“L’apartheid israeliano deve finire”, ha affermato il Sudafrica durante un’udienza alla Corte internazionale di giustizia. Notizie della guerra israeliana a Gaza

“L’apartheid israeliano deve finire”, ha affermato il Sudafrica durante un’udienza alla Corte internazionale di giustizia.  Notizie della guerra israeliana a Gaza

La Corte internazionale di giustizia esaminerà 52 paesi sulla legalità dell'occupazione israeliana dei territori palestinesi.

Il Sudafrica ha dichiarato alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia che Israele è responsabile dell’apartheid contro i palestinesi e che la sua occupazione è “intrinsecamente e fondamentalmente illegale”.

I rappresentanti sudafricani hanno aperto martedì la seconda giornata di udienze presso la Corte internazionale di giustizia e sono intervenuti su richiesta dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite di emettere un parere consultivo non vincolante sulla legalità delle politiche di Israele nei territori palestinesi occupati.

“Noi sudafricani sentiamo, vediamo, ascoltiamo e percepiamo nel profondo le politiche e le pratiche disumane e discriminatorie del regime israeliano come una forma più estrema di apartheid che è stata istituzionalizzata contro i neri nel mio paese”, ha affermato Vusimuzi Madonsela, Sud Africa. Ambasciatore africano nei Paesi Bassi, dove ha sede la Corte internazionale di giustizia.

“È chiaro che anche l'occupazione illegale di Israele viene condotta in violazione del crimine di apartheid… ed è indistinguibile dal colonialismo dei coloni. L'apartheid israeliano deve finire”, ha detto Madonsela.

Ha aggiunto che il Sudafrica ha un “obbligo speciale” di eliminare l'apartheid ovunque si manifesti e di garantirne la “fine immediata”.

Il Sudafrica, che ha una lunga storia di sostegno ai palestinesi e ha paragonato la loro lotta alla sua storia sotto il regime dell’apartheid, ha presentato un caso separato alla Corte internazionale di giustizia accusando Israele di aver commesso un “genocidio” nel bombardamento di Gaza.

Si prevede che più di 50 paesi presenteranno le loro argomentazioni alla Corte internazionale di giustizia riguardo alle implicazioni legali dell'occupazione israeliana.

READ  Perché Sarah Palin non era la favorita per vincere le elezioni speciali in Alaska

Martedì i rappresentanti di Algeria, Arabia Saudita, Paesi Bassi, Bangladesh, Belgio, Belize, Bolivia, Brasile e Cile hanno presentato le loro posizioni.

Alla giuria di 15 giudici è stato chiesto di esaminare “l'occupazione, l'insediamento e l'annessione di Israele… comprese le misure intese a cambiare la demografia, il carattere e lo status della Città Santa di Gerusalemme, e la sua adozione di pertinenti leggi e misure discriminatorie”.

Israele continua a costruire insediamenti illegali nella Cisgiordania occupata, dove ora vivono più di 500.000 coloni ebrei e tre milioni di palestinesi.

I coloni israeliani sono diventati sempre più violenti. I leader mondiali hanno condannato le loro azioni, soprattutto negli ultimi mesi, quando Israele ha attaccato Gaza.

Ma il rappresentante sudafricano Peter Andreas Stemmett ha detto alla corte che gli accordi estendono “la natura temporanea dell’occupazione in una situazione permanente in violazione del diritto dei palestinesi all’autodeterminazione”.

(Al Jazeera)

Lunedì i rappresentanti palestinesi hanno chiesto alla Corte Suprema delle Nazioni Unite di dichiarare illegale l'occupazione. Hanno affermato che un simile parere consultivo potrebbe contribuire a una soluzione a due Stati e a una pace duratura.

Il ministro degli Esteri palestinese Riyad al-Maliki ha invitato la corte, in un discorso emozionante, a trattare i bambini palestinesi come bambini, aggiungendo che “l’identità del gruppo a cui apparteniamo non diminuisce i diritti umani a cui tutti abbiamo diritto”.

Israele si è rifiutato di presenziare alle udienze e ha affermato in una dichiarazione scritta che l’emissione di una fatwa sarebbe dannosa per raggiungere una soluzione negoziata con i palestinesi – anche se il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ripetutamente respinto l’idea di uno Stato palestinese.

Netanyahu ha affermato lunedì che Israele non riconosce la legittimità delle discussioni presso la Corte internazionale di giustizia, descrivendo il caso come “parte del tentativo palestinese di dettare i risultati dell’accordo politico senza negoziati”.

READ  Papa Francesco definisce “offensive e prive di fondamento” le dichiarazioni che legano Giovanni Paolo II alla scomparsa della ragazza

Mentre si prevede che i giudici impiegheranno circa sei mesi per emettere un parere sul caso, l’analista politico Gideon Levy ha detto ad Al Jazeera che “teme” che il caso della Corte Internazionale di Giustizia avrà scarso impatto sulla politica israeliana ma “dipende molto dalla comunità internazionale”. .” Comunità”.

“L’unica domanda è se il mondo sarà in grado di passare dalle accuse e dalla condanna all’azione”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *