Oltre 40mila sikh votano al referendum separatista italiano del Khalistan

I sikh fanno la fila per votare per il referendum sul Khestan. Murtaza Ali Shah
  • La maggior parte di coloro che hanno partecipato al referendum erano giovani sikh e un gran numero di loro erano donne e famiglie.
  • Il consigliere generale di SFJ, Gurbatwant Singh Banon, afferma che l’affluenza alle urne è un chiaro messaggio al regime di Modi che la secessione del Punjab è inevitabile.
  • Le radici del movimento Sikh del Khalistan risalgono all’azione militare indiana nel giugno 1984 contro il Tempio Sikh d’Oro ad Amritsar.

Brescia, Italia: Un numero record di sikh si è presentato nella campagna per votare il referendum del Khalistan per la creazione dello stato indipendente del Khalistan e la secessione del Punjab dall’India.

Secondo varie stime – inclusa una valutazione dell’intelligence locale – più di 40.000 uomini e donne sikh hanno risposto agli appelli della comunità sikh alla giustizia pro-Khalestan per votare nel processo di voto non vincolante, che ha attanagliato le percezioni. Per il gruppo sin dal suo inizio nell’ottobre dello scorso anno da Londra.

All’inizio delle votazioni al Queen Elizabeth Centre di Londra, circa 30.000 sikh hanno partecipato al voto referendario, ma l’affluenza al Forum Brixia della città italiana ha sfidato le aspettative degli organizzatori che stimavano l’affluenza alle urne vicino a Londra.

Una grande coda ha iniziato a formarsi alle 8:00 per esprimere il proprio voto alle 9:00, ma una porta di inondazione si è aperta verso le 11:00 mentre la coda si estendeva per quasi mezzo chilometro, dall’interno del complesso elettorale alle code serpeggianti che si estendono attraverso il vasto parcheggio.

La maggior parte di coloro che hanno frequentato il Brixia Forum Center erano giovani sikh e un gran numero di loro erano donne e famiglie. Sikh per la giustizia ha annunciato prima del referendum di aver scelto Briscia perché l’Italia aveva oltre 200.000 sikh che vivevano nella contea con una maggioranza a Brescia. La maggior parte dei sikh sono immigrati economici relativamente giovani che sono venuti dall’India e hanno avuto un’esperienza diretta di vivere sotto il dominio indiano.

READ  L'Italia sfrutta la UEFA Nations League come un'opportunità per ripartire

Sembrava un festival in giallo poiché la maggior parte dei partecipanti portava bandiere gialle del Khalistan e striscioni del referendum del Khalistan. Hanno ballato al ritmo dei tamburi, della musica punjabi e degli slogan pro-Khalestan mentre aspettavano in fila per entrare.

Più di 300 volontari dentro e fuori la sala hanno fornito acqua, tè e cibo ai partecipanti. All’interno dell’auditorium, più di una dozzina di osservatori indipendenti, tra cui due professori britannici con esperienza nei referendum, hanno supervisionato il processo di votazione. A mezzogiorno, il posto era affollato dentro e fuori la sala quando le carovane sikh arrivavano per esprimere il loro voto.

Gurpatwant Singh Pannun, consigliere generale di SFJ, ha affermato che la massiccia affluenza alle urne in Italia è un chiaro messaggio al regime di Modi che la secessione del Punjab dall’India è inevitabile e che i tentativi del governo indiano di infrangere la volontà del popolo sikh falliranno.

Secondo le procedure stabilite dalla Commissione Referendum del Punjab, le votazioni si sono concluse alle 17 mentre la polizia italiana ha bloccato il rientro di migliaia di sikh. La polizia locale ha svolto un ruolo encomiabile nella supervisione e nel controllo dell’elettorato di massa pronto a votare nel referendum del Khalistan”, ha affermato Bannon.

Il General Counsel ha affermato che il 5 giugno i sikh italiani potranno nuovamente votare il referendum del Khalistan che coinciderà con il 38° anniversario dell’operazione Blue Star, quando l’esercito indiano invase Darbar Sahib e uccise migliaia di sikh innocenti.

Ha aggiunto che l’affluenza alle urne a Brescia è stata fantastica e ha affermato di aver stabilito un nuovo record.

READ  Gia, un nuovo ristorante italiano vegano chic a Toronto, mira ad attirare anche i non vegetariani

Il dottor Bakhshish Singh Sandhu, presidente del Consiglio del Khalistan a Washington, DC, ha affermato che i sikh hanno espresso il loro diritto di votare per l’istituzione del Khalistan attraverso il loro suffragio democratico.

I sikh si sono espressi a migliaia per votare per il referendum del Khalistan per esprimere il loro sostegno al Khalistan. I Sikh in Italia, come altrove, arrivarono a dire che avevano una chiara argomentazione a favore del diritto all’autodeterminazione sulla base del fatto che avevano un’identità religiosa e una lingua distinte e separate ed erano stati oggetto di genocidio da parte dell’India dal 1984. Il dott. Sandhu ha detto: “I sikh hanno inviato un messaggio che rifiutano il dominio Hindutva su di loro e non si fermeranno finché non saranno liberati”.

Dubinjit Singh, coordinatore di Sikhs For Justice UK, si è detto entusiasta della notevole affluenza alle urne.

“In base alla Carta delle Nazioni Unite e alla Dichiarazione universale dei diritti umani, i sikh hanno il diritto di esprimere la loro volontà attraverso un referendum sulla questione della continua e futura associazione del Punjab con l’India, ma il regime indiano ha cercato di criminalizzare quei sikh che si è espresso contro l’occupazione indiana del Punjab. L’India ha registrato casi contro la nostra leadership suprema e contro centinaia di sikh all’estero che hanno difeso il Khalistan. I sikh italiani hanno inviato un potente messaggio all’establishment indiano anti-sikh”.

Le radici del movimento sikh in Khalistan risalgono all’azione militare indiana del giugno 1984 – Operazione Blue Star – contro il tempio d’oro sikh ad Amritsar, in cui migliaia di pellegrini sikh furono assassinati dalle forze di sicurezza, portando all’assassinio dell’allora Prime Ministro Indira Gandhi. Il 31 ottobre sono seguite violenze genocide contro i sikh in tutta l’India.

READ  I luoghi più interessanti del mondo, secondo gli utenti di Google Maps - capital.ro

Le votazioni al referendum del Khalistan sono iniziate il 31 ottobre dello scorso anno da Londra, nel Regno Unito, quando migliaia di sikh britannici si sono messi in fila per votare mentre il governo indiano ha cercato senza successo di impedire l’evento e ha diffuso varie notizie false per dissuadere gli elettori sikh dal partecipare al referendum.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.