Scultura di Neanderthal scoperta nella Grotta dell’Unicorno, Germania – ARTnews.com

La tedesca Einhornhöhle, o Grotta dell’Unicorno, nelle montagne dell’Harz prende il nome dai cacciatori di tesori che credevano che i resti fossili nei corridoi bui appartenessero agli unicorni. Gli archeologi che hanno scavato il sito di recente hanno trovato qualcosa di quasi improbabile: un osso di cervo di 50.000 anni con un motivo geometrico scolpito dai Neanderthal. scoperta, menzionato Lunedì da un team di ricercatori dell’Università di Göttingen e dell’Ufficio del patrimonio statale della Bassa Sassonia, si aggiunge a un crescente corpo di prove che i Neanderthal hanno creato oggetti simbolici, forse ciò che chiamiamo arte.

I manufatti trovati nella Grotta dell’Unicorno negli anni ’80 hanno dimostrato che il sito era in realtà una tana di Neanderthal durante il Paleolitico medio (circa 300.000-30.000 anni fa). Un team di archeologi tedeschi ha rivisitato la grotta nel 2014 per nuovi scavi e nel 2019, mentre studiavano gli strati incontaminati del suolo dell’era glaciale sepolti lì, hanno trovato ossa di animali ben conservate con segni di taglio. Tra questi c’era un gigantesco osso preistorico del piede di cervo (ora estinto).

articoli Correlati

Thomas Terberger, archeologo preistorico dell’Università di Göttingen in Germania e uno degli autori del nuovo studio in Ambiente e sviluppo della natura, in un’e-mail a ARTnews. La datazione al radiocarbonio ha dimostrato che il pezzo ha 51.000 anni – quando i Neanderthal erano l’unica specie umana che vagava in questa parte d’Europa – e l’analisi sulle ossa ha mostrato che queste iscrizioni non erano segni di macellazione. (I ricercatori hanno persino condotto alcuni dei loro esperimenti intagliando ossa di dita di mucca, scoprendo che molto probabilmente l’osso è stato bollito prima).

READ  Michael Coffrig e Michael Spavor: fissate le date del processo per due canadesi detenuti in Cina con l'accusa di spionaggio

“Passo dopo passo abbiamo appreso che non solo avevamo trovato qualcosa di eccitante, ma avevamo a che fare con un piccolo osso di un grande animale del Pleistocene che è stato sicuramente decorato da un Neanderthal”, ha detto Terberger. “Secondo me, questa scoperta appartiene alla fase iniziale dell’uso dei simboli ed è sulla buona strada per fare arte”.

L’osso di cervo scolpito è l’ultima prova che i Neanderthal praticavano comportamenti simbolici. Da altre scoperte sull’Eurasia, gli scienziati sanno che i nostri cugini estinti potrebbero aver avuto pigmenti misti e adornare i loro corpi con piume e artigli. Nel 2014, gli archeologi hanno riportato la scoperta di una scultura geometrica che ricorda un hashtag all’interno di una grotta di Neanderthal a Gibilterra. Ma queste opere sono all’altezza dell’arte? È improbabile che quest’ultima scoperta risolva la controversia.

Rebecca Warag Sykes, archeologa e borsista onorario dell’Università di Liverpool, non è stata coinvolta nella scoperta della Grotta dell’Unicorno, ma quando le è stato chiesto di rivedere il documento, si è assicurata di guardare l’immagine dell’oggetto prima di leggere l’argomentazione degli autori .

“È stato un momento molto bello”, ha detto Warrage Sykes. ARTnews Questa mattina al telefono. Sono rimasto stupito di come le linee fossero incise a intervalli regolari e con angoli così acuti. “La natura complessa e la struttura dei segni sono al di là di ciò che abbiamo visto in altri contesti sicuri di Neanderthal”.

Ma Wragg Sykes è attenta al linguaggio che usa per descrivere una tale iscrizione ed evita termini come “ornamento”.

“La decorazione dice che è per la visualizzazione – questo è ciò che non sappiamo di questo. È stata chiaramente prodotta con l’intento e si è prestata attenzione per garantire [the lines] sono regolamentati. Ma non sappiamo se esiste un pubblico dedicato a questo. Quando discutiamo di arte oggi, l’idea è sempre che ci sarà un pubblico per essa. Personalmente, è per questo che penso che dovremmo parlare di Neanderthal che hanno una tradizione estetica piuttosto che una tradizione artistica simbolica”.

Einhornhole (Grotta dell’Unicorno), Grotta Azzurra.
Per gentile concessione di Wikimedia Commons

Forse, piuttosto che intagliare un osso con l’intento di mostrarlo, i Neanderthal hanno trovato un significato nell’atto di creare un tale oggetto. Nel suo libro del 2020 sui Neanderthal, genereWragg Sykes osserva che gli umani tendono a pensare alla creazione artistica come a un tratto che definisce la specie, ma gli scimpanzé in cattività, quando vengono forniti loro materiali artistici, sono in grado di dipingere e alterare le superfici. Sembrano persino mostrare alcune delle stesse inclinazioni dei Neanderthal, come stare all’interno della struttura di un dato dipinto e apprezzare la simmetria.

“Molto interessante, anche se molto concentrato durante il disegno, [chimpanzees] Spesso sembra meno interessato all’immagine risultante”, e Raj Sykes scrive nel suo libro. “Per loro, l’estetica, nel suo senso originale di percezione e divertimento, è nella creatività, non nel prodotto finale. L’arte come processo di interazione fisica e sensoriale con il materiale può non essere familiare alla sensibilità occidentale classica, ma molte culture umane nel tempo riconoscono il suo potere trascendentale”.

È difficile confrontare le opere di Neanderthal con l’arte che è stata realizzata da umani anatomicamente moderni in Africa ed Eurasia. Dalle vaste pitture rupestri alle statue e ai pendenti in avorio scolpito, esistono abbondanti esempi di arte figurativa del Paleolitico superiore e hanno permesso agli archeologi di pensare a quest’opera come a un sistema simbolico coerente. Al contrario, tutte le opere di neanderthal che abbiamo sono opere completamente astratte. Le uniche opere rappresentative associate provvisoriamente ai Neanderthal sono gli stampini che mostrano i contorni delle mani in una grotta in Spagna, ma l’età di quei dipinti è stata oggetto di accesi dibattiti; Se non fossero così vecchi come hanno sostenuto alcuni archeologi, potrebbero essere stati creati dagli umani.

Troveremo mai una scultura rappresentativa? Dice Warrage Sykes. “Ma i Neanderthal ci sorprendono sempre”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *