Migliaia di persone si riuniscono a Montreal per celebrare la Giornata nazionale israeliana nel mezzo delle tensioni legate alla guerra regionale

Migliaia di persone si riuniscono a Montreal per celebrare la Giornata nazionale israeliana nel mezzo delle tensioni legate alla guerra regionale

Ogni anno, migliaia di ebrei di Montreal si riuniscono in Canada Square per celebrare la Giornata Nazionale di Israele, ma quest'anno non c'è stata alcuna marcia e c'era molta sicurezza.

Gli organizzatori affermano che con la guerra in corso a Gaza e con 130 ostaggi israeliani ancora dispersi, si trovano di fronte a un dilemma.

“Avevamo una grande decisione da prendere se festeggiare o meno, ma tutti pensavano che avessimo qualcosa da festeggiare”, ha detto Michael Druckmann, uno degli organizzatori dell'evento.

Oltre ai canti e alle danze, c'è stato anche un momento di silenzio per le persone uccise e scomparse dall'attacco di Hamas del 7 ottobre.

È stata anche un'opportunità per le persone di mostrare i propri colori: alcuni come Richard Lyon non lo avevano mai fatto prima.

“Per noi è ancora più necessario esprimere pubblicamente il nostro sostegno. Sosteniamo Israele privatamente e personalmente, e quest'anno, per ovvie ragioni, c'era bisogno di dimostrarlo pubblicamente, per mostrare la nostra comunità e la città in cui viviamo, per politici che queste cose sono importanti per noi canadesi”, ha detto Lyon.

Le critiche verso Israele erano forti e c'era un gruppo di manifestanti filo-palestinesi dall'altra parte della strada.

I sostenitori di Israele si riuniscono per celebrare il Giorno dell'Indipendenza del Paese a Montreal martedì 14 maggio 2024. The Canadian Press/Christine Moshe

Ma il console generale Paul Hirschson afferma che le proteste non li dissuaderanno. Crede che la maggioranza dei canadesi sostenga Israele.

“Il detto in Israele è che dobbiamo essere in grado di difenderci da soli”, ha detto Hirschson “Ma non siamo affatto soli”.

Ecco perché per alcuni lo sventolamento della bandiera era particolarmente importante martedì.

READ  I primi soccorritori rispondono alla segnalazione di un'esplosione vicino alla East Bypass, 78th Street

“È sicuramente un'opinione impopolare. Ci sono molte cose sui social media in cui le persone demonizzano il sostegno a Israele. Per me non è così”, ha detto Ethan Borkowski.

I partecipanti che hanno parlato con i giornalisti hanno espresso il loro orgoglio e il loro sostegno a Israele, anche se hanno affermato di essere rattristati dalla perdita di vite umane a Gaza.

“Penso che chiunque si senta ebreo nel cuore voglia uscire allo scoperto e sostenere Israele e sostenere la pace, che è la cosa più importante, e spero che ciò accada durante la mia vita”, ha detto Dori Davidson, che ha sventolato una grande bandiera israeliana sul il muro. A margine della cerimonia, in un'intervista alla Stampa canadese. Ha detto di non essersi lasciata scoraggiare dalle critiche rivolte a Israele o agli anti-manifestanti.

“Anche loro hanno il diritto di parlare, e anche noi. Hanno il diritto di credere in ciò in cui credono, e io ho il diritto di credere in ciò in cui credo, e questo è ciò che conta”, ha detto.

Ari Kugler, un ebreo di Montreal, ha detto che l'evento di quest'anno andrà diversamente. “Purtroppo quest’anno siamo costretti a vivere una situazione in cui c’è guerra, morte e tragedia, e dobbiamo commemorarlo, sentire il dolore e sperare solo che ci sia una pace duratura”, ha detto.

Manifestanti filo-palestinesi manifestano dall'altra parte della strada davanti a un raduno di sostenitori filo-israeliani, riuniti per celebrare il Giorno dell'Indipendenza del loro paese a Montreal martedì 14 maggio 2024. The Canadian Press/Christine Moshe

Alcune centinaia di manifestanti filo-palestinesi hanno chiesto un cessate il fuoco a Gaza e hanno tentato di interrompere le celebrazioni israeliane. Per loro, il 14 maggio è la data della Nakba, la parola araba per “disastro”.

READ  La polizia del Bangladesh arresta 8 persone dopo l'incendio fatale della fabbrica

“Siamo qui rattristati nel vedere questi sostenitori filo-israeliani celebrare i 76 anni del Giorno dell’Indipendenza di Israele – 76 anni di palese ribellione contro Dio, palese ribellione a tutto ciò che l’ebraismo rappresenta: omicidio, furto e oppressione di un intero popolo”, ha detto Rabbi Dovid Feldman, di Neturei Karta, Canada “Il genocidio va avanti da mesi”.

Manifestanti filo-palestinesi manifestano dall'altra parte della strada davanti a un raduno di sostenitori filo-israeliani, riuniti per celebrare il Giorno dell'Indipendenza del loro paese a Montreal martedì 14 maggio 2024. The Canadian Press/Christine Moshe

“Siamo qui solo per inviare un messaggio al mondo: sosteniamo i nostri fratelli e sorelle in Palestina”, ha detto Tariq Taha.

Dall’altro lato della strada, isolato dalla polizia, lo studente di Montreal Ethan Zeppeli era una delle poche decine di persone che sventolavano bandiere palestinesi in segno di protesta. Ha detto di sentirsi “disgustato” e “arrabbiato” per questo evento celebrativo in un momento in cui i palestinesi vengono uccisi nella guerra tra Israele e Hamas.

“Oggi vediamo queste persone lì festeggiare, mentre noi tutti siamo in lutto”, ha detto Zebelle, aggiungendo che era lì per sostenere un cessate il fuoco e un’eventuale soluzione al conflitto a due Stati.

Con file della stampa canadese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *