Valentino Rossi chiama tempo in MotoGP, guarda le auto

Il 42enne italiano, che gareggia con il numero 46 e nove volte campione del mondo e ha sette titoli nella prima categoria, ha detto in conferenza stampa al Gran Premio della Stiria in Austria che il 2021 sarà la sua ultima stagione.

“Ho deciso di fermarmi a fine stagione”, ha detto Rossi in conferenza stampa al Red Bull Ring.

“È dura, è un momento molto triste perché è difficile dire e sapere che non correrò la moto il prossimo anno.

“Faccio questa cosa da 30 anni o meno. La mia vita cambierà l’anno prossimo. Ma comunque, è stato fantastico, mi sto davvero godendo questo lungo e lungo viaggio ed è stato davvero divertente.”

“Mi piace correre con le auto”, ha aggiunto l’italiano quando gli è stato chiesto del futuro. “Un po’ meno del motociclismo. Quindi penso che correrò con le auto dal prossimo anno”.

Uno degli obiettivi, ha detto, era quello di partecipare alla 24 Ore di Le Mans Sports Car Race.

Rossi corre per la Malesia Petronas Yamaha ma la sua forma è sbiadita, con il veterano che ha concluso 19° in campionato con un miglior risultato di solo 10° posto su nove gare.

Uno showman dentro e fuori dalla moto, meglio conosciuto per le sue buffonate post-vittoria, “The Doctor” ha vinto per l’ultima volta una gara nel 2017 con la Yamaha, nel Dutch TT ad Assen.

Lo sport mancherà a lui e al suo esercito di fan, e l’italiano rimane un favorito della folla con riconoscimento globale e in grado, in tempi pre-pandemia, di mobilitare le gare sul suo suolo di casa.

Yamaha lo ha elogiato come leggenda vivente e capra (il più grande di tutti i tempi) in una dichiarazione di ringraziamento.

READ  DAZN è stata posizionata come emittente esclusiva della Serie B

“Mi sono divertito molto la domenica pomeriggio”, ha detto Rossi. “Un’ora o due di domenica in cui non pensano a niente e seguono solo le mie gare”.

L’unico pilota ad aver corso in 400 o più gare, Rossi ha 89 vittorie in Classe 1 e altre 26 vittorie in classe 125cc e 250cc.

È salito sul podio 235 volte nella sua carriera, debuttando in Austria nel 1996 con il terzo posto nell’Aprilia 125cc.

“E’ una decisione difficile ma penso che alla fine in tutti gli sport i risultati facciano la differenza. Alla fine penso che sia la strada giusta”, ha detto Rossi, che avrebbe potuto prepararsi a correre da solo, il nuovo neo saudita Squadra Aramco VR46.

Questa squadra, che utilizza moto Ducati, ha già il fratellastro di Rossi, Luca Marini, e gli sponsor erano ansiosi di fare coppia.

Rossi ha scherzato sul fatto che si era fatto un’offerta, e ci ha pensato seriamente, ma non era la mossa giusta per una sola stagione, ed era ora di fare qualcosa di diverso anche se rimaneva sul ring regolare.

“Mi sento un pilota o un pilota per tutta la vita”, ha aggiunto l’italiano, che ha provato diverse volte con il team di Formula 1 della Ferrari tra il 2004 e il 2010, aveva corso e iniziato a karting.

“Sono un po’ triste per non aver vinto il decimo campionato”, ha detto. “Penso di meritarmelo per il mio livello e la mia velocità. Ho perso due volte nell’ultima gara. Ma è così. Non posso lamentarmi dell’esito della mia carriera”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *