Tra Scilla e Cariddi: i medici in Italia chiedono un blocco

Centinaia di persone muoiono ogni giorno in Italia a causa del contagio da Coronavirus. Il governo di Roma vuole evitare blocchi e le amministrazioni regionali stanno annunciando numeri per i letti di terapia intensiva gratuiti che in realtà sono errati.

Il governo di Roma è sotto una pressione tremenda. Come Ulisse una volta tra Scilla e Cariddi, ha dovuto portare la nave del governo in sicurezza attraverso una crisi pandemica ed economica. Da una parte ci sono aziende che si oppongono con forza alla chiusura, dall’altra ci sono medici e infermieri che chiedono all’unanimità una chiusura totale. Alcuni vedono avvicinarsi il fallimento, altri vedono decine di migliaia di morti.

Fondamentalmente, si tratta di una domanda molto normale: quante morti per virus Covid 19 al giorno sopporta politicamente il governo di Roma e per quanto tempo? In Italia, più persone sono morte per le conseguenze della SARS-CoV-2 per lungo tempo rispetto a qualsiasi altra causa di morte. Mercoledì erano più di 750.

Tuttavia, il commissario nazionale Corona Domenico Arcuri sta cercando di calmarsi. Vede l’onda che si appiattisce e la luce alla fine del tunnel. In generale, la situazione nella Green Zone resta: “Il nostro sistema sanitario non è sotto stress”.

Se credi alle statistiche ufficiali del governo, allora ci sono, ad esempio, 505 posti letto gratuiti di terapia intensiva nella regione Campania, il cui capoluogo è Napoli. Dati i 200 posti letto occupati (a partire da martedì) questa sarebbe una bella riserva.

La guardia costiera sta cercando bombole di ossigeno

Ma i dati ufficiali del governo possono essere messi in discussione. Anche l’Agenzia statale per le autorità sanitarie regionali, Agenas, lo contraddice. Il 17 novembre, è stato rilevato che in 17 delle 21 regioni d’Italia è stato superato il tasso critico di occupazione del 30% dei letti di terapia intensiva. In media, l’agenzia scrive che il 41 per cento di tutti i letti di terapia intensiva sono occupati da casi critici di pazienti affetti dal coronavirus emergente. Se tutti i luoghi di trattamento intensivo fossero dati ai pazienti corona, allora non ci sarebbe spazio per più infarti, incidenti o malati di cancro: per questo i valori sono limitati.

READ  Matt Mauser, marito della vittima dell'incidente di Kobe Bryant, dà un duro test per "AGT"

Ancora una volta la peggiore nel Nord Italia: secondo Agenas il dato è del 64 per cento in Lombardia, del 61 per cento in Piemonte e del 57 per cento in provincia di Bolzano.

Ma i numeri sembrano più di un semplice ornamento. Un riferimento a questo viene da Napoli. Lì, la Guardia Costiera sta bussando alle scuole di sub della zona per chiedere loro di fornire bombole di ossigeno, anche se presumibilmente non ci sono problemi con la fornitura. Il fatto che anche nelle farmacie napoletane ci fosse una carenza di bombole di ossigeno è divenuto noto dal caso di un paziente di 80 anni che ansimava e gli è stato assegnato un posto solo all’Ospedale di Pozzuoli dopo la pubblicazione dei Carabinieri.

Giosuè Di Maro è Sprecher der Gewerkschaft des Gesundheitspersonals (CGIL-Funzione Pubblica Sanità).

(Foto: Udo Jumble)

Quanto sarà vicino al collasso il sistema sanitario campano lo si apprende da chi lotta per la vita dei propri pazienti negli ospedali. “Il numero di posti letto in terapia intensiva presumibilmente liberi qui in Campania fissato dal governo di Roma e dal governo provinciale è falso”, dice Josuy de Maro, portavoce del sindacato degli infermieri. “I letti possono essere strutture, ma il letto di terapia intensiva senza medici e Pfleger non è un letto di terapia intensiva”, È solo un numero sulla carta. “

Ha fatto scalpore in tutto il mondo un video clip che mostra un paziente sospettato di essere infetto dal Coronavirus che muore nel bagno del pronto soccorso dell’Ospedale Cardarelli di Napoli. “Posso spiegarti volentieri come stanno accadendo queste situazioni”, dice de Maro. “Quando l’uomo è caduto a terra, c’erano 150 persone al pronto soccorso, molte delle quali gravemente a corto di fiato. Quattro medici di emergenza e dodici infermieri erano responsabili di tutti loro – in un pronto soccorso che non riceveva più di 40 pazienti allo stesso tempo, puoi . “

READ  "We Can Be Heroes" ha stabilito un nuovo record nella top 10 delle classifiche Netflix

Letti per terapia intensiva attivati

In che modo il governo e la regione ottengono 500 posti letto in terapia intensiva gratuitamente? “Leggere questo numero ha sorpreso anche noi”, ha detto il sindacato. Il governo regionale sembra essere stato ingannato. Parla di letti di terapia intensiva “operabili” o “pianificabili”. Tuttavia, in realtà sono molto meno. “Perché i cosiddetti letti operabili non possono essere utilizzati a causa della mancanza di personale. Non ci sono assistenti o anestesisti o infermieri per loro”.

Direttore Dr.  Maurizio de Mauro.  jpg

Maurizio de Mauro è il direttore del gruppo cliniche “Ospedali die Colli”.

(Foto: Udo Jumble)

Maurizio de Mauro, che gestisce i tre ospedali degli “Ospedali dei Colli” di Napoli, ha accennato a qualcosa di simile. “I nostri tre ospedali sono completamente occupati. Questo è il problema. Tuttavia, ogni giorno, circa 100 persone con sintomi di Covid-19 vengono al pronto soccorso e hanno bisogno di cure. Quindi facciamo il possibile per aiutare questi pazienti. Chi altri?” Se potessi essere curato in A casa, verrai portato a casa e le altre persone che cerchiamo di accogliere sono con noi perché i pazienti sani possono essere portati fuori “. Anche la famiglia è vuota perché muoiono i malati? “Succede anche, sì, purtroppo.”

De Mauro dice che se non ci fossero letti liberi, il gruppo della clinica stava cercando di ricoverare i pazienti negli ospedali fuori Napoli. “Ma c’è un altro problema. Da quando abbiamo trasferito tutti i reparti ospedalieri al Covid-19, non possiamo più attuare gli interventi programmati che richiedono operazione e quindi cure nell’unità di terapia intensiva o semi-intensiva. Questo sovraccarico quindi danneggia anche la salute di tutti i pazienti che devono. Adesso aspettiamo settimane per i loro interventi che non sono del tutto urgenti. Possiamo accettare altri pazienti solo in casi di assoluta emergenza “.

La situazione in un altro ospedale di Napoli, la Clinica Universitaria Federico II, intitolata all’imperatore medievale Federico II, non è affatto migliore. “Non abbiamo più letti”, dice Evan Gentil, direttore delle malattie infettive. “Una volta che il letto di terapia intensiva è libero, devo accenderlo di nuovo e, peggio ancora, abbiamo liste di attesa per i posti”.

READ  Risultati del veto party della quarta settimana - Rete Grande Fratello

Il culmine della seconda ondata deve ancora arrivare

Professor Evan Gentile Universita Federico II Nabel .jpg

Ivan Gentil è il Responsabile del Dipartimento di Malattie Infettive dell’Ospedale Universitario Federico II di Napoli.

(Foto: Udo Jumble)

“La prima ondata ci ha toccato solo marginalmente a sud”, dice Gentili. Inoltre, il rapido blocco in primavera ha impedito un disastro. “A giugno non abbiamo avuto nuove infezioni per giorni. Ora ce ne sono diverse migliaia al giorno”. Il numero di casi è esploso. “Non c’è più alcun modo per rintracciare le singole catene di infezione”. La maggior parte delle persone infette è asintomatica, che può essere trovata solo con i test. “Ciò che ci preoccupa oggi è che ora abbiamo anche un gran numero di persone che mostrano sintomi che si sono davvero ammalati, e alcuni di loro sono gravemente malati”. In termini di percentuale, non c’è molto, “ma se il numero totale di persone infette è molto grande, allora una piccola percentuale di loro è un numero enorme di casi individuali”, ha detto Gentili.

Per controllare l’epidemia, il professore di malattie infettive non vede altra soluzione che un rigoroso blocco. “I pazienti nella nostra unità di terapia intensiva oggi sono stati infettati due o tre settimane fa, quindi ci aspettiamo che il picco dell’ondata di infezioni, compresi i pazienti nelle unità di terapia intensiva e negli ospedali in generale, non raggiungerà la fine di novembre. Dovrebbe diventare realtà, se riduciamo ora il numero. Comunicazione il più possibile. “

I pagani non credono nell’idea dell’immunità del gregge. “Penso che questa sia un’idea pericolosa. Immagina che ogni sesto degli italiani, dieci milioni di persone, saranno infettati. Quindi, sulla base della nostra esperienza attuale, ciò potrebbe significare centinaia di migliaia di pazienti malati negli ospedali e decine di migliaia di pazienti critici nei reparti di terapia intensiva: Perché ci sono tante persone, nessuna famiglia, nessun dottore, nessun infermiere o infermiere. Sarebbe un disastro. Potremmo provare una cosa solo ora: appiattire la curva in modo che il nostro sistema sanitario non crolli. Ciò significa, tuttavia, che il governo di Roma sceglierà tra Scilla e Sharipides.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *