Sblocca ricette segrete della cucina ebraico-italiana

Sblocca ricette segrete della cucina ebraico-italiana

Il nuovo libro di cucina di Sylvia Nacamoli Sapori ebraici in ItaliaTrascina i suoi lettori nell'affascinante storia degli ebrei italiani, nel loro cibo e nella tavola della famiglia Nacamoli. Nacamoli racconta la storia della sua famiglia italiana e i piatti che hanno un significato per lei. Incorporano anche ricette rappresentative della più ampia comunità ebraica italiana, comprese le influenze degli ebrei immigrati da altrove, come la Libia o il Levante. Ma sottolinea che ogni storia e ricetta ha una ragione d'essere nel suo libro.

Puoi percepire lo scopo e la passione nel modo in cui Nacamoli scrive del cibo della sua famiglia mentre dice: “Cucinare e trasmettere ricordi, per me, è uno dei modi più importanti ed efficaci per preservare la cultura”.

Il suo libro include famosi piatti italiani, come il pesto fresco e delizioso.

Pesto Genovese – pesto di basilico fresco

Tuttavia, va oltre insegnando ai suoi lettori come la cucina ebraica italiana si distingue dal resto d'Italia a causa delle leggi kosher e di varie altre influenze.

Ad esempio, la carbonara è un popolare piatto classico italiano che di solito viene preparato con carne di maiale, per non parlare del mix di formaggio e carne. Sappiamo che molto prima che esistessero alternative alla carne e ai latticini, gli ebrei italiani dovevano essere creativi e adattare le ricette italiane più tradizionali per adattarle alle leggi kashrut che seguivano. Pertanto, l'archetipo della carbonara di maiale è diventata la deliziosa carbonara di zucchine, nota anche come carbonara di zucchine. È una deliziosa versione vegetariana del classico che sostituisce le zucchine con il maiale.

Carbonara di zucchine – Carbonara di zucchine

READ  L'Italia ha raddoppiato nel blocco finale

Nacamoli ci porta anche ricette come la Ruota di Farrone, conosciuta anche come “Ruota del Faraone”, che, come altre ricette della regione, fonde elementi della cucina ashkenazita, sefardita e italiana. Tradizionalmente veniva servito quando al parsha veniva raccontato dell'esodo degli ebrei dall'Egitto, ma io sarei felice di prepararlo in qualsiasi periodo dell'anno come ottimo piatto di pasta a base di carne! Adoro anche l'idea di un piatto che fonde molte origini ebraiche ma è ancora distintamente ebraico in ciò che rappresenta.

Ruota di Farrone – Cena a base di pasta sulla ruota del Faraone

Una delle cose che preferisco del libro di Nacamoli è quanto ho imparato non solo sulla cucina e sul cibo, ma sulla storia e la cultura degli ebrei italiani in generale. Ci ricorda che gli ebrei italiani sono una delle più antiche comunità ebraiche della diaspora e di tutte le influenze che hanno contribuito alla loro cultura. Per tutti gli amanti della storia e per coloro che desiderano saperne di più sulla società ebraica con la quale potrebbero non avere familiarità, questo libro fornisce un'introduzione ideale all'argomento.

Ma Nacamulli ti offre non solo una storia generale, ma anche la storia personale della sua famiglia. Dal racconto di come la sua famiglia ebbe successo in Italia durante la seconda guerra mondiale alle storie di ciò che veniva servito durante lo Shabbat e i pasti festivi della sua famiglia, è chiaro che Nacamoli e la sua famiglia sono intrecciati nel tessuto dell'ebraismo italiano.

Uno degli unici inconvenienti è che a volte può essere molto difficile navigare tra le ricette e le storie personali della sua famiglia e poi passare a qualcosa di meno personale. Tuttavia, l'amore e la cura messi in ogni ricetta si sentono ancora, facendoci sentire orgogliosi di essere stati invitati alla sua tavola.

READ  Corona virus: oltre 1.200 nuovi contagi in Italia

In definitiva, questo è un libro di cucina che sembra molto più di un semplice libro di ricette. Serve come testimonianza della storia della famiglia Nacamoli e come storia generale dell'ebraismo italiano. Non mancano le ricette uniche da provare, insieme ai preferiti familiari a cui è impossibile resistere. E, naturalmente, tutti noi possiamo identificarci con quella sensazione bella e importante quando prendiamo un boccone di cibo che ci collega a qualcosa di più grande, che si tratti della famiglia, della comunità o della storia, che qui è davvero al centro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *