Il tribunale delle Nazioni Unite ordina all’Azerbaigian di porre fine alla barriera del Nagorno-Karabakh | Notizia

Il tribunale delle Nazioni Unite ordina all’Azerbaigian di porre fine alla barriera del Nagorno-Karabakh |  Notizia

Il corridoio Lachin, l’unica via terrestre che dà all’Armenia un accesso diretto al Nagorno-Karabakh, è stato chiuso dal 12 dicembre.

La più alta corte delle Nazioni Unite ha ordinato all’Azerbaigian di rimuovere un posto di blocco sull’unica strada tra l’Armenia e la regione a maggioranza armena del Nagorno-Karabakh dell’Azerbaigian, il che ha acuito le tensioni tra i due paesi.

La sentenza legalmente vincolante 13-2 della Corte internazionale di giustizia di mercoledì è il risultato delle ultime scaramucce legali in una lunga battaglia tra Armenia e Azerbaigian sul Nagorno-Karabakh.

Ciascun paese ha intentato una causa in tribunale accusando l’altro di violare un accordo volto a eliminare la discriminazione razziale.

La sentenza è stata emessa mercoledì sullo stallo, noto come corridoio Lachin, poco più di due anni dopo la fine di una guerra tra i due Paesi vicini nel Nagorno-Karabakh che ha provocato la morte di circa 6.800 soldati e 90.000 civili sfollati.

La regione remota e aspra si trova all’interno dell’Azerbaigian, ma è stata sotto il controllo delle forze etniche armene sostenute dagli armeni dalla fine di una guerra separatista nel 1994.

Un cessate il fuoco mediato dalla Russia ha posto fine alla guerra del 2020 e ha dato all’Azerbaigian il controllo su parti del Nagorno-Karabakh e sui vicini territori occupati dagli armeni. La Russia ha inviato una forza di mantenimento della pace di 2.000 soldati per mantenere l’ordine.

Gli avvocati dell’Armenia hanno affermato durante le udienze del tribunale del mese scorso che la barricata, eretta alla fine dell’anno scorso da manifestanti che si dicevano attivisti ambientali, faceva parte di una campagna dell’Azerbaigian che gli armeni hanno descritto come “pulizia etnica”.

READ  Baker, Diane Doris - Necrologio di Kelowna

Il presidente dell’ICJ Joan Donoghue ha affermato che le prove presentate dall’Armenia dimostrano che il blocco “ha ostacolato il trasferimento di persone di origine nazionale ed etnica armena negli ospedali del Nagorno-Karabakh alle strutture mediche in Armenia per cure mediche urgenti”.

Ha anche interrotto le forniture al Nagorno-Karabakh di “beni essenziali, causando carenza di cibo, medicine e altre forniture mediche salvavita”, ha detto Donoghue.

Nella loro decisione a maggioranza, i giudici della corte hanno ordinato all’Azerbaigian di “prendere tutte le misure a sua disposizione per garantire la libera circolazione di persone, veicoli e merci lungo il corridoio Lachin in entrambe le direzioni”.

Hanno respinto la richiesta dell’Armenia di ordinare all’Azerbaigian di non bloccare le forniture di gas al Nagorno-Karabakh, affermando che gli avvocati armeni non avevano fornito prove sufficienti a sostegno della loro affermazione secondo cui l’Azerbaigian stava interrompendo tali forniture.

I giudici hanno anche respinto una richiesta dell’Azerbaigian di ordinare un ordine per fermare o impedire all’Armenia di piazzare mine antiuomo e trappole esplosive nelle aree della regione in cui i cittadini azeri sarebbero tornati.

Poco più di un anno fa, il tribunale internazionale ha ordinato a entrambi i paesi di impedire la discriminazione reciproca dei cittadini all’indomani della guerra e di non esacerbare il conflitto.

Lo scorso anno sono scoppiati combattimenti tra le due ex repubbliche sovietiche, che hanno ucciso quasi 200 soldati nello scontro più sanguinoso dalla guerra delle sei settimane nel 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *