Google spiega: i tuoi dati potrebbero essere tracciati anche quando utilizzi la modalità di navigazione in incognito di Chrome – ultime notizie

È ora di imparare che la modalità di navigazione in incognito non protegge la tua privacy online durante la navigazione su Chrome. Dopo aver estratto tre utenti Google In tribunale negli Stati Uniti per monitorare gli utenti anche in modalità di navigazione in incognito, Google ha voluto inviare il caso al cestino. Il motivo era semplice: Google credeva che le persone conoscessero già il vero significato di “modalità di navigazione in incognito”. La causa da 5 miliardi di dollari accusa Google di “tracciamento dei dati su larga scala”.

Sebbene Google ritenga che “la navigazione in incognito non significhi che sia invisibile” e che avrebbe dovuto essere un buon senso tra gli utenti di Chrome, un giudice della California si rifiuta di respingere la class action, secondo un rapporto di
Bloomberg. Il giudice distrettuale statunitense Lucy Koh ha osservato che “Google non ha informato gli utenti che Google sta partecipando alla presunta raccolta di dati mentre l’utente è in modalità di navigazione privata”. Google rifiuta questa affermazione e ha dichiarato alla società in una dichiarazione a The Verge che “si difenderà con forza contro di loro”. [the claims]. ”

“L’anonimato non significa che sia invisibile.”

Google ha chiarito nel fascicolo del tribunale che “modalità di navigazione in incognito” non significa “invisibile” e che l’attività dell’utente durante quella sessione potrebbe essere visibile ai siti Web che visita e a qualsiasi servizio di analisi o pubblicità di terze parti utilizzato dai siti visitati, “secondo un rapporto
il bordo.

Google ha anche chiarito nella sua dichiarazione che “la modalità di navigazione in incognito offre agli utenti la possibilità di navigare in Internet senza salvare l’attività nel browser o sui loro dispositivi”.

READ  Gli acquirenti di Kmart Australia sono scioccati dopo aver appreso cosa significa realmente la parola "Anko"

Il portavoce di Google Jose Castaneda ha dichiarato: “Affermiamo chiaramente che ogni volta che apri una nuova scheda di navigazione in incognito, i siti web potrebbero essere in grado di raccogliere informazioni sulla tua attività di navigazione durante la sessione”.
il bordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *