Studio: il 57% degli europei sostiene …

Il 57% degli europei sostiene il sostegno ai combustibili sintetici rinnovabili (RSF), secondo un’indagine condotta da Bosch tra gli europei sul futuro dei sistemi di propulsione, secondo cui la quota dei sistemi di propulsione elettrica dovrebbe superare quella dei sistemi di propulsione. I motori a combustione entro il 2030 e due terzi degli europei intervistati non vogliono vivere senza automobili.


“Secondo un sondaggio rappresentativo condotto dal Market Research Institute Innofact nel giugno 2020 per conto di Bosch, nessun tipo di sistema di propulsione ha perso la sua rilevanza, che si tratti di batterie, celle a combustibile, benzina o motori diesel. Se i 2.500 intervistati in Germania, Francia e Regno Unito scelgono un’auto. Novità di domani, uno su due sceglierà un motore a combustione indipendente per la propria vettura principale e circa uno su tre per la seconda, ma alla domanda su quale sia il sistema di propulsione più utilizzato nel 2030, circa il 68 per cento degli intervistati ritiene che la propulsione elettrica sia prima di tutto. Davanti ai modelli ibridi e a combustione “.

Realizzando il potenziale dei veicoli alimentati a carburante, gli intervistati hanno notato che circa uno su tre considera la tecnologia delle celle a combustibile il futuro della mobilità.

“La mobilità elettrica sta per vincere la gara, e questa è una buona notizia. Solo quest’anno Bosch sta investendo 500 milioni di euro in questo settore. Allo stesso tempo, lavoriamo costantemente per migliorare il motore a combustione interna, perché è ancora necessario”, ha affermato Stephan Hartung, membro Consiglio di amministrazione Robert Bosch GmbH e capo della divisione Mobility Solutions.

Alla domanda se preferirebbero incentivi per auto equipaggiate esclusivamente con motori a combustione, oltre a numerosi sussidi governativi per auto elettriche e modelli ibridi plug-in, il 70% degli europei intervistati ha risposto di sì.

Il numero di intervistati che sostengono gli incentivi statali all’acquisto di nuovi veicoli con sistema di propulsione convenzionale è più alto in Italia, con l’83%, e il più basso nel Regno Unito, con il 60%. In Francia, il 77% degli intervistati sostiene. In Germania è del 62%.

READ  Dopo tutto, LG Rollable potrebbe essere cancellato

“Gli incentivi per i moderni motori a combustione potrebbero accelerare il rinnovo della flotta, il che aiuta anche l’ambiente e il clima”, afferma Hartung.

Poco meno di un terzo degli europei desidera che questo sostegno sia di almeno 9.000 euro. Questo importo è pari allo sconto massimo che il governo tedesco offre attualmente per l’acquisto di un veicolo elettrico.

“Ci sono due risultati degni di nota: in primo luogo, il 72% degli abitanti delle città nei quattro paesi europei intervistati ritiene che il motore a combustione meriti il ​​sostegno. In secondo luogo, la maggioranza (80%) dei giovani di età compresa tra 18 e 29 anni sostiene anche incentivi per i veicoli a motore. Combustione “, ha rivelato il sondaggio.

Anche i veicoli con motori convenzionali possono funzionare in modo neutro dal punto di vista climatico. La chiave è nei combustibili sintetici rinnovabili (RSF), che sono realizzati da idrogeno rinnovabile e anidride carbonica2 Preso dall’aria circostante. In media, il 57% degli intervistati al sondaggio Bush ha convenuto che Reporter Senza Frontiere dovrebbe beneficiare di tagli fiscali, dicono gli esperti.

“Non c’è modo di evitare i combustibili sintetici rinnovabili se vogliamo raggiungere i nostri obiettivi climatici. Solo con Reporter Senza Frontiere, più di un miliardo di veicoli già sulla strada saranno in grado di contribuire a livello globale alla riduzione del riscaldamento globale.

In Europa, è improbabile che le condizioni del veicolo e la sua importanza per la mobilità cambino presto. Circa il 60% degli intervistati in Germania, Francia, Italia e Regno Unito non può immaginare la propria vita senza un’auto e una netta maggioranza del restante 40% è disposta a rinunciare all’auto solo part-time.

READ  Le regioni alpine italiane rivendicano l'apertura delle piste da sci - Südtirol News

Il livello di necessità di automobili nell’Europa rurale è del 77%. Questi risultati, infatti, sono molto simili tra i giovani di età compresa tra i 18 ei 29 anni, ed è chiaro che la metà di loro preferisce le auto. Mentre il 61% degli intervistati in Germania e il 47% nel Regno Unito ha citato una maggiore flessibilità come motivo principale per possedere un’auto, il 41% degli intervistati francesi ha affermato di averne bisogno nella mia testa per lavorare.

Al contrario, il 55% degli italiani intervistati preferisce l’auto rispetto ad altri mezzi di trasporto, che considerano meno confortevoli.

“Nel prossimo futuro, le imbarcazioni continueranno a essere il principale mezzo di trasporto – e ha ottime prospettive di diventare meno dannose per il clima”, dice Hartung.

L’obiettivo di Bosch è quello di poter contribuire alla mobilità delle persone in modo accessibile e rispettoso dell’ambiente.

Bosch mira a rendere il trasporto il più economico possibile in termini di consumo di risorse e segue la visione di mobilità neutra in relazione alla CO2 E quasi nessuna emissione, in molti modi. Nel suo approccio alla futura tecnologia dei sistemi di pagamento, il fornitore di attrezzature e servizi mantiene un approccio aperto. Da un lato, Bosch mira a diventare il leader di mercato nella mobilità elettrica con veicoli dotati di batterie e tecnologia a celle a combustibile. Le auto elettriche sono considerate climaticamente neutre se la ricarica e l’energia dell’idrogeno provengono da fonti rinnovabili. Nel frattempo, “Bosch” continua a migliorare i suoi motori a combustione, al fine di ridurre il riscaldamento globale e proteggere l’ambiente il più possibile, ha detto il gruppo.

Se dovesse funzionare su RSF, i motori a benzina e diesel potrebbero essere climaticamente neutri.

Bosch prevede che circa un terzo del numero totale di veicoli di nuova immatricolazione in tutto il mondo sarà puramente elettrico entro il 2030. Due terzi di tutti i nuovi veicoli continueranno ad essere alimentati da motori a combustione, molti dei quali sono modelli ibridi.

READ  Natalie Achonoa, la superstar italiana, spera che le donne canadesi possano ottenere il proprio campionato di basket

Il Gruppo Bosch è presente sul mercato rumeno da più di 25 anni e ha più di 8000 dipendenti in cinque entità. Nel 2019 Bosch ha registrato un fatturato di 436 milioni di euro sul mercato rumeno. Le vendite nette totali, comprese le vendite da società non consolidate e le consegne nazionali alle controllate, sono state pari a 1,4 miliardi di euro. Oltre al centro di ricerca e sviluppo di Cluj e alle sue unità di produzione per soluzioni di mobilità a Cluj e Plage, Bosch gestisce anche un’unità di produzione di tecnologia industriale, anch’essa situata a Plage, nonché un centro di servizi di outsourcing. Business Operations (BPO) a Timisoara. A Bucarest, Bosch gestisce un ufficio vendite per soluzioni di mobilità, beni di largo consumo e prodotti tecnologici per i settori dell’edilizia e dell’energia. Inoltre, la sede di una filiale di BSH Hausgeräte GmbH, attiva nel mercato degli elettrodomestici, si trova nella capitale del paese.

Il Gruppo Bosch è un fornitore leader di tecnologia e servizi a livello mondiale con circa 400.000 dipendenti in tutto il mondo. L’azienda ha generato vendite per 77,7 miliardi di euro nel 2019. Le sue attività sono suddivise in quattro settori di attività: soluzioni per la mobilità, tecnologia industriale, beni di consumo, edilizia ed energia. Il Gruppo Bosch è composto da Robert Bosch GmbH e quasi 440 filiali e società regionali in quasi 60 paesi.

viewscnt

L’articolo sopra è solo per le tue informazioni personali. Se rappresenti un’organizzazione o un’azienda di media e desideri un accordo per ripubblicare i nostri articoli, inviaci un’e-mail a [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *