Il Perù invia truppe al confine con il Cile, dove centinaia di persone sono bloccate | Notizie sull’immigrazione

Il Perù invia truppe al confine con il Cile, dove centinaia di persone sono bloccate |  Notizie sull’immigrazione

Le persone che cercano di lasciare il Cile a causa delle crescenti restrizioni sono bloccate in un clima rigido con pochi rifornimenti.

Il governo peruviano sta inviando quasi 700 soldati e agenti di polizia al confine con il Cile, hanno detto le autorità, poiché centinaia di immigrati clandestini che cercano di entrare in Perù sono bloccati al confine.

L’annuncio di venerdì arriva mentre centinaia di persone – molte delle quali hanno affermato di voler entrare in Perù per continuare il loro viaggio verso casa in Venezuela – rimangono nei campi sul lato cileno del confine.

Altri migranti hanno affermato di voler viaggiare a nord verso il confine con gli Stati Uniti e gruppi per i diritti hanno riferito che haitiani e altri cittadini stranieri sono tra quelli bloccati.

Venerdì il ministro dell’Interno peruviano Vicente Romero ha dichiarato alla stazione radio locale RPP che circa 390 agenti di polizia sono già arrivati ​​al confine e che altri 300 soldati arriveranno presto da diverse parti del paese.

“Non permetteremo alcun ingresso illegale o attacchi alla polizia”, ​​ha detto Romero, ripetendo le affermazioni dei funzionari governativi secondo cui coloro che sono al confine stanno commettendo crimini, con alcune foto che mostrano migranti che spingono gli agenti di pattuglia di frontiera peruviani che cercano di entrare nel paese.

Nelle ultime settimane, il Cile ha inasprito le restrizioni sulle persone che vivono nel paese senza documenti legali, portando ad un aumento del numero di coloro che cercano di andarsene.

Il presidente peruviano Dina Boloart ha dichiarato lo stato di emergenza a Tacna, una città vicino al confine con il Cile, all’inizio di questa settimana in risposta all’afflusso di arrivi, aprendo la strada a operazioni congiunte di esercito e polizia.

READ  Il 6 gennaio il consigliere di Trump Peter Navarro è stato dichiarato colpevole di oltraggio alla corte per aver eluso la citazione in giudizio | Novità su Donald Trump

Il presidente cileno Gabriel Boric aveva dispiegato truppe al confine alla fine di febbraio per aiutare a fermare ulteriori attraversamenti.

In una dichiarazione di giovedì, Amnesty International ha affermato che “almeno 300 persone, comprese famiglie con bambini, adolescenti, donne incinte e malati cronici” sono bloccate al confine e affrontano condizioni di deterioramento.

Quelli bloccati vivono in bivacchi per settimane nel deserto di Atacama, uno dei luoghi più aridi della Terra e una regione con giorni afosi e notti gelide. Hanno denunciato carenze di acqua e servizi di base.

Erica Guevara Rosas, direttrice di Amnesty International per le Americhe, giovedì ha accusato le autorità cilene e peruviane di “esacerbare inutilmente la situazione, trasformandola in una crisi umanitaria che mette ulteriormente in pericolo la vita e la sicurezza di queste persone”.

“La militarizzazione dei confini mette in pericolo non solo rifugiati e migranti, ma anche le persone che vivono in quelle aree”, ha affermato nella dichiarazione.

Persone in piedi accanto a un cartello stradale con la scritta “Benvenuti in Perù” mentre i migranti rimangono bloccati al confine, nel distretto di Chacaluta, Arica, Cile, 27 aprile 2023 [Alexander Infante/Reuters]

All’inizio della settimana, il governo cileno ha convocato l’ambasciatore peruviano Jaime Pomareda in merito alle osservazioni fatte dal sindaco della città di confine peruviana di Tacna.

Il sindaco, Pascual Joysa, ha definito Borek “irresponsabile” e ha accusato il Cile di portare i problemi dell’immigrazione al confine.

In mezzo a questa impasse, il presidente della Camera dei deputati cilena, Vlado Mirošević, ha chiesto la creazione di un corridoio umanitario che includa tutti i paesi della regione per risolvere la crisi e consentire ai migranti un passaggio sicuro verso il Venezuela.

Nel frattempo, il sindaco della città di confine cilena di Arica, Gerardo Espindola, ha promesso risorse per sostenere coloro che sono rimasti bloccati, soprattutto bambini e anziani.

READ  Mentre la Palestina chiede di diventare membro a pieno titolo delle Nazioni Unite, cosa si frappone? | Notizie della guerra israeliana a Gaza

“Agiremo con la rapidità richiesta da questa situazione critica che colpisce le persone bloccate al confine”, ha affermato Espindola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *