Soccorso subacqueo: subacquei spagnoli liberano una balena intrappolata in una rete da pesca illegale

In un’operazione di salvataggio subacqueo, subacquei spagnoli hanno liberato una megattera di 12 metri coinvolta in una rete da posta illegale al largo dell’isola di Maiorca, nelle Baleari.

Uno dei subacquei, la biologa marina 32enne Gigi Tauras, ha detto che il suo salvataggio venerdì scorso e un piccolo gesto di apprezzamento da parte del gigantesco mammifero è stato anche un regalo di compleanno per lei – “il migliore in assoluto”, dice.

“Era come se fosse fuori dal mondo. È stato fantastico e incredibile”, ha detto a Reuters martedì. Questa era solo la terza volta che un gobbo veniva visto in giro per le Isole Baleari.

La vulnerabile balena è stata avvistata da una nave a circa cinque chilometri al largo della costa orientale di Maiorca, mettendo in azione il centro di soccorso marino Aquarium di Palma di Maiorca.

Hanno scoperto la balena completamente intrappolata nella rete da pesca rossa in modo che non potesse aprire la bocca.

Guarda | Il subacqueo descrive la sua presenza sott’acqua accanto alla balena e lavora per liberarla:

Come entrare in una dimensione completamente diversa.

Il biologo marino e subacqueo Gigi Tauras descrive di sentirsi sott’acqua, accanto a una megattera intrappolata, mentre lavora con i colleghi per tagliare le reti da pesca aggrovigliate che intrappolavano il mammifero di 12 metri di lunghezza.

Dopo che i tentativi iniziali di tagliare la rete da una barca sono falliti, i subacquei dei centri di immersione Albatros e Skualo si sono uniti allo sforzo e sono annegati in mare per rimuovere la rete con i loro coltelli in un’audace operazione di 45 minuti.

READ  Aggiornamento: la guida è ancora rischiosa

“I primi 10 secondi sono diventato un po’ nervoso, sai, come le bolle dappertutto, ma poi non lo so, mi ha chiamato pazzo, ma penso che lei sapesse che eravamo lì per aiutarla e si è semplicemente rilassata e ha iniziato a lavorare dalla parte”, ha detto il proprietario dell’Albatros, Torras, dalla parte anteriore della bocca alla parte posteriore.”

“Abbiamo continuato a tagliare e affettare e ha dato un po’ di movimento per uscirne”, ha detto Torras, aggiungendo che i mammiferi sono rimasti un po’ in piedi per riprendere forza con i quattro subacquei e hanno persino ringraziato quello che sembrava firmi” prima di nuotare.

Una megattera intrappolata e subacquei vengono visti nelle acque al largo di Maiorca, durante un tentativo di 45 minuti di tagliare una rete da pesca di mammiferi. (Xaloc/Hector Gago/Reuters)

Le reti galleggianti sono chiamate “muri della morte” a causa della quantità di altra vita marina che catturano oltre al pesce che intendono catturare. Sono stati banditi dalle Nazioni Unite 30 anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.