“Godzilla Minus One” ha utilizzato 610 inquadrature con effetti visivi per animare l'iconico mostro

“Godzilla Minus One” ha utilizzato 610 inquadrature con effetti visivi per animare l'iconico mostro

Il team degli effetti speciali dietro la straordinaria battaglia finale di “Godzilla Minus One” voleva che la scena fosse un'esperienza “religiosa”. Il culmine di questa sequenza molto importante nel film di mostri candidato all'Oscar prevede la completa distruzione del gigante titolare.

“Quello è stato probabilmente il momento in cui abbiamo discusso di più e che abbiamo avuto più difficoltà a raggiungere”, ha spiegato il regista, scrittore e supervisore degli effetti visivi Takashi Yamazaki. Il team di 35 artisti ha studiato 100 metodi diversi per ottenere il risultato desiderato, esercizio da lui considerato il più difficile da realizzare.

“Volevamo renderlo un momento sacro, quasi religioso, in cui vedi i raggi di luce e immagini come sarebbe stato quel momento”, ricorda il regista, raccontando la scena in cui Godzilla crolla nell'oceano.

Il risultato è stato uno dei motivi per cui “Godzilla Minus One” ha ricevuto una nomination all'Oscar per i migliori effetti visivi. Mentre molti film basati sugli effetti visivi vantano l'uso di migliaia di riprese con effetti visivi, il film Kaiju da 15 milioni di dollari, il primo film di Godzilla a ricevere una nomination all'Oscar, ha utilizzato solo 610 riprese con effetti visivi. La parte del leone è stata fatta nello scontro finale, durato più di dieci minuti.

Un altro punto creativo per il team che aveva otto mesi per consegnare il proprio lavoro è stato durante il finale.

Nella scena, la testa di Godzilla esplode dopo che l'eroe del film, Shikishima, fa volare un aereo nella bocca del mostro. Raggiungere questo obiettivo è stata una battaglia fino alla fine in sé.

READ  Il presunto stalker Drake ha presentato istanza di ordine restrittivo dopo una causa da 4 miliardi di dollari: rapporto

“Non avevamo la larghezza di banda o il lusso di tempo e risorse, ma stavamo arrivando al punto in cui sapevamo che dovevamo fargli saltare la testa”, ha affermato Masaaki Takahashi, direttore del team 3D e leader del team CG. Ha aggiunto che hanno una visione chiara ma “non hanno molto tempo per provare le cose”.

Ha sottolineato: “Dopo averlo simulato, probabilmente abbiamo fatto due esperimenti e, tra questi, uno ha funzionato ed è finito nel film”.

Delle 600 riprese con effetti visivi, più di 100 erano effetti d'acqua, qualcosa di “quasi inaudito” in Giappone, secondo il direttore degli effetti visivi Kyoko Shibuya. “Non stavamo cercando intenzionalmente di raggiungere un grosso numero, ma la gente diceva: 'Non sappiamo cosa state pensando o facendo.' “Dovresti essere fuori di testa per farne così tanti”, rise.

Il momento decisivo per la squadra è arrivato mentre stavano testando il momento in cui la rabbia di Godzilla esplode mentre era in acqua, e sembrava credibile.

“Stavamo esaminando tutti i movimenti per vedere come sarebbe stato il risultato, e abbiamo detto: 'Oh, funziona davvero'. Godzilla e l'acqua insieme sono fattibili. Ha permesso a tutte le altre parti di andare a posto”, ha detto l'artista degli effetti e compositore Tatsuji Nojima con entusiasmo.

C'è stato un momento verso la fine in cui la creatività e la necessità hanno prevalso sull'originalità: l'uso del gas compresso per annegare rapidamente Godzilla.

“Alla fine, con questa scena in particolare, era tutta una questione visiva”, ha detto Takahashi. “In realtà, se facciamo i conti e la scienza, Godzilla non avrebbe un cattivo odore a causa della quantità di bolle nel film, quindi non è un'immagine calcolata; si trattava più di farla funzionare.

READ  Come è stato scritto "Chicago Fire" da Taylor Kinney Severide - Variety

Tuttavia, quando è stato chiesto di quale elemento di caos fosse più orgoglioso la squadra, il chiaro vincitore sono stati alcuni secondi di straordinaria maestosità mentre il gigantesco avversario emergeva dalle profondità.

“Quando Godzilla esce dall'acqua, è in posizione eretta e la telecamera gira. Per me, c'è molta tensione attorno a questo”, ricorda Yamazaki. “Ho sentito voci da bordo campo che dicevano che il ritmo e l'azione potrebbe essere un po' troppo veloce, ma la fotocamera funziona e tutto il resto. Un'altra cosa di quello scatto è fantastica.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *