Rugby a sei nazioni | Quattro giovani italiani desiderano creare un futuro luminoso

L’infanzia rovinata dalla visione di leggende come Sergio Baresi, i fratelli Bergamasco, Alessandro Zani e Martin Castrogiovanni, ha sicuramente ispirato le future star a prendere in mano le redini del rugby italiano.

Un gruppo di giovani uomini emergenti tra i ranghi è ora sotto l’occhio vigile di Franco Smith mentre guarda a una nuova generazione di talenti per raccogliere la sfida.

Qui abbiamo selezionato quattro giovani uomini che hanno già dimostrato di possedere la capacità e il talento per diventare le Sei Stelle del Guinness World per gli anni a venire.

Charles zappa

Dal suo debutto contro la Scozia nella Coppa delle Nazioni dello scorso anno, Jacopo Trulla è stato un filo diretto nella difesa italiana.

L’esterno di Zebri ha avuto un periodo produttivo nella squadra italiana Under 20, segnando sei tentativi in ​​dodici partite, tre volte nel Campionato Sei Nazioni Under 20 nel 2019 e nel 2020 rispettivamente.

Ora, il 20enne crede che la prima squadra stia “migliorando continuamente” e che il suo contributo all’impressionante punteggio di Monte Ewan contro l’Inghilterra nel secondo turno del torneo di quest’anno sia stato un esempio della qualità del seme n. 15 potrebbe raggiungere.

Mentre Trolla, che può giocare anche su entrambe le fasce, non ha ancora superato la maglia della prima squadra italiana, il terzino vicentino è sicuramente uno per il futuro.

Paolo Jerbisi

Il capitano delle giovanili Trolla nientemeno che il terzino Paolo Garbisi.

La Benetton numero 10 è stata parte integrante dell’ascesa dei giovani italiani negli ultimi anni, aiutandoli a ottenere vittorie su Galles e Scozia nel Campionato delle Nazioni U20. È apparso anche in un’indimenticabile vittoria U-18 sull’Inghilterra nel 2018.

READ  Argomenti, soluzioni e scala in matematica, valutazione nazionale 2020. Annuncio dei risultati di Edu.ro

Garpisi, che è stato ispirato dall’osservazione della prima leggenda nera Carter e del capitano dell’Inghilterra Owen Farrell, ha attirato per la prima volta l’attenzione del mondo del rugby quando ha messo in scena due vittorie su Scozia e Georgia al Campionato mondiale di rugby U-20 nel 2019.

Stella Garpisi Italia

Ora Garbisi è una delle squadre principali da quando ha raggiunto un traguardo importante nel 2020, e la dinamica di Garbisi sarà centrale per le aspirazioni future dell’Italia mentre cerca di gestire gli Azzurri per ottenere vittorie sul palcoscenico mondiale.

Al Guinness Sei Nazioni di quest’anno, Half-Fly ha segnato tutti i suoi sette calci in porta, dimostrandosi una risorsa affidabile dal tee, mentre guidava l’attacco con la sicurezza di un giocatore che ha giocato molte partite. Sostantivo.

Stephen Farney

Un altro alunno del gruppo giovanile è Stephen Farney di Gloucester Rugby. Ha giocato la sua prima metà contro il Galles nella Coppa delle Nazioni Autunnali e si è stabilito con facilità con la maglia numero 9.

L’italiano di origine gallese è stato una luce splendente per Gloucester lo scorso anno e ha inflitto miseria al suo paese di nascita nella sua performance come MVP per l’Italia nella partita di apertura del Campionato Sei Nazioni Under 20 lo scorso anno – un’impresa che ha anche ottenuto a il livello U18.

Ex studente dell’Hartpury College, l’ampia collaborazione di Varney con Garbisi potrebbe servire da base per la famiglia Azzurri per gli anni a venire.

Stephen Varney inizierà con l'Italia contro il Galles nel quarto round del Guinness Six Nations Championship 2021

Il mezzo difensore del diciannovenne è rimasto impegnato finora, totalizzando 241 assist in totale, il secondo più alto totale nel torneo Guinness World Sei Nazioni del 2021.

READ  Bollettino Coronavirus oggi. Infezioni da Covid in Italia 24 novembre - Cronaca

Gianmarco Lucchesi

Un altro ingresso dal recente successo degli italiani a livello junior, Gianmarco Lucchesi è passato velocemente in prima squadra a soli 20 anni.

SMITH: L’Italia continua a muoversi nella giusta direzione nonostante la sconfitta del Galles

Il Hooker ha fornito finora tre partite alternative per gli uomini di Smith in questo torneo, sostituendo il capitano Luca Biggie in ogni occasione. La formazione professionale con Bigi servirà Lucchesi che cerca di aggiungere profondità al packaging italiano.

Con gli esordi del suo club Benetton, il pisano di prima linea ha già mostrato un occhio alla serie di test dopo aver attraversato due volte in quattro partite nel Guinness Pro 14 in questa stagione.

Come il resto dei nomi qui, Lucchesi ha iniziato con la squadra italiana Under 20 che ha battuto il Galles a Colwyn Bay lo scorso anno. È apparso anche nelle sconfitte di misura della squadra contro Scozia e Francia nello stesso torneo e sembra che avrà un lungo futuro nel pacchetto Azzurri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *