Scusa scusa, mentre Rublev tira un colpo su un milione

Scusa scusa, mentre Rublev tira un colpo su un milione
ItaliaYannick Siner in azione durante la sua partita del quarto round contro di lui ColombiaDaniel Elahi Jalan (Reuters tramite abbonamento Beat Media Group)

Di James Toney a Wimbledon

Jannik Sinner potrebbe diventare il tennista rosso più famoso dai tempi di Boris Becker, ma non è noto per essere all’altezza dei cliché infuocati.

Modella veloce e modella part-time, cammina in campo con una figura Gucci La borsa, classificata all’ottavo posto nel mondo, è di solito un tipo disinvolto.

Tuttavia, ha dovuto scusarsi per un disaccordo con l’arbitro Mariana Veliovic poiché è diventato il primo uomo italiano a raggiungere due volte i quarti di finale a Wimbledon.

Sinner ha battuto il colombiano Daniel Elahi Galán 7-6, 6-4, 6-3, ma è stato ripetutamente infuriato dalle telefonate dei funzionari e ha detto loro questo, provocando scherni dalla folla sul campo n. 1.

“Mi scuso perché di solito sono abbastanza calmo”, ha detto.

“È uno sport, a volte succede e ci sono state alcune chiamate difficili per me. Di solito cerco di rimanere nel momento presente, ma a volte i giocatori si sentono un po’ frustrati, mi dispiace per tutti”.

Il record dell’Italia nel tennis del Grande Slam non è affatto eccezionale: il loro ultimo vincitore del Grande Slam in questo sport è stato Adriano Panata, 47 anni fa al Roland Garros.

Due anni fa Matteo Berrettini è diventato il primo italiano a raggiungere la finale maschile di Wimbledon, ma Sinner – i cui tifosi seguono le partite vestiti da carote – è un giocatore che pochi vorrebbero eguagliare qui.

Roman Sviolin sarà il suo avversario nei quarti di finale dopo aver rimontato 3-6 6-3 6-1 6-3. CanadaDenis Shapovalov, classificato n. 26.

READ  Judo Data fornisce obiettivi per l'analisi

Ha aggiunto: “Ho imparato ad essere amichevole con il tappeto erboso e ad accettare che potresti essere fortunato con il rimbalzo e cose del genere, penso di aver cambiato molto la mia mentalità per quella superficie”.

“Mi piace giocare qui ora, amo l’atmosfera, è molto speciale. Ho avuto una preparazione migliore quest’anno e sono davvero ottimista per la prossima settimana”.

Andrey Rublev e Alexander Bublik si sono dati battaglia per tre ore e cinque set sul campo centrale prima che l’ex sette volte testa di serie vincesse 7-5, 6-3, 6-7, 6-7, 6-4.

È anche passato alla contesa per il titolo nelle fasi finali del set finale, lasciando Bublik con gli occhi spalancati e la bocca aperta con un ritorno in tuffo da dietro la linea di fondo che ha fatto alzare la folla in piedi. Ha servito l’asso con il suo punto successivo per terminare la partita, il suo avversario continuava a scuotere la testa incredulo.

“Questo è probabilmente il punto più emozionante della mia carriera”, ha detto Rublev, sette volte ai quarti di finale del Grande Slam ma non semifinalista.

“Per tutta la mia carriera non sapevo come tuffarmi, ero così spaventato. Non so davvero come ho fatto quel tiro, non ho visto la palla o dove è andata.

“Poi tutti hanno iniziato a urlare e ho visto la sua faccia scioccata. Era uno sparo su un milione, non sai quante volte nella vita avrai quei momenti”.

Sono passati nove anni da quando Grigor Dimitrov ha raggiunto le semifinali di Wimbledon e sei anni da quando ha raggiunto il numero tre del mondo in carriera.

READ  UCL, Etapa un 6-a | Video live

Tuttavia, sembrava che fosse tutto d’intralcio con la sua vittoria per 6-2 6-3 6-2 al terzo turno contro la decima testa di serie americana Frances Tiafoe, che è arrivata a Wimbledon dopo aver vinto sull’erba in Stoccarda.

Sperava che una buona corsa qui significasse aver finalmente raggiunto una singola classifica mondiale.

Tiafoe è un talento indubbio – ha sconfitto Rafael Nadal agli US Open lo scorso anno – ma la sua carriera ha avuto la sua parte di alti e bassi, e questa sconfitta è sicuramente l’ultima.

“Devo andare avanti, ma farà male per molto tempo e vedremo come tornerò alla normalità”, ha detto.

“Sarà difficile tornare a casa e tutti saranno entusiasti di vedermi, ma non voglio fare nulla.

“Non mi sono mai sentito così dopo una sconfitta, e di solito sono all’altezza delle occasioni e mi sento deluso dalla mia performance. È pazzesco per me, è così frustrante. Mi ha dimenticato ed è stato piuttosto orribile a dire il vero.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *