Un raid israeliano uccide tre giornalisti vicino al confine libanese Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Un raid israeliano uccide tre giornalisti vicino al confine libanese  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

La televisione Al-Mayadeen ha affermato che un attacco israeliano ha deliberatamente preso di mira il suo corrispondente, Farah Omar, e il fotografo Rabih Maamari.

Secondo i media libanesi, il bombardamento israeliano del sud del Libano ha ucciso tre giornalisti, mentre le ostilità si intensificano lungo il confine settentrionale di Israele.

Martedì la National News Agency libanese ha riferito che un “bombardamento ostile” ha ucciso tre persone nella zona di Tayr Harfa, a circa 1,6 chilometri (un miglio) dal confine israeliano.

Il canale televisivo libanese Al-Mayadeen ha affermato che tra le vittime ci sono due suoi dipendenti. Si dice che la terza persona uccisa fosse un giornalista locale e un “collaboratore” del canale.

La TV Al-Mayadeen ha dichiarato in un comunicato: “Il corrispondente Farah Omar e il fotografo Rabih Maamari sono stati martirizzati in un bombardamento israeliano”.

Il direttore della televisione Al-Mayadeen, Ghassan Bin Jiddo, ha dichiarato: “È stato un attacco diretto, e non è stata una coincidenza”, sottolineando che è avvenuto dopo la decisione del governo israeliano di questo mese di bloccare l’accesso al sito web del canale.

Zeina Khader, corrispondente di Al Jazeera dal Libano meridionale, ha dichiarato: “Un altro attacco ha preso di mira due giornalisti nel Libano meridionale, uccidendo un giornalista e un fotografo che lavoravano per il canale Al-Mayadeen Al Arabiya… Anche una terza persona che era con loro è stata uccisa. .” Libano.

Il nostro corrispondente ha detto: “La sensazione qui è che l’esercito israeliano voglia mettere a tacere i media e punire i giornalisti”.

La scorsa settimana Israele ha inserito nella lista nera la TV Al-Mayadeen, accusandola di “fare sforzi per nuocere in tempo di guerra”. [Israel’s] interessi di sicurezza e servire gli obiettivi del nemico”.

READ  Queste capre "mangiano costantemente" per prevenire gli incendi nelle zone rurali della California

Il ministro israeliano delle comunicazioni Shlomo Karhi ha dichiarato il 13 ottobre di aver iniziato a lavorare per bloccare i siti web e i programmi di Al-Mayadeen Channel e chiudere i suoi uffici locali.

Il ministro libanese dell’Informazione ha chiesto all’esercito di aprire un’indagine sulla questione [the attack on Tuesday]Khader ha affermato che questo è il terzo attacco contro giornalisti nel sud del Libano dal 13 ottobre.

L’Agence France-Presse ha riferito che l’esercito israeliano ha affermato che sta “esaminando i dettagli” dell’incidente.

Ai recenti omicidi si aggiungono almeno 50 giornalisti e professionisti dei media uccidendo Nel mezzo della guerra di 46 giorni di Israele contro Gaza, secondo il Comitato per la Protezione dei Giornalisti, un gruppo per la libertà di stampa.

La stragrande maggioranza dei giornalisti uccisi sono palestinesi nella Striscia di Gaza assediata.

Dal 7 ottobre, quando Israele ha lanciato la guerra a Gaza in seguito all’attacco di Hamas al territorio israeliano, sono scoppiati ripetuti scontri tra l’esercito israeliano e Hezbollah al confine israelo-libanese.

Finora i combattimenti hanno ucciso 70 combattenti Hezbollah, 13 civili libanesi, sette soldati israeliani e tre civili israeliani, nella peggiore escalation dal 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *