Recensione: Frida. Il documentario Viva la Vida stuzzica l’appetito per la galleria de Young

Frida Kahlo usa davanti al suo dipinto “A Few Small Channels” nel documentario “Frida. Viva la Vida”. Foto: BY Experience

Fan di Frida Kahlo, siete l’orologio.

Nuovo film documentario “Viva la Vida” in SF Cinema E il Rialto Cinemas Cinema virtuali per esattamente una settimana – mercoledì 17 marzo, fino al 23 marzo – e il distributore del film, BY Experience, fa una strana scelta di trasmetterlo in diretta quattro volte al giorno, piuttosto che lasciarti trasmettere in streaming quando vuoi all’interno di uno- finestra della settimana.

Inoltre, stai esaurendo il tempo per vedere un file Museo De Young La mostra “Frida Kahlo: le apparenze possono essere ingannevoli”, che si concentra sulle influenze personali dell’artista e icona femminista – gioielli, abbigliamento e protesi, tra gli altri – che sono state scoperte di recente. La galleria è stata per lo più chiusa durante la pandemia, quindi con i musei di San Francisco ora aperti, la sua esposizione è stata estesa fino al 2 maggio.

Anche se il regista Giovanni Troilo fa delle scelte strane nella sua iper-produzione “Frida. Viva La Vida, “Il documentario fornisce una buona cornice per l’arte e la vita di Kahlo – dalla sua nascita nel 1907 a Coyoacán, Città del Messico, all’incidente d’autobus del 1925 che ha plasmato la sua vita per sempre, al suo rapporto burrascoso con Diego Rivera fino alla sua morte in 1954 all’età di Ha 47 anni (tuttavia, non c’era molto nel suo breve trasferimento a San Francisco con Rivera nel 1930).

“Le due Frida”, autoritratto del 1939 di Frida Kahlo. Foto: Museum of Modern Art, INBA, Città del Messico

Troilo usa la biografia come un buon contesto per esplorare alcune delle opere più famose di Kahlo, tra cui “Io e la mia infermiera”, “Henry Ford Hospital”, “A Few Small Nips” e, naturalmente, “The Two Fridas”, le più famoso dipinto. Inoltre, i suoi beni che sono stati rinchiusi per 50 anni, molti dei quali sono in mostra a De Young, sono stati discussi dai direttori dei musei Frida Kahlo in Messico e da altri esperti, come Hilda Trujillo Soto, direttrice di Frida Kahlo e Diego . Musei Rivera Anahuacalli.

READ  Le star di Notruf Hafenkante distribuiscono cibo ai bisognosi

Esperti e critici ci danno anche un’idea della personalità, delle influenze di Kahlo e di come questo abbia contribuito alla sua arte, inclusa la sua ossessione per la cultura indigena di Teotihuacan.

Ma dov’è “Frida. Qualcosa di sbagliato in Viva la Vida” è l’incapacità di Truelo a volte di togliersi di mezzo e raccontare semplicemente la storia di Kahlo. Troilo è italiano, e questo è un film finanziato dall’Italia, ma è strano che l’attrice italiana Asia Argento abbia scelto come nostra guida in tutto ciò che riguarda Frida. Oltre a non essere una messicana o una pittrice, non ha più lavorato da quando #MeToo è stato accusato di essere un predatore. Non solo racconta il film, ma appare spesso mentre racconta la sua storia alla telecamera.

“Frida Kahlo: le apparenze possono ingannare”, gli oggetti altamente personali dell’artista continuano fino al 2 maggio al De Young Museum. Foto: Paul Chen, The Chronicle

Troilo usa anche goffe riprese di repertorio per illustrare alcune epoche, come stupidi cartoni animati degli anni ’30, ed è anche un po ‘appassionato di colpi di droni. Poi c’è una sequenza ripetuta in cui una bella donna messicana (non come Kahlo) viene vista in un paesaggio arido, mentre gira, si avvolge in una grotta, coglie un fiore, ecc.

Tuttavia, ce n’è abbastanza qui, comprese le riprese in una location di lusso in Messico, che è interessante e perspicace per rendere il documentario utile, specialmente se stai pianificando un viaggio a de Young.

Il“Frida. Vivi la vita”: documentario. Diretto da Giovanni Troilo. (Senza categoria. 90 min.) Disponibile per la trasmissione da mercoledì 17 marzo al 23 marzo tramite i cinema virtuali all’indirizzo SF Cinema E il Rialto Cinemas.


READ  Sono stati sparati colpi alla residenza cittadina


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *