‘I grandi club non guardano’: l’ex nazionale dell’Italia ha chiamato il boss di Conte ‘tier tre’ – Tottenham Web

Jonathan Muskrupp / Getty Images

L’ex stella della Roma Antonio Cassano ha criticato Antonio Conte, insistendo sul fatto che il nuovo allenatore del Tottenham sia un allenatore di “livello tre”.

Conte arriva al Tottenham con un curriculum incredibile, avendo vinto titoli in quasi tutti i club che gestisce.

La Juventus italiana ha iniziato con nove titoli consecutivi nel 2012 ed è stato l’uomo che alla fine ha rotto la sua carriera all’Inter la scorsa stagione.

Il 52enne ha anche impressionato in Premier League, guidando il Chelsea al titolo nella sua prima stagione nel calcio inglese nel 2016-2017.

I tifosi degli Spurs sperano che l’ex allenatore dell’Inter sia l’uomo per riportare le fortune dei Lilywhites in Champions League.

Tuttavia, Cassano ha affermato che nessuno dei maggiori club europei voleva che Conte suggerisse che non è così bravo come alcuni pensano. L’ex nazionale italiano ha anche insistito sul fatto che Conte non giochi il tipo di calcio che chiedono i migliori club.

Cassano ha detto Juventus 24 (Come passato discorso di squadra): “A giugno gli Spurs gliel’hanno chiesto, lo hanno chiamato e lui ha detto no, tre mesi dopo ha detto sì.

Perché non è stato preso in considerazione dal Barcellona, ​​dal Real Madrid, dal Bayern o da queste grandi squadre?

“Tutti dicono che è un fenomeno e ottiene risultati ma i big non lo cercano, neanche lo United lo ha mai chiesto.

“Quello che penso è che i primi quattro, insieme al Milan, hanno fatto la storia nel mondo. Nessuno di quelli lo cercava. Non ha lo status di top manager, per permettere alla squadra di giocare in un certo modo.

READ  Juventus Dynamo Kiev, rallentatore: Frappart, buon primo

“Penso che la situazione di Conte non sia di livello uno o due, ma di livello tre. È bravo a ricostruire ma non regala una partita abbastanza vittoriosa”.

Visualizza gli speroni sul web

Questa è una valutazione abbastanza dura da parte di Casuno, ma secondo me c’è un fondo di verità in quello che sta dicendo.

Mentre Conte è senza dubbio uno dei primi 7 o 8 allenatori al mondo, non sono sicuro che sia tra i primi tre o quattro, come alcuni pensano che sia.

L’italiano è intelligente tatticamente ma molto inflessibile nel suo sistema e abbiamo anche visto giocatori stancarsi della sua intensità piuttosto rapidamente.

Ovviamente, nulla di tutto ciò significa che gli Spurs abbiano sbagliato a nominarlo poiché era ancora la migliore opzione disponibile e potrebbe essere l’uomo che alla fine ha rotto la siccità del trofeo.

Hai qualcosa da dirci su questo articolo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *