Rivela i diversi modi in cui i repubblicani stanno difendendo Trump dall’accusa

Rivela i diversi modi in cui i repubblicani stanno difendendo Trump dall’accusa
  • Scritto da Katie Kay
  • Corrispondente speciale degli Stati Uniti

spiegare il video,

Guarda: cosa dicono gli oppositori di Trump sull’accusa contro di lui

La maggior parte dei repubblicani ha reagito alla recente incriminazione di Donald Trump difendendo l’ex presidente e condannando l’accusa. Ma scavando un po’ più a fondo, il linguaggio che usano per difenderlo è rivelatore.

A volte si dice delle nette divisioni politiche americane che gli Stati Uniti sono due paesi che condividono lo stesso spazio. Lo stesso si può dire del Partito Repubblicano: è una moltitudine di partiti che condividono la stessa etichetta politica.

L’incriminazione di Donald Trump ai sensi dell’Espionage Act ha reso queste divisioni all’interno del partito particolarmente acute.

Ecco una rapida occhiata a come diverse fazioni parlano di accuse di documenti riservati e cosa motiva le loro risposte.

Gli avversari di Trump

Questo è il gruppo più esaminato e quello che perde di più: i repubblicani che corrono contro Trump per la nomina presidenziale del partito nel 2024.

Queste sono le persone che vogliono differenziarsi da Trump, senza alienarsi i suoi sostenitori.

Sembrano aggirare il dilemma concentrando la loro difesa sul suggerire che la legge non viene applicata in modo equo perché anche Joe Biden, quando era vicepresidente, ha preso documenti riservati quando ha lasciato l’incarico. L’attuale capo è ancora sotto inchiesta, ma la differenza principale è che ha restituito i fascicoli.

La reazione di Florida Ron De SantisIl rivale più vicino di Trump, Trump, esemplifica questo approccio. È apparso per difendere Trump quando ha affermato che c’era stata “un’applicazione ingiusta della legge”. Un altro candidato alla presidenza, il senatore della Carolina del Sud Tim ScottHa detto che le accuse nell’atto d’accusa erano un esempio di un “sistema giudiziario in cui la bilancia è capovolta”.

Ex vicepresidente Mike Pence, che ora sta correndo contro il suo ex capo, ha dichiarato a una convention repubblicana nel fine settimana che nessuno è al di sopra della legge. Poi ha parlato di anni di presunta politicizzazione al Dipartimento di Giustizia e del fallimento nel perseguire Hillary Clinton.

Tuttavia, la situazione è fluida e ciascuna delle speranze nel 2024 ricalcolerà regolarmente le proprie strategie man mano che gli eventi si svolgeranno.

Prende L’ex governatore della Carolina del Sud Nikki Haley, Per esempio. Inizialmente ha rilasciato una dichiarazione che suonava molto simile a quella dei suoi colleghi candidati alla presidenza. “Questo non è il modo in cui la giustizia dovrebbe essere servita nel nostro paese”, ha scritto su Twitter.

Lunedì pomeriggio, durante un’apparizione su Fox News, aveva cambiato tono, criticando più direttamente l’ex presidente.

Ex governatore del New Jersey Chris Christie Vuole costringere i repubblicani a regolare i conti di Trump. “I fatti presentati qui sono incriminanti per quanto riguarda la condotta di Donald Trump, ed è quello che noi come partito dovremmo guardare”, ha detto. Asa Hutchinsonl’ex governatore dell’Arkansas, ha invitato Trump a ritirarsi dalla corsa del 2024.

Tuttavia, il candidato può essere quello alto, l’imprenditore Vivek Ramaswamiche è più in contatto con la base del partito: ha raddoppiato la sua difesa, dicendo che avrebbe perdonato Trump se eletto.

Vere trombe

Ciò andrebbe benissimo con le fazioni repubblicane più rumorose e più grandi, il gruppo che si schiera con l’ex presidente, indipendentemente dalle accuse contro di lui. In effetti, più accuse affronta Trump, più indicano uno sforzo concertato e concertato per screditarlo.

Dicono che le accuse sui documenti siano un tentativo del presidente Biden di sbarazzarsi di un avversario politico durante la stagione elettorale. I primi sondaggi indicano che questa accusa non ha convinto nessuno dei veri seguaci di Trump a rinunciare al proprio sostegno a lui.

Leader della maggioranza alla Camera: “Irragionevole che il presidente presenti un atto d’accusa contro il principale candidato che gli si oppone” Kevin McCarthy Egli ha detto. Il massimo repubblicano al Congresso sa che un avvocato speciale indipendente ha presentato le accuse contro Trump, ma ha bisogno di mantenere questa fazione conservatrice di estrema destra, guidata da Mr. Jim Giordanosul lato.

Questi sostenitori di Trump non vogliono nemmeno entrare nei dettagli della causa legale contro di lui.

Ancora più clamorose le dichiarazioni di alcuni membri del Congresso. Dopo che i dettagli dell’accusa sono stati rilasciati venerdì, ha detto il deputato Andy Bigg “Ora siamo nella fase di guerra. Occhio per occhio”, ha twittato dall’Arizona.

trombe mai (e mai più)

Trump ha perso da tempo questi repubblicani: a volte gli stanno ancora accanto nei rari momenti in cui ingoiano la loro disapprovazione perché amano la sua politica: questo non è uno di quei momenti.

Bill BarraL’ex procuratore generale di Trump ha detto a Fox News questo fine settimana di essere rimasto scioccato dalla delicatezza e dal numero dei documenti. Ha detto: “Anche se la metà è vera, è un brindisi”. «E l’idea di presentare qui Trump come una vittima, vittima di una caccia alle streghe, è assurda».

senatore repubblicano Mitt Romney Ha detto che le accuse, se provate, sono coerenti con altre volte in cui l’ex presidente ha agito contro l’interesse nazionale. Ha detto che “il signor Trump ha mosso queste accuse contro se stesso non solo prendendo documenti riservati, ma semplicemente rifiutandosi di restituirli quando ha avuto numerose opportunità di farlo.

Ma non aspettarti di sentire molti di loro parlare contro l’ex presidente, soprattutto quelli che ricoprono ancora cariche politiche. È un gruppo molto solitario.

READ  Migliaia di persone si riuniscono a Montreal per celebrare la Giornata nazionale israeliana nel mezzo delle tensioni legate alla guerra regionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *