Uragani di categoria 6? Le tempeste stanno diventando così forti che potremmo aver bisogno di una nuova categoria: quella nazionale

Uragani di categoria 6?  Le tempeste stanno diventando così forti che potremmo aver bisogno di una nuova categoria: quella nazionale

Gli uragani stanno diventando così intensi e potenti a causa del cambiamento climatico che uno studio sottoposto a revisione paritaria afferma che abbiamo bisogno di una nuova categoria per classificare queste peggiori tempeste.

Attualmente, gli uragani sono classificati secondo la scala Saffir-Simpson, sviluppata più di 50 anni fa, che divide le tempeste in cinque categorie, dove la Categoria 1 è la più debole e la Categoria 5 rappresenta la più distruttiva.

Le tempeste con venti di 252 km/h (157 mph) o più sono considerate di categoria 5, ma un numero crescente di uragani negli ultimi anni hanno superato di gran lunga questa soglia, raggiungendo venti di circa 325 km/h (200 mph).

Un esempio è il tifone Haiyan, che ha ucciso più di 6.300 persone nelle Filippine e ha avuto una velocità del vento fino a 315 km/h (195 mph).

I residenti si trovano lungo una diga marittima mentre enormi onde li colpiscono in mezzo ai forti venti quando il tifone Haiyan ha colpito la città di Legaspi, nella provincia di Albay, a sud di Manila l'8 novembre 2013. Il tifone Haiyan è stato uno dei tifoni più forti mai registrati, uccidendo migliaia di persone e terrorizzando milioni di persone. I forti venti strapparono i tetti e gli edifici e le fragili case furono spazzati via da onde gigantesche.

Karisma Sayat/AFP tramite Getty Images

AutoriA Lo studio è stato pubblicato lunedì negli Atti della National Academy of Sciences Alcuni osservatori sostengono che tempeste come Haiyan dovrebbero rientrare in una categoria a parte, “inviando il messaggio che il cambiamento climatico ha causato velocità del vento significativamente più elevate (tifoni)”.

La storia continua sotto l'annuncio

Propongono di creare un uragano di categoria 6 per gli uragani con velocità del vento superiori a 309 km/h (192 mph).

In effetti, dal 2013 si sono verificate cinque tempeste che soddisfano i criteri per un uragano di categoria 6: il tifone Haiyan nel 2013, il tifone Patricia nel 2015, il tifone Meranti nel 2016, il tifone Goni nel 2020 e il tifone Surigai nel 2021.

Queste tempeste sono chiamate uragani se si formano a est della linea internazionale del cambio di data, mentre sono chiamate uragani se si formano a ovest della linea. Sono conosciuti come cicloni nell'Oceano Indiano e in Australia.

I ricercatori Michael Weiner e James Cossin, che hanno condotto lo studio, hanno analizzato i dati dei modelli climatici che suggeriscono che diverse tempeste di categoria 6 sono in arrivo con l’aumento delle temperature.

I residenti passano davanti ai pali elettrici rovesciati distrutti al culmine del super tifone Goni dopo che ha colpito Tabaco, nella provincia di Albay a sud di Manila, il 1 novembre 2020.

Karisma Sayat/AFP tramite Getty Images

A parte gli uragani di categoria 6, negli ultimi anni sembra essere in aumento anche la prevalenza degli uragani di categoria 5, osserva Ross Hall, meteorologo di Global News.

La storia continua sotto l'annuncio

L'articolo di lunedì ha esaminato 197 uragani di categoria 5 tra il 1980 e il 2021 e ha scoperto che la metà di queste tempeste si è verificata negli ultimi 17 anni di quel periodo, tra il 2004 e il 2021.

Ricevi le ultime notizie nazionali. Inviato alla tua email, ogni giorno.

Ma perché i temporali si intensificano? In che modo il cambiamento climatico alimenta questo processo?

“Gli uragani si nutrono di energia termica latente e prosperano grazie al calore degli oceani”, spiega Hall.

“Quindi, più caldo è l’oceano, più forti sono queste tempeste”.

Ciò non significa necessariamente che ci saranno più uragani, ma che le tempeste che sperimenteremo saranno probabilmente più intense e distruttive.

La National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) spiega come Il calore alimenta la creazione di uragani.

“Gli uragani iniziano semplicemente con l'evaporazione dell'acqua di mare calda, che pompa l'acqua nella bassa atmosfera. Quest'aria umida viene poi sollevata in alto quando i venti convergenti si scontrano e soffiano verso l'alto. Ad altitudini più elevate, il vapore acqueo inizia a condensarsi in nuvole e pioggia, creando Il rilascio di calore riscalda l'aria circostante, facendola salire anch'essa. Mentre l'aria si spinge verso l'alto dalla superficie del mare, l'aria più calda e umida proveniente dalla superficie fluisce per sostituirla.

Questo legame tra la temperatura della superficie dell'oceano e l'intensità delle tempeste tropicali è stato dimostrato in… Altri studi recentiNoè nota.

La storia continua sotto l'annuncio


Fare clic per riprodurre il video:

Le previsioni sugli uragani aumentano nel 2023 poiché il mondo si riscalda a causa dei cambiamenti climatici


Poiché questi violenti uragani diventano più frequenti, abbiamo bisogno di un modo migliore per comunicare i rischi al pubblico, afferma lo studio di Weiner e Kosin.

Gli autori invitano la comunità internazionale a riconsiderare come l’apertura nella classificazione della Categoria 5 “può portare a sottovalutare i rischi e, in particolare, come tale sottovalutazione stia diventando un problema crescente in un mondo che soffre del riscaldamento globale”.

Questo perché c'è una grande differenza tra una raffica di vento a 250 km/h e una raffica di vento a 300 km/h. Lo studio di lunedì rileva che “il potenziale distruttivo dei venti aumenta drammaticamente” con l’aumento della velocità del vento.

In un'intervista con Global News, Weiner ha sottolineato che l'analisi dei modelli climatici da parte dei ricercatori mostra che “il rischio di tempeste di categoria 6 aumenta drammaticamente con l'aumento delle temperature”.

Ma il ricercatore computazionale ha anche osservato che la creazione di una categoria 6 non servirebbe necessariamente come sistema di allarme migliore per le persone che potrebbero trovarsi sul percorso di una tempesta devastante.

La storia continua sotto l'annuncio

“Il nostro lavoro mira esclusivamente a sensibilizzare l’opinione pubblica sui cambiamenti climatici”, ha affermato. “Penso che per comunicare al pubblico i pericoli di una tempesta imminente serva più di un numero”.

“Sono critico nei confronti dell'idea di avere un numero che indichi l'intero rischio, perché i pericoli e i rischi sono molto più sfumati”, ha detto Weiner. “L'aggiunta di una sesta categoria è utile per comunicare il crescente rischio derivante dal cambiamento climatico, ma questo è il tipo lento di rischio a lungo termine. Se ti trovi sul percorso della tempesta, devi sapere cosa fare adesso.”


Fare clic per riprodurre il video:

Environment Canada afferma che il cambiamento climatico potrebbe portare a tempeste più forti ma meno frequenti


La scala Saffir-Simpson tiene conto solo della velocità del vento quando si valutano gli uragani, ma non è solo la velocità del vento a rendere un uragano distruttivo. Le mareggiate causate dall’innalzamento del livello del mare durante gli uragani possono causare inondazioni devastanti, così come le inondazioni provocate dalle precipitazioni. Nessuno di questi rischi rientra nella categoria degli uragani.

La storia continua sotto l'annuncio

Weiner sottolinea che recenti ricerche hanno trovato un legame tra il cambiamento climatico e l’aumento delle tempeste e delle precipitazioni negli uragani.

Tutto ciò dimostra che “il pericolo del cambiamento climatico è qui”, ha detto Weiner. “E la situazione peggiorerà.”

Il direttore del National Hurricane Center Michael Brennan concorda sul fatto che la scala Saffir-Simpson è limitata, ma ha respinto la necessità di una nuova categoria.

“All'NHC, abbiamo cercato di focalizzare l'attenzione sui rischi individuali, che includono mareggiate, venti, pioggia, tornado e correnti di strappo, piuttosto che su una categoria specifica di tempesta, che fornisce solo informazioni sul rischio del vento”, ha scritto Brennan in un dichiarazione a Global News.

“La categoria 5 della scala Saffir-Simpson comprende già i 'danni catastrofici' causati dai venti, quindi non è chiaro se un'altra categoria sarebbe necessaria anche se le tempeste diventassero più forti. Inoltre, la maggior parte delle morti nei cicloni tropicali non sono causate dal vento ma di “L'acqua, come le mareggiate, la pioggia/inondazioni interne e le onde pericolose, causa circa il 90% delle morti dei cicloni tropicali negli Stati Uniti. Pertanto, non vogliamo enfatizzare eccessivamente i rischi del vento concentrandoci troppo su questa categoria.”

Per quanto riguarda Hall, pensa che sia ora di aggiornare il modo in cui classifichiamo gli uragani, ma è d'accordo che si dà troppa enfasi alla velocità del vento.

La storia continua sotto l'annuncio

“La scala Saffir-Simpson è stata sviluppata negli anni '70. Da allora il nostro clima è cambiato, così come le nostre capacità di osservazione e comprensione di queste tempeste. Quindi penso che abbia senso aggiornare anche il modo in cui le classifichiamo.”

“Ovviamente l'attenzione è rivolta ai venti, ma ci sono tanti altri aspetti di queste tempeste che giocano un ruolo importante in termini di devastazione che causano”, aggiunge, facendo notare che alcuni uragani di categoria 3 che si concentrano in un posto per diversi giorni possono creare ondate di tempesta devastanti, mentre alcune tempeste di categoria 5 che non riescono a raggiungere la terra possono produrre un impatto relativamente limitato.

Man mano che la nostra comprensione degli uragani migliora, Hull riferisce che i meteorologi stanno cercando di migliorare la loro messaggistica su queste tempeste per avvisare meglio il pubblico dei pericoli.

“Dobbiamo cambiare proprio come cambiano queste tempeste.”

READ  Recupero del bacino idrico della California

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *