Recensione NHL 24 – IGN

Recensione NHL 24 – IGN

Se dovessi descrivere la serie NHL tra NHL 20 e NHL 23 in una parola, sarebbe “vintage”. Rinnovare la formula tra le uscite annuali è certamente qualcosa con cui ogni franchise sportivo deve confrontarsi, ma la serie di hockey di EA in particolare è stata in una vera crisi. Fortunatamente, NHL 24 non è così: rompe il ciclo e rinvigorisce l’azione sul ghiaccio con alcune nuove idee significative e controlli del corpo più impegnativi. Sfortunatamente, anche se il gameplay sembra aggiornato, non è stato fatto molto: la gamma di modalità disponibili sembra più standard che mai.

Ciò che quest’anno riporta l’entusiasmo nell’hockey è il nuovo sistema di pressione sostenuta. Quando la squadra in attacco rimane nella zona di attacco, costruirà lentamente il manometro. Una volta che l’indicatore è pieno, otterranno un aumento della precisione e della velocità dei passaggi, mentre la difesa dovrà affrontare più velocemente l’esaurimento della resistenza. Ciò aggiunge uno strato di eccitazione di cui la serie aveva bisogno da molto tempo.

Giocare in modo intelligente con questo ciclo di burnout e usarlo a proprio vantaggio può creare un vero senso di urgenza nei momenti critici di successo o fallimento. Non si può negare che il nuovo motore di scarico favorisca pesantemente la squadra offensiva, ma non è necessariamente così potente come sembra perché ci vuole tempo perché il manometro si riempia, dando alla difesa il tempo di schivarlo, e l’effetto è temporaneo. Niente sembra riequilibrare i tagli che la difesa deve affrontare.

L’attacco viene premiato per mantenere la pressione in zona offensiva, quindi perché non dovrebbe essere premiata la difesa se continua a proteggere con successo la rete? Ci deve essere più spinta e attrazione verso questo nuovo sistema. A parte queste lamentele, è una meccanica che mi piace decisamente e spero davvero che venga ampliata l’anno prossimo. Sicuramente ha un impatto molto maggiore sul gameplay rispetto allo scarno sistema X-Factor introdotto in NHL 22.

I giocatori provano un vero senso di slancio mentre sfrecciano sul ghiaccio.

Il cambiamento più sottile di quest’anno che ho amato è il nuovo sistema fisico basato sul contatto. I controlli del corpo richiedono uno sforzo maggiore per essere completati questa volta, poiché devi raccogliere il controllo tenendo premuta la levetta destra prima di poterlo eseguire. Ciò significa che i giocatori ora hanno un reale senso di peso e slancio mentre sfrecciano sul ghiaccio, rendendo ogni controllo piacevole e croccante. Ci sono anche alcune strategie di rischio/ricompensa coinvolte poiché rimarrai bloccato sul ghiaccio e ti renderai vulnerabile se non riesci a consegnare l’assegno. Potrebbe sembrare un piccolo cambiamento in superficie, ma ho scoperto che questo mi ha davvero incoraggiato a ripensare rapidamente il mio stile di gioco a seconda di come stava andando il gioco. Quando di recente ho avuto difficoltà con i Montreal Canadiens contro i Toronto Maple Leafs, una squadra con statistiche difensive più elevate, ho dovuto concentrarmi sul tempismo dei miei controlli per i momenti decisivi come i passaggi piuttosto che sui momenti più rischiosi che avrebbero potuto comportare una penalità.

READ  Data di uscita del gioco di fantascienza Soulslike "Dolmen" a maggio

NHL 24 introduce anche Vision Passing, che mostra un’icona con un pulsante frontale sopra le teste dei tuoi compagni di squadra per consentirti un maggiore controllo sui tuoi passaggi ovunque sul ghiaccio. Questa è un’ottima idea… in teoria. In pratica, devi tenere premuto il pulsante di passaggio, cercare una buona opportunità di passaggio, registrare visivamente quale pulsante frontale corrisponde a quale compagno di squadra stai cercando di passare e fare tutto questo mentre cerchi di aggirare la squadra avversaria, che è un po’ multitasking. incubo. In realtà ostacolava il gameplay momento per momento perché rendeva lo schermo piuttosto sfocato durante lo spostamento. Non riesco nemmeno a contare il numero di volte in cui mi sono ritrovato spinto dentro delle assi o spalato perché ero troppo occupato a cercare il pulsante giusto. Peggio ancora, ci sono state molte volte in cui ho confuso i pulsanti frontali e ho rovinato un gameplay semplice con confusione visiva.

Fortunatamente, quest’anno c’è una modalità di gioco che in realtà è nuova per la NHL. I Momenti HUT ti permettono di rivivere le famose partite di hockey in un modo molto simile a Jordan Challenge o Mamba Moments nella serie NBA 2K. Ci sono oltre 50 momenti da ricreare al momento del lancio, con altri in arrivo. Puoi giocare allo storico 100esimo gol di rovescio in carriera di Marie-Philippe Poulin, realizzato all’inizio di quest’anno, o sentire la pressione di replicare la straordinaria vittoria ai rigori di Sidney Crosby contro i Montreal Canadiens nel 2005. Di solito non sono un fan di queste modalità sono perché non trovo molto divertente ricreare ciò che ha fatto qualcun altro, ma è bello vedere un po’ di storia dell’hockey presentata in modo interattivo. Non è esattamente un’aggiunta rivoluzionaria, ma è una nuova modalità con uno scopo, il che è più di quanto si possa dire per tutto il resto.

READ  Ex-Sims Dev dice che i ragazzi mentono su come giocano per imbarazzo

Ciò riassume efficacemente le modifiche apportate a NHL 24 oltre gli aggiornamenti previsti del roster. Le modalità offline rimangono quasi identiche a quelle dell’anno scorso, con la più grande vittima di questa mancanza di innovazione che è stata la modalità carriera, Diventa un professionista, che ha visto il suo ultimo importante aggiornamento in NHL 21. I filmati hanno ancora animazioni solide e non c’è doppiaggio. , il che gli conferisce un’atmosfera strana, come guardare un cartone animato in un parco divertimenti fingendo di avere una conversazione. Altri giochi sportivi come NBA 2K e la (ex) serie FIFA hanno campagne per giocatore singolo più coinvolgenti e cinematografiche, e dire che Be a Pro sembra datato al confronto è un eufemismo. Crescere nella tua carriera personale nell’hockey deve essere avvincente, ma essere un professionista non può fare altro che annoiarti.

Il resto degli aggiornamenti sono passi nella direzione sbagliata. Il mondo di Chill subirà un grande cambiamento quest’anno poiché non sarà più possibile sbloccare nuove attrezzature aprendo borse da hockey piene di bottini casuali. Invece dei bottini, c’è – aspetta un attimo – un Battle Pass! Molto è già stato detto sulla fatica dei passaggi di battaglia e sul modo in cui i giochi competono per la nostra attenzione e il nostro impegno, quindi non ripeterò questo argomento. Sarò sincero: se questa prima stagione è qualcosa su cui basarsi, il pass battaglia premium sarà solo per i fan più devoti di World of Chel che avrebbero già trascorso la maggior parte del loro tempo qui.

Progredire attraverso il passaggio di battaglia è meglio che fare affidamento sui sacchi da hockey basati sulla fortuna? Certo, penso. Ma il Battle Pass della prima stagione di NHL 24 non è affatto impressionante. Le ricompense per ogni livello sembrano noiosi ripensamenti piuttosto che incentivi convincenti. Alcune delle nuove celebrazioni per i gol sono carine, ma onestamente, ho trovato brutti tutti gli esclusivi equipaggiamenti stagionali sbloccabili. Gran parte delle ricompense sono dedicate a teschi colorati ricoperti di mimetica, il che è noioso. Poi c’è la maschera per il viso del tacchino arrabbiato, che dà al tuo personaggio un becco di tacchino, nel caso in cui desideri ottenere un po’ di carburante da incubo con la tua partita di hockey. Sarai ricompensato con un set di equipaggiamento animato quando completerai tutti i livelli premium del Battle Pass, ma anche quello ha un design noioso.

READ  Starfield Missiles supera il record di giocatori simultanei di Skyrim su Steam

Non riesco a immaginarmi seduto nel mio programma per tirare fuori una carta World of Chel, il che è negativo considerando che lo scopo centrale di questo sistema è farci continuare a tornare per sbloccare prelibatezze stagionali. Questo comunque non ha molta importanza, dato che ho avuto parecchi problemi con il server dal lancio. Fondamentalmente il problema è che mi ci è voluto molto tempo per appassionarmi ai giochi. In più di un’occasione, ho avviato World of Chel e ho aspettato solo cinque minuti perché si caricasse in una schermata di errore del server EA. Sicuramente non vale questo livello di aggravamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *