Le scorte britanniche di pasta italiana, olio extra vergine di oliva e pomodori sono in calo a causa della Brexit

Brexit si prende una pausa dalla dieta mediterranea: i produttori avvertono che le scorte britanniche di pasta italiana, olio extra vergine di oliva e pomodori stanno per esaurirsi a causa della burocrazia

  • Le importazioni di pasta italiana nel Regno Unito sono diminuite del 28% nei primi cinque mesi del 2021
  • Nel frattempo, le importazioni di olio d’oliva sono diminuite del 13% e la salsa di pomodoro made in Italy del 16%
  • La lobby degli agricoltori italiani Coldiretti ha affermato che ciò è dovuto alle difficoltà burocratiche e amministrative associate alla Brexit.


I produttori italiani hanno avvertito che i britannici che si godono le vacanze mediterranee potrebbero dover affrontare carenze di pasta italiana, olio extra vergine di oliva e salsa di pomodoro a causa dei problemi burocratici della Brexit.

Le importazioni di pasta italiana nel Regno Unito sono diminuite del 28% nei primi cinque mesi di quest’anno, mentre l’olio d’oliva è diminuito del 13% e la salsa di pomodoro made in Italy del 16%.

“Ciò è dovuto alle difficoltà burocratiche e amministrative associate alla Brexit”, ha affermato la lobby degli agricoltori italiani Coldiretti. affermazione.

Il gruppo ha affermato che la burocrazia post-Brexit sul cibo trasportato nel Regno Unito dall’Italia stava causando ritardi nei camion e aumentando i costi di trasporto.

Coldiretti ha avvertito che queste difficoltà stanno minando 3,4 miliardi di euro (2,9 miliardi di sterline) nelle esportazioni alimentari italiane nel Regno Unito.

La lobby ha anche affermato che Brexit significa che cibi e bevande provenienti da paesi terzi che non soddisfano gli standard di sicurezza dell’UE possono essere preferiti nel Regno Unito rispetto ai prodotti italiani.

Lorenzo Bazzana, chief economic officer di Coldiretti, ha dichiarato di aspettarsi che il commercio complessivo tra Italia e Regno Unito diminuirà quest’anno.

Raccontare volte: “E’ un problema perché il Regno Unito è la quarta destinazione di esportazione dell’Italia dopo Germania, Francia e Stati Uniti”.

Coldiretti ha anche avvertito nella sua dichiarazione che la Brexit potrebbe portare a un aumento dei prodotti contraffatti e delle imitazioni dei prodotti alimentari italiani tra cui il parmigiano.

Il gruppo ha affermato che il Regno Unito potrebbe diventare un “cavallo di Troia” per l’arrivo di prodotti contraffatti realizzati in Italia, che sono principalmente realizzati negli Stati Uniti, hanno affermato. Questo potrebbe attirare alcuni consumatori britannici che pensavano di acquistare prodotti italiani autentici.

“Gli inglesi devono fare attenzione all’olio italiano e al parmigiano con la bandiera italiana sull’etichetta che in realtà proviene dall’America”, ha affermato Bazana.

Le importazioni di pasta italiana nel Regno Unito sono diminuite del 28% nei primi cinque mesi di quest'anno, mentre l'olio d'oliva è diminuito del 13% e la salsa di pomodoro made in Italy del 16%.

Le importazioni di pasta italiana nel Regno Unito sono diminuite del 28% nei primi cinque mesi di quest’anno, mentre l’olio d’oliva è diminuito del 13% e la salsa di pomodoro made in Italy del 16%.

“I prodotti che fingono di essere italiani valgono 100 miliardi di euro di vendite annuali a livello globale, il doppio del cibo e delle bevande reali provenienti dall’Italia”, ha aggiunto. Ora, il Regno Unito potrebbe diventare il cavallo di Troia d’Europa, una porta d’ingresso in Italia per il falso cibo italiano.

READ  La stagione europea M32 inizia in Italia

Prima della Brexit avremmo potuto chiedere al Regno Unito di reprimere il cibo italiano falso, ma ora al di fuori dell’UE non possiamo, quindi le nostre paure potrebbero peggiorare lì. Lo abbiamo già visto accadere in Russia, dove nel momento in cui le sanzioni hanno bloccato l’arrivo del cibo italiano, il parmigiano russo, con tanto di bandiera italiana, è apparso nei negozi.

L’avvertimento arriva dopo che il mese scorso il presidente di Marks & Spencer ha dichiarato che i britannici potrebbero dover affrontare una carenza di chorizo ​​spagnolo e formaggio francese a causa di un “fandango burocratico” al confine.

Archie Norman ha dichiarato a The Mail on Sunday a The Mail on Sunday che l'”inutile” burocrazia post-Brexit sul cibo trasportato dal Regno Unito all’UE sta causando ritardi significativi alla frontiera, costi aggiuntivi e sprechi inutili. .

Ha avvertito che le importazioni in Gran Bretagna subiranno un caos simile a partire da ottobre, quando nuove rigide regole sono state improvvisamente invertite sul cibo importato dall’Unione Europea nel Regno Unito.

Norman scrive: “In un atto di autodistruzione reciproca, rischiamo di arricchire i produttori di formaggio francesi e i produttori di chorizo ​​​​spagnoli agli stessi costi che abbiamo incontrato cercando di esportare cibo nell’Unione europea”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *