Turista americano multato per aver guidato una Ferrari rossa attraverso il patio degli Uffizi

Turista americano multato per aver guidato una Ferrari rossa attraverso il patio degli Uffizi

L’auto “rossa da corsa” della Ferrari e la statua del David di Michelangelo sono icone culturali Di solito gli italiani lo riempiono con orgoglio.

Lunedì entrambi sono stati motivo di preoccupazione dopo Turista americano Lo si vede dirigersi verso Piazza della Signoria a Forcence, al volante di un’auto sportiva rossa italiana.

Un turista americano è stato multato di € 470 (NZ $ 820) per aver guidato una Ferrari Spider attraverso il cortile pedonale di fronte alla Galleria degli Uffizi, tra le altre infrazioni stradali.

I testimoni hanno descritto di aver visto l’auto percorrere la famosa piazza prima di sfrecciare su Via dei Gondi in modo “senza senso”.

La famosa zona turistica ospita alcune delle opere d’arte più amate d’Italia ed è chiusa al traffico, anche alle Ferrari.

La “zona a traffico limitato” è un’area pedonale, spesso piena di pedoni che ammiravano gli attori di Michelangelo David e Perseo con la testa di Medusa e altre statue.

La polizia municipale di Firenze ha dichiarato di aver successivamente arrestato l’autista dopo che l’auto è stata trovata parcheggiata in città. La Ferrari Spider decappottabile aveva targa svizzera.

La CNN ha riferito che il cittadino americano è stato multato per violazioni alla guida e per non avere la patente adeguata per guidare in Italia.

“I controlli hanno rivelato che il conducente di 43 anni aveva una patente di guida statunitense non conforme alle convenzioni internazionali e non aveva patente di guida internazionale o traduzione ufficiale”, ha detto una dichiarazione della polizia.

READ  Il Virginia Museum of Fine Arts restituisce 44 manufatti a Egitto, Italia e Turchia – Artforum

“E’ stata scattata denuncia per parcheggio in zona pedonale, guida in senso contrario e possesso di patente straniera non in regola, e la sanzione complessiva è stata di 470 euro, che ha pagato direttamente agli agenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *