Nuovo porto di Beirut. Un mandato dell’Interpol per l’arresto del portatore del carico di morte

In sviluppi File dell’attentato al porto di Beirut, Che ha scosso la capitale libanese il 4 agosto scorso, l’Interpol ha emesso oggi, martedì, un “avviso rosso” contro due russi e un portoghese che sono stati trovati per avere legami con la spedizione di ammonio e la nave della morte che ha portato a questa tragedia libanese.

La National Media Agency ha riferito che l’Avviso rosso dell’Interpol includeva il nome del proprietario e capitano della nave “Roussos”, che ha trasportato 2750 tonnellate di nitrato di ammonio in Libano nel 2013, così come un commerciante portoghese di nitrati che ha visitato il magazzino del porto di Beirut nel 2014, dove i materiali erano immagazzinati.

Questo avviene mentre continua Indagini Nell’esplosione, dopo che la Corte penale di cassazione ha risposto, chiedendo l’arresto delle indagini, ha restituito il fascicolo all’investigatore giudiziario, il giudice Fadi Sawan, senza decidere sulla richiesta di trasferimento del caso presentata dai due ex ministri, Ali Hassan Khalil e Ghazi Zuaiter, per legittimo sospetto, fino al completamento delle notifiche, il che significa che il giudice Sawan può riprendere le sessioni di indagine.

Ultimo passo

Commentando il bollettino INTERPOL, l’ex Procuratore della Discriminazione in Libano Hatem Madi ha detto ad Al-Arabiya.net che questo passo dell’Interpol è buono, ma è tardi, e che deve consegnare il proprietario e il capitano della nave della morte e il commerciante di nitrati alle autorità libanesi al fine di completare le indagini con loro.

Ha anche sottolineato che “il mandato d’arresto è importante, anche se è in ritardo, ma la cosa più importante è la testimonianza che il proprietario e il capitano della nave e il commerciante di nitrati presenteranno all’investigatore criminale”.

Inoltre, ha sottolineato “l’importanza che il giudice istruttore sappia a chi apparteneva la spedizione di ammonio, come è arrivata a Beirut e perché è stata scaricata nello specifico nel porto di Beirut e non in qualsiasi altro paese”.

Notizie internazionali

A sua volta, il capo dell’organizzazione per i diritti umani di Justicia, l’avvocato Paul Morcos, ha detto ad Al-Arabiya.net che “l’avviso rosso è una notifica a tutte le agenzie di polizia del mondo in merito all’arresto di criminali latitanti che si nascondono”.

Ha anche aggiunto: “Questa procedura è una richiesta diretta ai responsabili dell’imposizione di leggi in tutto il mondo, che mira a localizzare e arrestare i ricercati al fine di arrestarli, portarli a piedi e indagare sulla questione del porto. Anche se questo avviso rosso emesso non è un mandato di cattura in sé, ma piuttosto Costituisce una notifica internazionale.

È interessante notare che l’Avviso rosso emesso dall’Interpol è una richiesta alle agenzie di sicurezza delle forze dell’ordine in tutto il mondo al fine di localizzare l’accusato e arrestarlo temporaneamente in attesa della sua estradizione o di un’azione legale simile da parte dell’autorità locale in uno degli stati membri dell’organizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.