Stefano Ghisolfi sulla presentazione di Excalibur (5.15c), domande e risposte esclusive

Stefano Ghisolfi sulla presentazione di Excalibur (5.15c), domande e risposte esclusive

],”filter”:{“nextExceptions”:”img,blockquote,div”,”nextContainsExceptions”:”img,blockquote,a.btn,ao-button”}}”>

Goditi l’accesso illimitato alle pluripremiate funzionalità di arrampicata, interviste approfondite e consigli di coach esperti. > “,” name “:” in-content-cta “,” type “:” link “}}”> Iscriviti qui.

il 5 febbraio La star dello sport italiano Stefano Gisolfi ha tagliato le catene in quello che è probabilmente il momento più alto della sua carriera fino ad oggi, il Crimpfest Excalibur, che stima 9b+ (5.15c). Ghisolfi è stato uno dei tanti alpinisti di alto livello che hanno affrontato la via negli ultimi mesi, insieme ad Adam Ondra, Laura Rojora, Will Posey e Jacob Schubert.

Situata nel cortile di Ghisolfi ad Arco, la via è stata originariamente chiusa dagli alpinisti italiani Cristian Dorigatti e Morris Fontanari (prende il nome dall’incisione di una spada incastonata in un’incudine alla base della parete). A soli 40 piedi, la strada calcarea è breve, ripida e crivellata di piccoli buchi e cenge delicate, con un boulder V15 a guardia delle catene. Con un punteggio suggerito di 5.15C, Excalibur Ora è lo sport più difficile da scalare in Italia.

Si può dire con certezza che il punteggio di Ghisolfi ha un peso nella comunità dell’arrampicata. L’italiano è stato il quarto alpinista nella storia a salire un 5.15c (con Perfetto Mondo nel 2018) e ad oggi hanno identificato quasi 20 tracce 5.15+, incluse quattro tracce classificate 5.15c.

Prima ExcaliburPer qualche tempo è stata la salita più dura d’Italia Un’altra Strada dei Ghisolfi, Ariapur, che è andato a 5.15b/c nel gennaio 2021. Questa linea, sempre ad Arco, è stata la prima via Gisolfi ad essere mai abbandonata. Ha fatto la storia per la seconda volta ripetendo Laura Rojora, segnando il punto rosso più difficile da una donna all’epoca. (Adam Ondra, che ha effettuato la terza salita della via, ha suggerito di abbassare il rating a 5.15b.) Tuttavia, nell’ultimo anno, sono state effettuate altre due salite in cima, Paese delle meraviglie (5,15 b/c) E Pumba (5.15b), entrambe di Ondra. Piace Excalibur E Ariapurentrambe le vie erano ad Arco.

arrampicata Ho contattato Ghisolfi, che ha festeggiato il suo trentesimo compleanno poco dopo averlo inviato Excalibur– per saperne di più sulla pista e sulla strategia che l’ha abbattuta.

READ  Il duo Springbok Papier, Hendricks selezionato in Bulls dal XV per la partita della Benetton

***

arrampicata: Da quanto tempo aspetti Excalibur?

Gisolfi: L’ho provato per la prima volta nel febbraio 2021, ma a quel tempo stavo lavorando ad altri progetti e questo sembrava impossibile, o qualcosa che poteva richiedere [a long time] essere completato. Quindi ho rinunciato a quell’anno e ho aspettato fino alla prossima primavera. Nella primavera del 2022 mi sono ripreso e ho deciso di invitare Adam Ondra a provarla con me, per condividere questo progetto e trovare insieme le vie migliori per salirla.

arrampicata: Quali sono state le tue prime impressioni sulla pista in quel momento? Sentivi che era possibile?

Gisolfi: Ho appena fatto qualche mossa in cima, [but] Tutta la prima parte sembrava impossibile. Ho capito che era una cosa molto difficile, motivo per cui l’ho sempre pensato per tutto quell’anno, ma non ho mai avuto il coraggio di tirarlo fuori da solo.

arrampicata: Cosa aveva di speciale Excalibur? Di tutti i progetti in cui potresti dedicare tempo e impegno, cosa ti ha spinto a tornare indietro e continuare a lavorare in questo modo?

Gisolfi: Linea estetica, la perfetta parete dritta [that is] 40 gradini ripidi, su piccoli cordoli, il paesaggio dietro la strada, la possibilità di vedere la strada da una distanza molto ravvicinata… mi sono sentito subito molto speciale. Inoltre, il fatto che sia così breve e intenso, su un enorme masso senza altra traccia (all’inizio). La spada sulla pietra sottostante renderà il tutto ancora più speciale.

arrampicata: Ho provato questa via con molti altri forti scalatori. Ti ha aiutato?

Gisolfi: ho avuto esperienza in Ariapur– che ho tirato fuori, provato e modificato da solo – mi ci sono voluti giorni e giorni per capire la versione beta e continuavo a rimanere indietro con le ultime mosse. Poi sono arrivati ​​Laura Rojora e Adam Ondra, hanno trovato una nuova beta e hanno cambiato completamente il loro modo di arrampicare. In questo modo, potrei farlo più velocemente e risparmiare Un sacco di tempo ed energia per altri progetti.

Quasi Excalibur, ho subito deciso di condividere il progetto con qualcun altro, in modo da poter trovare le migliori beta in modo rapido e nel modo più efficiente. Adam ha provato molto con me prima, Jacob è venuto ma solo per un giorno e Will è venuto quest’inverno. Ho trovato la versione beta dell’ultima sezione, [and] Adamo [found beta] per la prima parte. Will è arrivato con tutte le mosse già definite, ma mi ha aiutato a capire la prima mossa ed è stato fondamentale per me iniziare a fare qualche tentativo.

READ  Zlatan Ibrahimovic condanna il razzismo dopo una lite con Romelu Lukaku

arrampicata: Ci sono stati degli svantaggi nell’avere così tanti altri scalatori hardcore che cercavano di accompagnarti? Ti ha messo più sotto pressione per la FA?

Gisolfi: C’è il rischio di perdere la prima salita di una via così iconica. Nel momento in cui ho chiesto ad Adam di provarlo, ho capito che poteva farlo [end up] Sali davanti a me. Ma ho deciso di dare meno importanza alla prima salita e concentrarmi maggiormente sull’esperienza di condividere un progetto come questo, sulla cooperazione e sull’amicizia. Così insieme abbiamo iniziato a sperimentare la strada.

C’era un po’ di concorrenza leale, ma non era la parte più importante del processo. Non avevamo pressioni ed eravamo concentrati sul fare del nostro meglio, non sull’essere migliori l’uno dell’altro.

Ghisolfi, tutti sorridono dopo aver mandato via la linea dura dell’Italia. (Foto: Diego Borrillo)

arrampicata: Hai menzionato sul tuo blog che “Con Excalibur, [you] Ha iniziato questo percorso non solo come professionista ma anche per [your] auto-sviluppo.” Cosa intendi con questo?

Gisolfi: Ho capito che la parte più importante del processo non era la scalata, non la prima salita, ma tutte le persone con cui ho condiviso il processo. È stata una bella scalata con i migliori scalatori del mondo, con amici che mi hanno aiutato e invitato in tutte le condizioni, e con la mia amica Sarah che è sempre stata lì a sostenermi.

arrampicata: Sembri molto fiducioso 9b+ [5.15c] grado a Excalibur. Perché?

Gisolfi: Il numero di giorni che ho provato mi ha aiutato a capire di più la difficoltà. Se solo potessi [have] Ci sono voluti diversi giorni. Il fatto che anche Adam, Jacob e Will ci abbiano provato mi ha fatto capire quanto fosse davvero difficile. Qualcuno [might] Penso che potrebbe essere più difficile, ma alla fine penso che 9b+ vada bene.

arrampicata: Ho scalato in tutto il mondo. Cosa ne pensi del fatto che la FA sia il percorso più difficile della tua carriera nella tua nativa Italia? C’è un senso di orgoglio nazionale in questa trasmissione?

READ  Pecco Bagnaia: Wild Win, video popolari e un famoso traguardo: perché l'italiano è un astro nascente in MotoGP

Gisolfi: Era importante non solo perché era in Italia, ma anche perché era vicino a casa mia, ad Arco, in Trentino, una zona ricca di potenzialità che sta crescendo rapidamente in termini di salite difficili, anche [though] La tradizione dell’arrampicata qui è iniziata negli anni ’80. Le tre vie più difficili d’Italia sono qui (ExcaliburE Paese delle meraviglie E forse Pumba), e sono state scalate tutte negli ultimi 12 mesi, e questo la dice lunga sul potenziale qui.

“Negli ultimi mesi, ho cambiato il mio allenamento e mi sono concentrato maggiormente sull’allenamento della forza, perché sapevo che la mia normale resistenza sarebbe stata sufficiente, ma in qualche modo mi mancava la forza pura”. (Foto: Sarah Grippo)

arrampicata: Excalibur Molto breve: solo 18 mosse. Ti è mai sembrato di lavorare quasi su un boulder piuttosto che su una via sportiva? L’altezza ha mai cambiato la tua strategia?

Gisolfi: 18 sono pochi tornanti per la strada, ma tanti per una roccia. Mi sento sempre bene con i percorsi lunghi e basati sulla resistenza. Questo era diverso in quanto era di circa 12 metri [40 feet]. C’è sollievo nel mezzo e riuscire a sfruttarlo al meglio è fondamentale per scalare l’ultimo segmento, ma anche così la potenza è molto importante. [tool] salire in questo modo. Negli ultimi mesi ho cambiato il mio allenamento e mi sono concentrato maggiormente sull’allenamento della forza, perché sapevo che la mia normale resistenza sarebbe stata sufficiente, ma in qualche modo mi mancava la forza pura.

arrampicata: Hai detto che c’è un inizio basso per Excalibur. Ti piacerebbe provare questa partenza bassa molto presto, o è un progetto ‘possibile’ per il futuro?

Gisolfi: Voglio fare una pausa da Excalibur Per ora, ma Will Posey tornerà e potrebbe essere un buon momento per provare [the low start] Con una delle rocce più forti del mondo. [The start] Sembra qualcosa come aggiungere un solido masso all’inizio di un sentiero.

arrampicata: Cosa poi? Cosa hai in mente per il futuro?

Gisolfi: Mi aspetto Silenzio. In realtà l’ho provato l’anno scorso e tornerò a maggio, poi di nuovo ad agosto.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *