Tom Barrack e la sua influenza sul mondo di Trump

“Sono qui perché Donald Trump è stato uno dei miei migliori amici per 40 anni”, ha detto Barack al pubblico di Cleveland, raggiante per le cose “sorprendenti” che aveva da dire su Trump.

La scorsa settimana, Barack è diventato l’ultimo di una lunga serie di consiglieri, aiutanti, personale e amici di Trump che sono stati incriminati da quando Trump ha vinto la presidenza. caserma Martedì è stato addebitato Con pressioni straniere illegali da parte degli Emirati Arabi Uniti, che i pm accusano di aver tentato di influenzare le posizioni di politica estera sia della campagna presidenziale di Trump che della sua amministrazione.

Barrack, il fondatore della società immobiliare e di investimento Colony Capital, ha svolto un ruolo importante su diversi punti chiave della campagna di Trump, aiutando a raccomandare Paul Manafort – che è stato successivamente incriminato nell’indagine del consigliere speciale Robert Mueller – per un ruolo chiave nel Trump campagna. Barrack in seguito è stato presidente del comitato inaugurale di Trump.

Barack ha parlato più volte come consigliere di Trump e difensore del presidente, ritirarsi pubblicamente Quando sono emerse accuse sui legami di Manafort con la Russia. Ora Barak è accusato di aver usato il suo accesso a Trump per cercare di fare pressione sull’ex presidente per conto di un paese straniero.
Venerdì è stato emesso un ordine per il rilascio di Barak sul pacchetto di garanzia Include un bond da 250 milioni di dollari e lunedì sarà processato a Brooklyn. Ha negato qualsiasi illecito e il suo portavoce ha detto che intendeva far avanzare l’assoluzione.

Ma mentre Trump è venuto in aiuto di molti dei suoi associati che hanno problemi con la legge, non è chiaro se farà lo stesso con Barack.

Trump e Barack sono rimasti strettamente legati quando Trump è entrato alla Casa Bianca, ma la loro relazione è andata in pezzi negli ultimi anni, secondo fonti vicine alla questione. Barak è sotto esame dal 2019, quando un’indagine federale sul suo lavoro per conto degli Emirati Arabi Uniti era pubblica una dichiarazionee Come è stata l’indagine Dal procuratore generale di Washington, D.C. sul comitato di inaugurazione di Trump.

Barack ora si unisce a un elenco di funzionari di Trump incriminati dai pubblici ministeri federali tra cui Manafort, amico di lunga data e consigliere di Trump Roger Stone, l’ex avvocato Michael Cohen, il primo consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn e l’ex assistente senior Steve Bannon.

All’inizio di questo mese, i pubblici ministeri di New York hanno accusato la Trump Organization e il suo chief financial officer, Allen Weisselberg, di Presunto regime di frode fiscale di 15 anni. Entrambi si sono dichiarati non colpevoli.

Prima di lasciare la Casa Bianca, Trump ha graziato Manafort, Stone e Flynn – che hanno concluso l’inchiesta Mueller – così come Bannon, accusato di frode ai donatori e graziato prima di comparire in tribunale.

READ  Nuovo porto di Beirut. Un mandato dell'Interpol per l'arresto del portatore del carico di morte

Quando le accuse contro la Trump Organization e Weiselberg sono state rivelate all’inizio di questo mese, Trump ha rilasciato una dichiarazione che attacca l’indagine come “una caccia all’uomo politica da parte dei democratici di sinistra radicale, con New York ora in carica”.

Ma l’ex presidente, che ogni giorno rilasciava numerose dichiarazioni su diversi argomenti, taceva sulle accuse di Barak.

“Lo considero un caro amico”

C’è una traccia cartacea di interviste dell’FBI durante l’indagine di Mueller, testimonianze, documenti del tribunale e rapporti del Congresso che forniscono una finestra sulla relazione Trump-Barack mentre Trump si è trasformato da magnate immobiliare a candidato presidenziale a comandante in capo.

Rivela anche come i presunti pubblici ministeri abbiano usato la vicinanza di Barack a Trump per promuovere gli interessi esteri degli Emirati Arabi Uniti senza rivelare la sua pressione straniera, secondo l’atto d’accusa che ha rivelato la scorsa settimana l’atto d’accusa di Barack e di altri due suoi dipendenti. Matthew Grimes Aspen, Colorado e Rashid Sultan Rashid Al Malik Al Shehhi, sono cittadini degli Emirati Arabi Uniti.

Barrack ha anche affrontato il controllo sulle indagini sul comitato inaugurale di Trump, anche se l’atto d’accusa non ha nulla a che fare con quell’indagine. Ma si è seduto a testimoniare con il procuratore distrettuale del Distretto di Columbia a novembre, dopo le elezioni presidenziali, nell’ambito di un’indagine su presunto uso improprio di fondi da parte del comitato inaugurale presidenziale di Trump.

Barrack ha testimoniato di non essere interessato a partecipare all’amministrazione Trump, ma è stato coinvolto nel comitato inaugurale per aiutare Trump nel “processo di andare avanti con ciò che era nella sua agenda”.

Barack ha testimoniato di conoscere la famiglia Trump dal 1985 e di aver avuto una relazione con Trump, sua moglie Melania e i quattro figli adulti di Trump.

Barrack ha testimoniato a novembre che “Donald Trump è il presidente degli Stati Uniti, quindi a volte un’amicizia attiva è diventata un po’ più complicata” “Ma sì, lo considero un caro amico, sì”.

READ  Aggiornamento: la guida è ancora rischiosa

Barack ha consigliato Manafort a Trump

Barack era uno delle dozzine di alleati di Trump che sono caduti nelle indagini del consigliere speciale. Ai testimoni è stato chiesto della vicinanza di Barack a Trump e ai suoi contatti stranieri. Quando la squadra di Mueller Lo ha intervistato nel 2017., i membri hanno chiesto informazioni su alcuni degli argomenti che sono finiti nell’atto d’accusa.
Note dell’FBI dalle interviste ai testimoni di Mueller, Ottenuto in precedenza dalla CNN, mostra come Barack abbia usato la sua amicizia con Trump per aiutare gli altri ma anche per promuovere i suoi segreti interessi stranieri.

Barack ha fatto pressioni su Trump “per un po'” per nominare Manafort come consigliere della campagna nel 2016, e ha organizzato un incontro con Trump e il principale staff della campagna a Mar-a-Lago, secondo la testimonianza del vice di Manafort Rick Gates, che in seguito ha lavorato con Barack nel comitato inaugurale di Trump e ha anche lavorato per la società di investimento di Barrack. .

Manafort Ho ottenuto il lavoro presto Dopo l’incontro di Mar-a-Lago.

Secondo i promemoria dell’FBI, Barack ha detto alla squadra di Mueller che Manafort gli ha inviato una prima bozza di un discorso che Trump intendeva pronunciare sulla politica energetica degli Stati Uniti nel maggio 2016. Ha detto di aver inviato alcuni emendamenti e suggerimenti, ma le sue idee sono state ignorate. Ha anche detto che percepisce la campagna di Trump come una visione negativa degli stati del Golfo Arabo, compresi gli Emirati Arabi Uniti.

Ma a quanto pare Barak non ne ha parlato a Mueller, secondo l’accusa. Ha avuto contatti diretti con i funzionari degli Emirati in merito alla lettera. I pubblici ministeri hanno affermato che voleva che Trump lodasse i leader degli Emirati per nome, tra le altre cose. Le sue modifiche non erano esattamente Nel discorso di chiusuraMa l’accusa dice che il suo presunto responsabile degli Emirati era elettrizzato dal fatto che Trump avesse chiamato i nostri “alleati del Golfo”.

Le note dell’FBI rivelano anche l’opinione di Barack su alcune delle controverse mosse di Trump come presidente.

Gates ha detto agli investigatori che era con Barack a Washington quando Trump Licenziato inaspettatamente L’allora direttore dell’FBI James Comey nel maggio 2017 e che erano d’accordo che era “il comportamento abituale di Trump rispondere senza aspettare tutti i fatti”, secondo i promemoria dell’FBI.

“Qualcosa di molto importante da condividere”

Barack è stato sottoposto a un nuovo esame nel 2019 quando i Democratici erano nel Comitato di sorveglianza della Camera Barak è stato accusato di aver approfittato delle sue relazioni All’amministrazione Trump per portare avanti un accordo commerciale che comporti il ​​trasferimento di tecnologia nucleare statunitense all’Arabia Saudita, mentre occasionalmente tragga profitto dalla proposta.

Il rapporto democratico si è concentrato sulla presunta richiesta di Barak all’interno dell’amministrazione Trump di un accordo sulla tecnologia nucleare saudita. Il rapporto della Casa Democratica includeva un testo – citato nell’atto d’accusa del Dipartimento di Giustizia – di Barak secondo cui Trump gli aveva offerto un ruolo nella politica estera in Medio Oriente.

READ  I traduttori afghani che hanno assistito l'esercito canadese hanno solo 3 giorni per richiedere il reinsediamento

Nell’atto d’accusa svelato la scorsa settimana, i pubblici ministeri affermano che Barak e Grimes hanno aiutato i funzionari degli Emirati ad accedere all’amministrazione Trump e che Barak ha avuto contatti diretti e indiretti con alti funzionari degli Emirati.

Un uomo d'affari californiano accusato di lobbying ha considerato Trump tra

Barack e Grimes hanno aiutato a organizzare una telefonata tra Trump e un anonimo funzionario degli Emirati nel primo mese della presidenza di Trump, secondo l’accusa, e poi hanno chiesto la nomina dei funzionari dell’amministrazione Trump favoriti dagli Emirati Arabi Uniti, incluso lo stesso Barack.

Barak ha scritto in un messaggio di testo che la sua nomina ad ambasciatore negli Emirati Arabi Uniti o inviato in Medio Oriente “darebbe ad Abu Dhabi più potere!”

I pubblici ministeri hanno scritto che dopo che gli Emirati Arabi Uniti e altri stati del Golfo hanno tagliato i legami con il Qatar nel 2017, l’assistente di Barrack ha chiesto di parlare con Trump perché aveva “qualcosa di molto importante da condividere… sul Medio Oriente”.

CNN menzionato La scorsa settimana, i pubblici ministeri avevano prove sufficienti per accusare Barak l’anno scorso, ma hanno ritardato a farlo fino all’arrivo di una nuova amministrazione, secondo persone che hanno familiarità con la questione.

I democratici, che hanno accusato Trump e l’ex procuratore generale William Barr di usare il Dipartimento di Giustizia per proteggere Trump e i suoi alleati, ora chiedono un’indagine da parte dell’ispettore generale per accertare se Barack e altri abbiano ricevuto “un trattamento speciale da parte del Dipartimento di Giustizia per il corso dell’amministrazione, e se il suo caso è stato ingiustamente soppresso. “Decente”.

Sonia Moggi, Emma Tucker, Erica Orden, Paula Reed, Gloria Burger e Tierney Snead della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *