Tempismo sbagliato?: la visita di Rahul in Italia fa alzare le sopracciglia mentre i partiti si preparano alle elezioni

Il leader del Partito del Congresso è noto per aver compiuto visite all’estero a spese dei comizi elettorali e delle sessioni parlamentari, fino al giorno della fondazione del Congresso.

Secondo quanto riferito, Rahul ha trascorso 25 giorni all’estero quest’anno nel corso di quattro viaggi all’estero, attirando critiche non solo dal BJP, ma anche dagli addetti ai lavori.

La tempistica della partenza del leader del Congresso Rahul Gandhi per l’Italia, dove vive sua nonna materna, all’avvicinarsi delle elezioni dell’assemblea statale, ha suscitato critiche da più parti.

Si ritiene che il raduno a Muga, nel Punjab, a cui Rahul avrebbe dovuto partecipare il 3 gennaio, possa essere rinviato perché potrebbe non essere tornato in tempo.

Per un Congresso, che è stato alle prese con imbarazzanti percorsi elettorali e leader disertori, l’assenza di un leader di spicco durante la campagna in uno stato in cui ci sono buone possibilità di un ritorno al potere è preoccupante. Si teme inoltre che l’assenza di Rahul influisca ulteriormente sull’immagine del partito, che sta già cercando di risolvere il problema delle lotte intestine all’interno dei vertici del Punjab.

Per non parlare del suo silenzio radiofonico durante la campagna elettorale è in netto contrasto con il clamore dei partiti politici negli stati votati al suffragio, in particolare il forte voto del BJP e del partito Samajwadi nell’Uttar Pradesh.

Annunci

Leggi anche: Nessuna macchina prodotta in India per PM Modi? Il Congresso critica l’acquisto della nuova Mercedes

I sondaggi in Uttar Pradesh, Uttarakhand, Punjab, Goa e Manipur dovrebbero essere annunciati entro gennaio 2022.

Tuttavia, il Congresso ha difeso il suo leader dicendo che è in un breve viaggio e tornerà in tempo per il raduno del Moja.

Rahul Gandhi in una breve visita personale. “Il BJP e i suoi amici nei media non dovrebbero diffondere voci inutili”, ha detto il portavoce del partito Randeep Singh Surjwala.

Tuttavia, questa non è la prima volta che un discendente di Gandhi è assente dal lavoro quando il suo partito aveva bisogno dei suoi servizi.

Rahul è partito per un breve viaggio a Londra giorni prima della sessione invernale di quest’anno solo per tornare un giorno prima della sessione del Parlamento. Secondo quanto riferito, quest’anno ha trascorso 25 giorni all’estero durante quattro di questi viaggi, attirando critiche non solo dal BJP, ma anche dagli addetti ai lavori.

Nel 2019, Rahul si è dimesso da presidente del Congresso dopo l’imbarazzante sconfitta del partito alle elezioni di Lok Sabha. Tuttavia, in seguito prese le distanze dalla scena politica e fu assente dal Parlamento nella prima settimana della sessione invernale di quell’anno.

Nello stesso anno, il ministro degli interni federale Amit Shah ha dichiarato a Lok Sabha che il leader del Congresso ha viaggiato all’estero almeno 247 volte tra il 2015 e il 2019 senza informare l’SPG, per una media di 62 viaggi all’anno e cinque viaggi al mese.

Nell’ottobre 2019, Rahul ha interrotto la sua campagna elettorale ed è partito per Bangkok, due settimane prima delle cruciali elezioni comunali nell’Haryana e nel Maharashtra.

All’inizio del 2020, quando il paese era nel bel mezzo di una furiosa protesta contro la legge sull’aviazione civile, Rahul era in viaggio in Corea del Sud. Secondo quanto riferito, la sua delegazione è partita poche ore prima che la protesta all’Università islamica di Beirut diventasse violenta. Il Congresso, in difesa di Rahul, ha affermato che il viaggio era stato pianificato in anticipo. Rahul ha anche perso la fase finale della campagna elettorale del Jharkhand a causa del tour, lasciando sua sorella Priyanka a compensare la sua assenza a una manifestazione a Bakur.

Leggi anche: Qual è il motivo della nuova simpatia Cena con il Congresso?

Nel dicembre di quell’anno il leader del Congresso partì per l’Italia un giorno prima del 136 Il giorno della fondazione del partito, lasciando i leader del partito riluttanti a rispondere alla sua assenza. Il Congresso in seguito ha affermato che il leader non era in vacanza e che era in Italia per incontrare un parente malato e la nonna.

Il deputato Wayanad, che è stato esplicito nel suo sostegno agli agricoltori che protestavano contro le leggi agricole, è stato preso di mira per essere partito per l’Italia nel dicembre 2020, quando centinaia di agricoltori erano seduti al freddo al confine di Delhi.

READ  Il presidente dell'Eurogruppo Pascal Donohoe si reca in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.