Un simposio tra Cina e Italia sollecita la cooperazione scientifica e tecnologica – il mondo

Un simposio tra Cina e Italia sollecita la cooperazione scientifica e tecnologica – il mondo

Il vice console generale cinese a Milano Zhang Kaibin e rappresentanti di aziende italiane, tra cui la filiale italiana della società di consulenza Ernst & Young, posano per una foto di gruppo durante un simposio a Milano martedì. [Photo provided to China Daily]

Un seminario sui vantaggi della cooperazione sino-italiana nel campo della scienza e della tecnologia ha attirato martedì a Milano circa 100 partecipanti provenienti dai circoli politici e imprenditoriali cinesi e italiani.

L’evento, organizzato dalla Camera di commercio cinese in Italia, ha ascoltato rappresentanti di Huawei e aziende italiane, tra cui la società di consulenza Ernst & Young, che hanno scambiato opinioni su questioni scientifiche e tecnologiche, tra cui soluzioni aziendali, architettura IT e sviluppo sostenibile dei dati. centro di raccolta.

Zhang Kaibin, viceconsole generale presso il Consolato Generale di Cina a Milano, interviene martedì a un simposio. [Photo provided to China Daily]

Zhang Kaibin, viceconsole generale del Consolato Generale di Cina a Milano, ha detto all’incontro che va approfondita la cooperazione scientifica e tecnologica tra Cina e Italia, che si è già dimostrata fruttuosa nel corso degli anni.

La Cina e l’Italia hanno firmato un accordo intergovernativo sulla cooperazione scientifica e tecnologica nel 1978, rendendo l’Italia uno dei primi paesi occidentali a collaborare con la Cina nel campo della scienza e della tecnologia, secondo l’Ambasciata cinese in Italia.

Nell’ambito dell’accordo, sono stati raggiunti risultati notevoli in molti settori, tra cui spazio, comunicazioni, informazione, energia e altro ancora. Ad esempio, Zhangheng 1, il primo satellite sismo-elettromagnetico della Cina, è stato sviluppato congiuntamente con l’Italia.

Zhang ha anche sottolineato che le relazioni commerciali sino-italiane si sono rafforzate negli ultimi anni, con il volume totale degli scambi tra i due paesi che ha raggiunto un livello record per il terzo anno consecutivo, il che dimostra pienamente che Cina e Italia sono economie complementari con interessi comuni. in ampi campi di lavoro.

I rappresentanti delle aziende italiane, tra cui la filiale italiana della società di consulenza Ernst & Young, hanno condiviso le loro opinioni all’evento di martedì sullo sviluppo tecnologico in Cina e in Italia. [Photo provided to China Daily]

Secondo il Ministero degli Affari Esteri, il volume totale degli scambi bilaterali tra Cina e Italia ha raggiunto i 77,9 miliardi di dollari nel 2022, con un aumento del 5,4% su base annua. La Cina rimane il principale partner commerciale dell’Italia in Asia e l’Italia è il quarto partner commerciale della Cina nell’Unione europea.

Wang Qing, Presidente della China Chamber of Commerce in Italy e CEO della filiale italiana di Huawei, interviene al simposio. [Photo provided to China Daily]

Wang Qing, presidente della China Chamber of Commerce in Italy e CEO della filiale italiana di Huawei, ha dichiarato di sperare di portare vantaggi reciproci alle aziende cinesi e italiane attraverso la partecipazione, il confronto e la cooperazione.

Wang ha aggiunto che la camera continuerà anche a fungere da piattaforma per promuovere gli scambi economici tra aziende cinesi e italiane.

Fan Xianwei, segretario generale della Camera di commercio cinese in Italia, presiederà il simposio martedì a Milano, in Italia. [Photo provided to China Daily]

Il Vice Console Generale Cinese a Milano Zhang Kaibin (prima a destra), il Presidente della Camera di Commercio Cinese in Italia Wang Qing (al centro) e il Segretario Generale della Camera di Commercio Cinese in Italia Fan Xianwei (prima a sinistra) ispezionano una mostra dei recenti sviluppi tecnologici di Huawei innovazioni. [Photo provided to China Daily]

READ  L'Italia resta perfetta come unico duo imbattuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *