La parrocchia cattolica di St John’s Mark of Disgrace for Boarding Schools with Apology, Memorial

La domenica della chiesa cattolica di San Giovanni ha affrontato la storia oscura del genocidio culturale della sua istituzione, mettendo giocattoli e scarpe per bambini sull’altare per commemorare i 215 bambini i cui resti sono stati trovati sepolti in una scuola residenziale a Kamloops.

“Tutti provano un profondo senso di vergogna”, ha detto il parroco di Santa Teresa Tony Bedgood.

“C’è un’enorme quantità di dolore e resa dei conti in corso in questo momento. E le persone sono solo alle prese con come può la loro chiesa, come possono farlo i rappresentanti della loro religione?”

Bidgood ha detto Spettacolo mattutino di San Giovanni Che uno dei parrocchiani gli si avvicinò con l’idea di creare un memoriale. Bidgood, che ha già inviato chiamate ed e-mail da persone che chiedevano come apportare le modifiche, ha affermato che i membri della chiesa hanno riempito l’altare di segni di riconoscimento domenica scorsa.

Ha anche affrontato le tragiche conseguenze di Kamloops nella sua omelia e si è scusato per il ruolo storico dell’istituzione nella gestione dei collegi in tutto il Canada.

Ha detto: “Era importante per me rispondere ai sentimenti e alle emozioni delle persone… per provare, e suppongo, a fare eco a ciò che stavo ascoltando”. Per chiedere scusa… per chiedere scusa al Papa e ai vescovi del Canada.

Padre Tony Bidgood si è scusato per il ruolo della Chiesa cattolica nell’allontanare i bambini aborigeni dalle loro famiglie. (Ted Dillon/CBC)

Bidgood ha riconosciuto il “profondo senso di vergogna” che lui e altri membri della Chiesa cattolica affrontano quando affrontano il ruolo della chiesa nel sistema dei collegi. Ha detto che le notizie da Kamloops hanno evocato un’immagine mentale di “215 bambini che non sono stati adeguatamente sepolti in termini di riconoscimento come persone, e le loro famiglie sono informate. . . .”

Sempre domenica, a migliaia di chilometri di distanza, papa Francesco si è fermato sul balcone del Vaticano, esprimendo la sua “vicinanza ai canadesi traumatizzati” per il ritrovamento di quei resti.

I critici hanno invitato il capo della chiesa a presentare scuse formali. A parte le scuse generali ai popoli indigeni delle Americhe durante un viaggio in Bolivia nel 2015, il Papa non ha risposto a quelle richieste.

“Dobbiamo affrontarlo”, ha detto Bidgood. “Dobbiamo ascoltare le storie che escono dalla Commissione per la verità e la riconciliazione”. “Dobbiamo pregare e chiedere giustizia e delle scuse… penso che sia l’unico modo per andare avanti”.

Leggi di più da CBC Terranova e Labrador

READ  Il principe Harry vince grossi danni in una controversia legale con il giornale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *