Rio Ferdinand ha una teoria interessante sulla mancanza di “superstar” in Italia

Dicono che non si possa mai cancellare una squadra italiana che partecipa a un torneo importante e che sicuramente sembra essere il caso di Euro 2020.

L’Italia è stata bravissima nella prima partita di ieri sera, espellendo comodamente una squadra turca caparbia con un fantastico secondo tempo.

Molte persone in questa parte del mondo potrebbero non avere molta familiarità con alcuni dei nomi della loro squadra, specialmente quando la maggior parte degli attori ha trascorso l’intera carriera nel proprio paese d’origine. Tuttavia, Roberto Mancini sembra aver messo insieme una squadra di vera qualità.

Ha ereditato una squadra allo sbando, quella che per la prima volta nella sua storia non era riuscita a qualificarsi per il Mondiale. Ora sono 28 partite imbattute.

L’ex tecnico del Manchester City ha anche rivisto lo stile della squadra, adottando un approccio più avanzato a differenza delle squadre italiane che siamo abituati a difendere.

parlando BBC Dopo la partita di ieri sera, Cesc Fabregas e Alan Shearer hanno elogiato il lavoro svolto da Mancini.

Fabregas: Con ogni nazionale, a volte è necessaria una transizione. A volte sono più grandi di altri. Penso che Mancini lo abbia riconosciuto e lo ha fatto molto bene.

Ha dato possibilità a giovani giocatori, giocatori che in precedenza avevano sognato di giocare in Nazionale ma non ci sono riusciti.

Puoi vedere alla fine del gioco che sono tutti insieme, che si uniscono e lo puoi sentire…

tosaerba: Ha cambiato lo stile di gioco. Non sei abituato a vederlo con l’Italia che preme alto, soprattutto con entrambi i centrali che possono faticare a causa dell’invecchiamento rapido e della palla nella parte posteriore…

È coraggioso perché erano un disastro quando è subentrato. Sembrano avere un bel gruppetto di esperienza e giovani giocatori in arrivo.

Rio Ferdinand crede che la mancanza di potere da star in questa squadra possa aver effettivamente aiutato Mancini.

READ  Il leggendario allenatore italiano Arrigo Sacchi mette in dubbio le qualità di leadership di Harry Kane

Mentre le squadre italiane in passato potrebbero essere state costruite attorno a un paio di superstar, la mancanza di un giocatore del genere nell’edizione 2021 significa che il manager può plasmare la squadra a sua immagine senza preoccuparsi di inchinarsi a uno o due grandi nomi.

Le squadre italiane negli ultimi anni hanno sempre avuto in squadra un numero dieci o una grande stella. Penso che potrebbe aver aiutato anche loro, e semplicemente non ce l’avevano.

Normalmente hai Baggio, hai Totti, hai Del Piero che devi avere in squadra. La pressione da questo potrebbe essere stata dei media in Italia e che questi giocatori avrebbero dovuto giocare.

non credo [Roberto Mancini] Aveva ciò che era meglio per lui per creare effettivamente un vestito piuttosto che stare con un individuo, il che andava bene per lui.

Essendo stato inserito in quello che sembra essere un girone piuttosto favorevole, non scommetteresti di certo che l’Italia fa una lunga corsa in questa competizione.

LEGGI ANCHE: Lo sport come lo conoscevamo è tornato ieri sera, ed è stato bellissimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.