Segui Rishi Sunak, anche l’Italia si è resa conto che la retorica anti-immigrati non fermerà le piccole imbarcazioni.

Segui Rishi Sunak, anche l’Italia si è resa conto che la retorica anti-immigrati non fermerà le piccole imbarcazioni.

Essere in Italia evidenzia chiaramente il peggioramento e l’inesorabile crisi dei rifugiati che ha afflitto gran parte dell’Europa. Siamo venuti per onorare la mia defunta madre, visitando il suo villaggio per La Vista, la festa che vede i grandi expat italiani tornare a casa in vacanza. Ma è stato impossibile sfuggire alla realtà della migrazione di oggi in una settimana quando sei morti nella Manica dopo la notizia di 41 morti al largo di Lampedusa, l’isola più meridionale d’Italia, hanno subito quattro naufragi in cinque giorni a causa delle barche che cercavano di raggiungerla.

Circa 65 anni fa, quando una famiglia partiva per Londra o per gli Stati Uniti, la situazione qui nel Lazio era inimmaginabilmente disastrosa. Vicino a Monte Cassino si trova il villaggio di montagna di San Donato, un monastero distrutto dai bombardamenti alleati mentre i tedeschi combattevano un attacco alle spalle dopo che 170.000 truppe alleate erano sbarcate sulle spiagge meridionali dell’Italia. Vi morirono truppe di molte nazionalità, mentre la popolazione soffriva la fame e malattie come il tifo. Lenuccia, la mia migliore amica di 96 anni, mi ha raccontato storie dell’orrore della fame sulla mia famiglia, facendomi venire le lacrime agli occhi.

Importa che tipo di rifugiato è stata la mia famiglia in seguito? Non erano più perseguitati dai tedeschi, ma non potevano sopravvivere, perché erano già impoveriti prima della guerra. E in una delle tante ironie: mia madre alla fine rimase a Londra intorno al 1960 per lavorare in una casa di cura, perché la Gran Bretagna aveva un disperato bisogno di personale. Suona familiare? Così ha fatto alcuni dei pregiudizi casuali che ha subito: nonostante fosse bianca, le è stato risparmiato il trattamento molto peggiore della generazione Windrush.

READ  Tahiti è fiduciosa di affrontare l'Italia per assicurarsi un posto nelle semifinali dei Mondiali di Beach Soccer 2024

Oggi Lampedusa è nell’occhio del ciclone. Sono passati quasi 10 anni dal peggior disastro di rifugiati mai avvenuto nel Mediterraneo, quando 368 (su 523) morirono in un naufragio in transito dal porto libico di Misurata. Tuttavia, solo la scorsa settimana si sono verificati quattro naufragi in cinque giorni tra la Tunisia e Lampedusa. Solo quattro persone sono sopravvissute al naufragio mentre 41 sono morte dopo aver lasciato il porto tunisino di Sfax. Lampedusa dista poco più di 100 chilometri dalla costa tunisina. Tuttavia, è degno di nota il fatto che solo quest’anno siano arrivati ​​in Italia 93.000 profughi (44.700 sono arrivati ​​nello stesso periodo dell’anno scorso). Mette in prospettiva il mistero del canale. A partire da giovedì scorso, 15.286 migranti sono entrati in Inghilterra quest’anno. Ce ne sono state circa 100.000 in totale dal 2018. Mentre solo nel 2002, il Regno Unito ha ricevuto 102.000 domande di asilo.

La crisi del Regno Unito impallidisce chiaramente rispetto a quella italiana, ma ci sono somiglianze. In particolare, entrambi hanno governi populisti di destra. Per Rishi Sunak e Soila Braverman, vedi il primo ministro italiano di estrema destra Giorgia Meloni. Ha dovuto attenuare la sua posizione anti-immigrati, affermando in una conferenza europea che ha ospitato il mese scorso che “l’Europa ha bisogno di immigrati”. Lo dice la Meloni, vero? L’invecchiamento e il calo della popolazione italiana significano che gli immigrati sono vitali per la sua economia. Suona familiare?

Chiaramente, la retorica cinica, anti-immigrati e in cerca di voto si è scontrata con il fatto che le nostre economie richiedono agli immigrati di lavorare. Solo la cooperazione internazionale tra governi europei e altri governi può sperare di produrre risultati reali. La retorica populista di un paese sulle “bande illegali” o sul “fermare le barche” non può arginare l’afflusso di persone disperate, perché quelle bande sono un sintomo, non una causa, del vero problema.

READ  Zona arancione, gialla e rossa: ecco i cambiamenti di colore delle regioni: la cronaca

@dipendente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *