram, ha detto in precedenza Adotterà misure più severe Per affrontare il problema degli abusi online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *