Scienziati argentini hanno scoperto particelle di micro-RNA nel virus SARS-CoV-2 – Télam

Merino ha sottolineato che il contributo principale del lavoro è la progettazione di nuovi modelli di deep learning per identificare queste sequenze.

Gabriela ha chiarito mercoledì, in uno studio condotto da ricercatori argentini – e pioniere in tutto il mondo – la presenza di piccole particelle di RNA nel nuovo Corona virus (SARS-CoV-2) che influenzerebbero lo sviluppo e la progressione di malattie e processi virali. Merino, ricercatore Conicet e autore principale del lavoro.

“I microRNA hanno la capacità di regolare l’espressione genica, influenzando sia lo sviluppo e lo sviluppo della malattia che i processi virali, e quindi la loro importanza”, ha detto Merino in un’intervista a Telam.

“Abbiamo identificato potenziali microRNA per SARS-CoV-2 che potrebbero mettere a tacere almeno 28 geni umani, molti dei quali sono collegati a malattie cardiache e respiratorie e infezioni virali, anche quelle causate da virus”, ha detto Merino, un bioingegnere, ricercatore presso l’Istituto di ricerca e sviluppo. L’altra Corona “. In Bioingegneria e Bioinformatica (IBB) dell’Università Nazionale di Entre Rios (UNER) e di Conicet.

Eseguendo un’analisi computazionale del genoma virale, “gli scienziati hanno identificato 12 strutture che sarebbero precursori di queste particelle fini, e da questo totale sono stati in grado di confermare la presenza di 6 in esperimenti su cellule umane infettate dal coronavirus”, ha riferito CyTA Leloir.

“I microRNA hanno la capacità di regolare l’espressione dei geni, con un’influenza sia sullo sviluppo che sulla progressione delle malattie e dei processi virali, e quindi sulla loro importanza”.

Gabriella Merino

Un altro aspetto dello studio è stato quello di confrontare le sequenze di microRNA rilevate in SARS-CoV-2 con quelle nei virus pipistrello e pangolino.

READ  Uno studio rileva che gli eventi di estinzione di massa stanno marciando verso un `` tamburo di 27 milioni di anni ''

Federico Ariel, il ricercatore indipendente di Conicet, ha osservato: “Le analisi comparative eseguite indicano che alcune delle poche mutazioni nella regione che codifica per questo RNA potrebbero aver facilitato il salto tra le specie”.

Il ricercatore ha spiegato che ciò è dovuto al fatto che “le mutazioni avvenute potrebbero aver generato nuove microparticelle mature in SARS-CoV-2, che hanno acquisito la capacità di regolare l’espressione dei geni umani, consentendo così lo sviluppo di Covid-19”.

“I risultati del nostro lavoro possono contribuire allo sviluppo di una migliore diagnostica e / o terapie”, ha affermato Georgina Stigmeier, responsabile dello studio e direttore del gruppo di bioinformatica presso l’Istituto per la ricerca in segni, sistemi e intelligenza computazionale. Città di Santa Fe, affiliata all’Universidad Nacional del Litoral (UNL) e Conicet.

“Oltre a studiare SARS-CoV-2, continueremo a lavorare con modelli di apprendimento profondo (algoritmi che consentono l’analisi e la classificazione di milioni di dati di tutti i tipi) per accelerare l’identificazione di microRNA in altri patogeni di malattie endemiche argentine, come la febbre dengue”, ha detto Stigmayer.

Merino ha condiviso l’apprezzamento e ha aggiunto che “nel Simultaneous Bioinformatics Group (1) stiamo ricercando e sviluppando nuovi strumenti di apprendimento automatico per identificare le particelle fini”.

“È un problema difficile perché all’interno del genoma ci sono milioni di sequenze che potrebbero essere microRNA, ma poche di esse sono state verificate sperimentalmente, o nel caso di SARS-CoV-2, che non sono state verificate.

Il ricercatore ha spiegato che “il principale contributo del lavoro – pubblicato su Bioinformatics – è la progettazione di nuovi modelli di deep learning per riconoscere queste sequenze”.

“Una volta identificati, utilizziamo i dati di esperimenti biologici per convalidare i risultati e prevedere l’effetto che i miRNA possono avere come regolatori dell’espressione genica umana”.

READ  Rapporto: anche MacBook Air sta subendo un'importante riprogettazione

Il primo autore del lavoro di Telam ha sottolineato l’importanza di questo primo lavoro al mondo per segnalare la presenza di queste particelle in SARS-CoV-2, quindi riteniamo che getti le basi, o almeno solleva, una sfida per altri gruppi di ricerca nazionali o internazionali per concentrarsi su questi elementi normativi e ruoli potenziali Che i miRNA possono giocare nello sviluppo e nella progressione del Covid-19 “.

Allo studio hanno partecipato anche Jonathan Raad, Leandro Bognon, Christian Yunus e Diego Mellon di Conicet e Sunk (1); Laura Kamynitzky, Conicet all’iB3 di UBA; E Joan Close della School of Biochemistry and Biological Sciences dell’UNL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *