“Oppenheimer” è una specie di film dell’orrore

“Oppenheimer” è una specie di film dell’orrore

Immagini universali

In arrivo nei cinema il mese prossimo, Oppenheimer di Christopher Nolan distribuisce la Barbie schiumosa e dimmerabile e offre un netto contrasto con questo film con un’esplorazione seria e oscura di tre ore del famoso fisico teorico del mondo.

Si scopre che la dicotomia tra il tono dei due film potrebbe essere più polare opposto di quanto si pensasse in un’intervista con Cablato Di recente, Nolan ha avvertito gli spettatori che il suo film non è un film biografico arido e soffocante. Piuttosto, dice, quelli che l’hanno visto sono rimasti scioccati:

“Alcune persone lasciano il film così sconvolte. Non riescono a parlare. Voglio dire, c’è un elemento di paura che è nella storia e nelle fondamenta. Ma l’amore per i personaggi, l’amore per le relazioni, è forte come Non ci sono mai stato. È un’esperienza intensa perché è una storia intensa. Me l’ho mostrato di recente. “Un regista ha detto che è una specie di film dell’orrore. Non mi dispiace.”

Cillian Murphy interpreta l’uomo che guida il Progetto Manhattan dell’esercito americano nella corsa allo sviluppo di armi nucleari. Il film ci mette in testa, poiché deve affrontare una serie di dilemmi:

“La storia di Oppenheimer è incentrata su domande impossibili. Dilemmi morali impossibili, ironia. Non ci sono risposte facili nella sua storia. Ci sono solo domande difficili, ed è questo che rende la storia così avvincente. Penso che riusciamo a trovare molte cose per essere ottimisti nel film, onestamente, ma c’è questo tipo di scavalcare la domanda più grande in cui si blocca.

Girato interamente in IMAX in 65mm e 65mm, “Oppenheimer” con rating R presenta un cast principale che include Emily Blunt, Matt Damon, Robert Downey Jr., Rami Malek, Florence Pugh, Jack Quaid, Olivia Thirlby, Gary Oldman, David Dastmalchian, Alex Wolff, Alden Ehrenreich, Josh Hartnett, Kenneth Branagh, Casey Affleck, Matthew Modine, Benny Safdie, Michael Angarano, Tony Goldwyn, Dean DeHaan e James Remar.

READ  Le crisi economiche non incidono sulla proprietà industriale. Quali marchi sono stati registrati nei primi nove mesi dell'anno?

Oppenheimer arriva nei cinema il 21 luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *