Quattro funzionari egiziani vengono nuovamente processati in Italia per la morte di Giulio Regeni Notizie sui tribunali

Quattro funzionari egiziani vengono nuovamente processati in Italia per la morte di Giulio Regeni  Notizie sui tribunali

La Corte Suprema italiana ha deciso lo scorso anno di procedere con il processo contro i quattro funzionari che saranno processati in contumacia.

Martedì è iniziato in Italia, dopo un lungo ritardo delle procedure a causa della loro legalità, il processo contro quattro uomini della sicurezza egiziana accusati del rapimento e dell'omicidio di uno studente italiano al Cairo.

Giulio Regeni, uno studente laureato dell'Università di Cambridge nel Regno Unito, è scomparso nella capitale egiziana nel gennaio 2016, dove stava svolgendo ricerche sulle attività sindacali dei venditori ambulanti come parte della sua tesi di dottorato.

Un mese dopo la sua scomparsa, il corpo del 28enne è stato ritrovato sul ciglio di un'autostrada alla periferia del Cairo, con bruciature di sigaretta, denti rotti e ossa rotte. Un esame del corpo ha mostrato che era stato torturato prima della sua morte.

Attivisti per i diritti umani hanno anche affermato che i segni sul suo corpo ricordano quelli risultanti dalle diffuse torture nelle strutture dei servizi di sicurezza egiziani.

I genitori di Regeni, Paola e Giulio Regeni, hanno partecipato martedì all'udienza di apertura del tribunale e sono rimasti fuori dal tribunale con in mano un cartello “La verità per Giulio Regeni”.

“Aspettiamo questo momento da otto anni”, ha detto l'avvocato della famiglia Regeni, Alessandra Ballerini, dopo la breve udienza.

“Speriamo che coloro che hanno inflitto a Julio tutto il dolore possibile del mondo siano finalmente assicurati alla giustizia.”

Persone durante una marcia e una fiaccolata in memoria dello studioso italiano Giulio Regeni, a Roma, Italia, 25 gennaio 2018. [File: Andrea Ronchini/NurPhoto via Getty Images]

I pubblici ministeri italiani ritengono che quattro funzionari egiziani siano stati coinvolti nell'omicidio, ma non sono stati in grado di rintracciarli per emettere mandati di comparizione, quindi sono processati in contumacia.

READ  Qualificazioni Mondiali: Italia vs Svizzera 2021

L'udienza di martedì segna la seconda volta che i quattro funzionari egiziani vengono processati con l'accusa relativa alla morte di Regeni, dopo che il procedimento era iniziato originariamente nell'ottobre 2021 ma era stato immediatamente sospeso dopo che il giudice aveva messo in dubbio se il processo sarebbe stato legittimo se non fosse stato chiaro che gli imputati addirittura sapevano che erano state mosse accuse contro di loro.

Ma la Corte Suprema italiana ha respinto la decisione nel settembre dello scorso anno, affermando che la mancanza di cooperazione da parte dell'Egitto non dovrebbe ostacolare il processo.

Tranquillino Sarno, il difensore d'ufficio di uno degli imputati, ha chiesto martedì di continuare gli sforzi per contattare i quattro funzionari.

Ha chiesto alla Corte di garantire che “le autorità egiziane siano ufficialmente informate di questo processo in Italia, perché oggi non sappiamo nemmeno se sono ancora vivi”.

L'Egitto ha negato le accuse di essersi rifiutato di collaborare alle indagini sulla morte di Regeni, affermando che le sue autorità hanno collaborato con funzionari italiani e che le sue indagini hanno concluso che gli assassini di Regeni erano sconosciuti.

I funzionari hanno inoltre affermato che l'indagine italiana non si basava su prove concrete, negando ogni responsabilità da parte dei servizi di sicurezza del Paese.

La polizia egiziana aveva precedentemente affermato che Regeni era stato ucciso da membri di una banda specializzata nell'impersonare poliziotti, nel rapire stranieri e nel rubare i loro soldi, e che erano stati uccisi durante uno scontro a fuoco con la polizia. Ma i giudici egiziani hanno stabilito che gli uomini non erano gli assassini di Regeni.

READ  Retrospettiva di Marlon Brando al Torino Film Festival in Italia

Questo processo rappresenta la prima volta che funzionari egiziani vengono processati all'estero per presunti crimini che secondo gruppi per i diritti umani sono stati commessi su scala più ampia nel paese nordafricano.

Dopo le prime mozioni presentate martedì, il capo della giuria ha rinviato il procedimento al 18 marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *