Il ramo delle scuole pubbliche indaga sulle denunce di bullismo nella scuola dell’East Wiltshire

La filiale della PEI Public School afferma di essere a conoscenza delle preoccupazioni relative al bullismo la scorsa settimana alla East Wiltshire School in Cornovaglia durante una giornata dedicata all’inclusione.

Laine Brehaut è uno dei tanti genitori che hanno pubblicato lettere online e scritto a un ramo della scuola pubblica su ciò che hanno passato i loro figli.

Baby Brehaut va a scuola e si identifica come membro della comunità LGBTQ. Ha detto che suo figlio era eccitato quando era stato pianificato il Pride Day, ma era deluso dalle azioni di alcuni bambini a scuola.

Secondo Priehot, alcuni studenti, vestiti di nero, hanno molestato i loro compagni di classe, chiedendo se sostenessero i membri della comunità LGBTQ. Priehot ha detto che questi studenti sarebbero stati intimiditi se lo avessero fatto.

“Sono tornati a casa alla fine della giornata sentendosi insicuri e delusi”, ha detto Priehot di suo figlio.

La figlia di Sharon Duncan è un’alleata della comunità LGBTQ. Duncan ha detto che sua figlia è tornata a casa dopo la scuola e le ha detto che alcuni dei suoi amici erano stati costretti a cambiarsi in abiti multicolori da altri studenti.

“Ha visto le ragazze piangere”, ha detto Duncan. “Ho sentito altri amici dire che non si sentivano a loro agio il prossimo Pride Day, o il giorno dopo il supporto, nemmeno a indossare abiti Pride e colori Pride”.

READ  Rivendere merce temporanea per migliaia di dollari

Né Duncan né Brihaut si sono detti sorpresi che ciò sia accaduto a scuola. I loro figli hanno parlato loro di bullismo in passato.

Le scuole possono affrontare meglio questo tipo di bullismo, ha affermato Brehout. C’è una politica di inclusione, ma Brehaut crede che non sia stata usata o menzionata molto.

“Questa politica di inclusione … è online e fa parte del loro mandato da molto tempo, ma negli otto anni in cui i miei figli sono stati a scuola c’è stato pochissimo sostegno per questa comunità. Bisogna fare di più”.

Brehaut ha affermato di volere che la direzione e il personale della scuola inviino un messaggio chiaro sul motivo per cui coloro che fanno parte o supportano la comunità LGBTQ vengono giudicati erroneamente.

Norbert Carpenter è direttore del ramo delle scuole pubbliche. (CBC)

Norbert Carpenter, direttore del ramo della scuola pubblica, ha affermato che l’evento dell’orgoglio è stato organizzato dal Consiglio studentesco e approvato dalla direzione della scuola.

“Purtroppo, stiamo ricevendo resoconti di comportamenti, e comportamenti estremamente inappropriati, di studenti che sembrano essersi organizzati tramite i social media.

“Crediamo che sia nostra responsabilità educare e imparare da questo evento”.

Ha detto che gli eventi nell’East Wiltshire sono oggetto di indagine e coloro che si impegnano in attività dannose saranno trattati in modo appropriato.

Carpenter ha affermato che la politica sugli ambienti di apprendimento sicuri e la cura è ampia, ma stabilisce la responsabilità per gli studenti e il personale.

“Si parla di disciplina in politica e questa è la politica che useremo”, ha detto. “Non siamo sicuri se gravi conseguenze, come mandare le persone a casa per un lungo periodo di tempo, sarebbero la soluzione in questo caso”.

Carpenter ha detto che vuole assicurarsi che tutti gli studenti si sentano al sicuro e che verranno intraprese ulteriori azioni se l’istruzione per coloro che hanno commesso errori non avrà successo.

Dave Stewart è un sostenitore dei diritti LGBT. Ha detto che alcuni studenti hanno strappato le bandiere del Pride nell’East Wiltshire. (Laura Meader/CBC)

L’avvocato per i diritti LGBT Dave Stewart ha affermato che il problema è “il danno che questo ha fatto a tutti gli studenti gay della scuola”.

Stewart non ha parlato di essere gay quando cresceva e andava a scuola sull’isola del Principe Edoardo – ha detto che lo nascondeva.

“Mi arrabbio davvero perché ne ho voglia di nuovo. Quando ho letto il post… era come, Bam, sono tornato a scuola cercando di essere invisibile, e sai che nessuno vuole essere invisibile.”

Ha detto che se i bambini sentono di non avere posto a scuola, potrebbero finire per non essere ben accetti nella contea in cui vivono.

Carpenter ha detto che il personale ha detto agli studenti che la partecipazione al Pride Day non era obbligatoria, ma che il rispetto per gli altri partecipanti all’evento era essenziale.

Carpenter ha affermato che lunedì saranno disponibili consulenti presso la scuola per supportare gli studenti che ritengono di essere stati colpiti negativamente.

Altro da CBC PEI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *