Nuove splendide immagini dal concorso “Fotografo astronomico dell’anno 2023”.

Nuove splendide immagini dal concorso “Fotografo astronomico dell’anno 2023”.

Vincitori della quindicesima sessione “Fotografo astronomico dell’anno” Il concorso è stato indetto nel Osservatorio Reale di Greenwich, Inghilterra. Il concorso annuale presenta alcune delle migliori fotografie spaziali scattate da astrofotografi amatoriali di tutto il mondo.

Per il concorso del 2023 ci sono state più di 4.000 iscrizioni provenienti da 64 paesi. La nostra immagine principale presenta una sorprendente cattura dell’aurora boreale da parte del fotografo Andreas Eitel sulle Isole Lofoten in Norvegia.

“Queste immagini dell’aurora boreale sono assolutamente magiche”, ha affermato Imad Ahmed, uno dei giudici del concorso. “La temperatura ghiacciata del paesaggio è quasi palpabile, con montagne innevate circondate da fredde tonalità smeraldo… Ci sono anche molti dettagli ricchi nell’immagine, incluso un baldacchino di stelle sottilmente sparse nel cielo, che aggiunge davvero lo splendore dello scatto.

Guarda altre bellissime foto qui sotto, oltre a quella che ha catturato la straordinaria scoperta.

Il vincitore assoluto del premio Fotografo Astronomico dell’Anno 2023 è “Andromeda, inaspettata” © Marcel Drechsler, Xavier Strottner, Jan Sainty, Che mostra la Galassia di Andromeda (M31) e il suo arco di plasma che l’accompagna mai visto prima. Questa foto è stata scattata vicino a Nancy, in Francia.

I vincitori assoluti del premio Astronomy Photographer of the Year sono stati il ​​trio di fotografi Marcel Drechsler, Xavier Strottner e Jan Senti per la loro immagine “Andromeda, Unexpected”. Questa immagine non è solo uno sguardo straordinario alla Galassia di Andromeda (M31) – la galassia a spirale più vicina alla Via Lattea – ma include anche una scoperta inaspettata: un enorme arco di plasma vicino alla galassia. Gli scienziati stanno ora studiando la gigantesca nube di gas e affermano che potrebbe essere la struttura più grande del suo genere più vicina a noi nell’universo. Poiché M31 è spesso studiato da fotografi dilettanti e professionisti, questa scoperta è sorprendente.

READ  I fossili ampiamente conservati mostrano i mammiferi che si separano da un dinosauro dal becco

“Questa immagine astronomica è sorprendente [it is] “Prezioso”, ha detto il giudice e astrofotografo László Francics. “Non solo presenta Andromeda in un modo nuovo, ma innalza anche la qualità dell’astrofotografia a un livello superiore.”

Vincitore del premio Giovane Fotografo Astronomico dell’Anno, La nebulosa del pollo che corre © Runwei Xu e Binyu Wang.

Due ragazzi quattordicenni cinesi si sono uniti per vincere il premio Giovane Astronomo dell’anno di quest’anno. Runwei Xu e Binyu Wang hanno lavorato insieme per catturare la Nebulosa del Cigno Corrente. Yuri Beletsky, giudice e astronomo professionista, l’ha definita “un’immagine straordinariamente bella”. “Grazie ai giudici di Greenwich”, hanno detto Xu e Wang, “siamo molto felici di avere questo risultato come vincitori della competizione giovanile”.

Secondo posto nella categoria “Persone e Spazio”: Una visita a Tycho © Andrew McCarthy

Uno dei nostri astrofotografi preferiti, Andrew McCarthyha portato a casa il secondo premio nella categoria “Persone e spazio” con questo splendido scatto della Stazione Spaziale Internazionale di fronte al cratere Tycho sulla Luna.

Anche se la Stazione Spaziale Internazionale è in realtà 1.000 volte più vicina alla Terra che alla Luna, questa prospettiva fa sembrare che la ISS stia effettivamente orbitando attorno al nostro satellite naturale. McCarthy ha scattato questa foto dal deserto di Sonora in Arizona, negli Stati Uniti, per trovare la location perfetta.

“Due telecamere, due telescopi, un preciso occhio telemetrico e un viaggio a distanza nella natura selvaggia”, ha detto il giudice Steve Marsh. “Dire che questo fotografo ha fatto di tutto per creare questa straordinaria immagine è un eufemismo. La Stazione Spaziale Internazionale viene spesso fotografata mentre passa sopra il disco lunare (dal nostro punto di vista), ma pochi sono in grado di catturarla in questo modo. La stazione stessa è nitida e dettagliata. La superficie della luna sottostante non è solo posizionata con cura, ma perfettamente risolta ed elaborata. Tutto ciò lo renderebbe un risultato sorprendente, ma quando si notano anche i marroni e i blu metallici riprodotti in tutte le loro splendore sottile, ottieni una delle migliori immagini di transito delle stazioni nello spazio internazionale in assoluto.

READ  Il raro meteorite "earthgrazer" ha volato per 186 miglia attraverso Georgia, Alabama e Tennessee prima di scomparire
Altamente raccomandato nella categoria Persone e spazio: Incontri ravvicinati della famiglia Haslingden © Katie McGuinness, La mostra Haslingden Aura, una scultura di 18 metri di diametro situata sulle colline del Lancashire in Inghilterra, è stata ispirata dal poster del film Incontri ravvicinati del terzo tipo.
Vincitore nella categoria “Skyscapes”: Grandi fuochi d’artificio cosmici © Angel An, I goblin compaiono sull’Himalaya.

Gli spiriti sono un raro fenomeno di luminescenza atmosferica che appare come fuochi d’artificio. Angel Anne ha scattato questa foto dalla vetta più alta dell’Himalaya.

“Questo non è, come potrebbe sembrare a prima vista, un enorme essere extraterrestre, ma un viticcio inferiore di un essere (Red Lightning)!” Lo ha detto il giudice Ed Bloomer. “Questa rara scarica elettrica si verifica nell’atmosfera molto più in alto rispetto ai normali fulmini (e infatti, nonostante il nome, è generata da un meccanismo diverso), conferendo all’immagine un senso di scala fuorviante e interessante… Crea un’atmosfera strana e inquietante immagine che non potrebbe essere posso solo disegnare i tuoi occhi.

Altamente raccomandato nella categoria “Sole”: La grande eruzione solare © Mehmet Ergun.

Qui il Sole è fotografato dalla Germania, mostrando un grande brillamento solare di circa 700.000 km di diametro, che esplode a sinistra dell’immagine.

Il giudice Melissa Proby ha dichiarato: “Sono rimasta stupita dal modo in cui il fotografo è riuscito a estrarre la trama della superficie del Sole e le forme complesse dei brillamenti solari per dare vita a questa immagine”. “Ma ciò che mi piace tantissimo di questa immagine è il modo in cui il bagliore rossastro circostante è stato meravigliosamente catturato, attirando la nostra attenzione sulla natura feroce del sole.”

READ  Allerta meteo: pioggia inondazioni nel sud-ovest
Secondo posto nella categoria “Luna”: Tramonto sul Terminator © Tom Williams.

Questa immagine ravvicinata, chiara e dettagliata della Luna mette in risalto le drammatiche ombre sulla superficie lunare. L’immagine mostra il Cratere Plato, un cratere perfettamente circolare con un diametro di 109 chilometri. Questa immagine è stata scattata durante il tramonto locale della Luna nell’ultimo quarto, quando circa metà della faccia della Luna è visibile dalla Terra, ripresa dal Wiltshire, Regno Unito.

“La parte migliore dell’astrofotografia lunare è che la luna è uno dei pochi oggetti nel cielo notturno che può veramente trasmettere una sensazione tridimensionale”, ha detto il giudice Steve Marsh. “In nessun luogo ciò è dimostrato meglio di quando il sole che sorge o tramonta proietta ombre sulle montagne e sui crateri. La nitidezza e la chiarezza delle ombre in questa immagine è mozzafiato. C’è anche una sorprendente quantità di dettagli risolti nello stesso Cratere Platone, con molti piccoli crateri Immagini visibili, alcune delle quali hanno un diametro inferiore a un chilometro. Anche le increspature e le onde nell’antica Maria piena di lava che circonda il cratere sono state catturate magnificamente, rendendolo uno dei migliori esempi di astrofotografia lunare ravvicinata che abbiamo ho visto quest’anno.

Vincitore dentro Premio Annie Mander per la creatività dell’immagine: Eco nero © John White. Le immagini catturano materiale acustico dal progetto Chandra Sonification della NASA e catturano visivamente il suono del buco nero al centro della galassia Perseo.

Forse l’immagine più singolare in competizione è questa immagine scattata da John White di un buco nero. Il fotografo ha spiegato che il suono veniva riprodotto attraverso un altoparlante montato su una capsula Petri, oscurata nella parte inferiore e poi riempita con circa 3 mm di acqua. Utilizzando un obiettivo macro e un alone di luce in una stanza buia, White ha sperimentato il suono e il volume per esplorare i diversi modelli che si formano nel liquido.

Congratulazioni a tutti i vincitori e partecipanti. Per tutti i vincitori vedere Sito web dei musei reali di Greenwich. Se sei abbastanza fortunato da trovarti nel Regno Unito, potrai assistere a una mostra delle immagini vincitrici inaugurata al National Maritime Museum sabato 16 settembre 2023. Il concorso Astronomy Photographer of the Year è organizzato dal Royal Greenwich Observatory, con il supporto di dalla Libertà. Mercati specializzati e in collaborazione con Rivista notturna della BBC Sky.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *