Jay Monahan: Il Congresso ha lasciato il PGA Tour “da solo” contro i sauditi

Jay Monahan: Il Congresso ha lasciato il PGA Tour “da solo” contro i sauditi

In una lettera inviata al Congresso due giorni dopo che il PGA Tour ha annunciato un accordo rivoluzionario con il Fondo per gli investimenti pubblici dell’Arabia Saudita, il commissario del Tour Jay Monahan ha risposto ai legislatori che ora mettono in dubbio la decisione del dipartimento di lavorare con il Fondo per gli investimenti pubblici.

“Durante questa intensa lotta, ci siamo incontrati con diversi membri del Congresso ed esperti di politica per discutere l’offerta di PIF di rilevare il golf negli Stati Uniti e abbiamo suggerito modi in cui il Congresso potrebbe sostenerci in questo sforzo… siamo stati in gran parte esclusi”, ha scritto Monahan nella lettera ottenuta da POLITICO “Stiamo respingendo gli attacchi, apparentemente a causa della complessa alleanza geopolitica degli Stati Uniti con l’Arabia Saudita”.

Diversi legislatori – tra cui il senatore Richard Blumenthal, D-Conn., che lunedì ha inviato una lettera a Monahan e al CEO di LIV Golf Greg Norman chiedendo maggiori informazioni sull’accordo – hanno contestato l’accordo “quadro” come “lavaggio sportivo” e messo in dubbio come l’entità a scopo di lucro influenzerà lo stato di esenzione fiscale del tour.

Di Rex Hoggard

Richard Blumenthal afferma inoltre che la mossa del Fondo per gli investimenti pubblici, controllato dal governo saudita, è un tentativo di riciclare abbigliamento sportivo.

Nella lettera di due pagine, Monahan ha dettagliato l’accordo e ha osservato che il tour “manterrà la supervisione amministrativa dei tornei di golf”.

“Sia chiaro che, nonostante i numerosi rapporti, questo accordo non è una fusione tra PGA Tour, LIV Golf e PIF”. Libri Manhan.

READ  I repubblicani della Camera citeranno Hunter e James Biden mentre l'indagine sull'impeachment si intensifica - World News

Il round manterrà la maggioranza dei seggi nel consiglio di amministrazione della nuova entità con la presidenza del governatore del fondo, Yasser Al-Rumayyan.

“Dopo una battaglia di divisione durata due anni, incluso l’intenso legame che ha diviso il nostro grande sport, abbiamo deciso un accordo che porrà fine alla divisione e farà crescere lo sport del golf, pur mantenendo il PGA Tour come principale entità organizzativa per il golf professionistico maschile tornei”, ha scritto.

Blumenthal, che è il presidente della sottocommissione permanente per le indagini, ha chiesto qualsiasi informazione in merito all’accordo tra il round e il PIF, qualsiasi comunicazione relativa all’accordo tra i membri del consiglio di amministrazione e la direzione esecutiva di entrambe le organizzazioni e qualsiasi comunicazione interna in merito in che modo l’accordo potrebbe influire su di esso. Stato di esenzione dalla tassa di soggiorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *